Il metaverso, un mondo concettuale di realtà virtuale e aumentata, inclusi giochi e ambienti di lavoro a distanza, è la novità per gli investitori tecnologici cinesi. Ecco le prime 10 aziende del settore.
Gli investitori cinesi sono colpiti dal metaverso, il mondo cibernetico digitale immersivo in cui, dicono, gli esseri umani possono interagire e fare praticamente qualsiasi cosa: giocare, assumere identità virtuali, prendere lezioni, lavorare in remoto, andare ai concerti e, naturalmente, acquistare cose. Le tecnologie che diventeranno ciò che a volte viene descritto come il successore di Internet hanno guadagnato molta trazione negli Stati Uniti da Meta, Google, Microsoft, Epic Games e persino Apple di Zuckerberg, ma le loro controparti cinesi sono alle calcagna.

Circa 1.500 aziende della Cina continentale hanno recentemente richiesto marchi relativi al concetto. Secondo PricewaterhouseCoopers, una società di revisione, il mercato cinese del metaverso è destinato a crescere del 13% all’anno a $ 1,5 trilioni entro il 2030, e alcuni come la banca Morgan Stanley hanno fornito valutazioni astronomiche di $ 8 trilioni nei prossimi decenni.
 
Ma le istituzioni statali cinesi non hanno condiviso l’entusiasmo del settore privato. I think tank finanziati dallo stato hanno denunciato il metaverso come un rischio per la sicurezza nazionale e il regolatore nazionale della proprietà intellettuale ha bloccato i marchi relativi al metaverso . L’assalto del governo dell’anno scorso ai giochi, alle società di social media e all’industria delle criptovalute ha messo in mostra l’ostilità di Pechino nei confronti delle società tecnologiche che sminuiscono l'”economia reale” e niente potrebbe essere più lontano dal “reale” del metaverso.

Quindi è stato uno shock quando il Ministero dell’Industria e della Tecnologia dell’Informazione ha incluso il metaverso in un elenco di tipi di “piccole e medie imprese innovative” da supportare nel prossimo anno, insieme a società in blockchain e IA. Nelle ultime settimane, più voci nell’establishment si sono espresse a favore del metaverso. Il motivo è stato catturato al meglio in un recente white paper del China Institutes of Contemporary International Relations (CICIR), un think tank statale affiliato al Ministero della sicurezza dello Stato:

[Il contenuto di Metaverse] richiede intelligenza artificiale; i protocolli di archiviazione e autenticazione richiedono blockchain, l’elaborazione dei dati richiede intelligenza artificiale, cloud computing e cloud storage, l’ambiente di rete richiede 5G e le interazioni virtuali richiedono software e hardware [realtà virtuale].
Come una stella la cui luce dà vita ai pianeti che la circondano, la ricerca del metaverso – che piaccia o no alla Cina – porterebbe un mucchio di capitali e alcune delle migliori menti ingegneristiche del pianeta alle industrie che la Cina vorrebbe tanto dominare. Per raggiungere il suo obiettivo di superiorità tecnologica, la Cina potrebbe aver bisogno del metaverso.

Yuanchuang Metaverse, un think tank con sede a Shenzhen, ha valutato tutte le società rilevanti in Cina in base alla loro tecnologia, riconoscimento del marchio, ricavi e potenziale di sviluppo futuro. Ecco i primi 10:

1. Tencent

Tencent (腾讯) è già il più grande contendente cinese per la supremazia globale del metaverso. Il conglomerato mediatico possiede già una grossa fetta di spazio immobiliare cibernetico con app insostituibili come WeChat, Kogou Music (Spotify cinese), Tencent Meetings (Zoom cinese) e quote considerevoli in altri giocatori globali del metaverso, incluso il creatore di Fortnite Epic Games (40%), Activision Blizzard (5%), Ubisoft (5%), Roblox (joint venture) e persino SnapChat (12%).

Negli ultimi tempi Tencent è stato su tutte le furie cibernetiche, assumendo nuovi sviluppatori per giochi immersivi , investendo in ogni produttore di giochi nel suo campo visivo e registrando circa 100 marchi metaverse . Rispetto ad altri concorrenti in questo elenco, è il più avanti perché ha una formazione costellata di stelle di società in portafoglio o collaboratori pronti a contribuire a ogni pezzo del puzzle del metaverso. Includono giochi di livello mondiale (Epic Games), piattaforme di contenuti generati dagli utenti (Roblox), piattaforme di social media (Soul, WeChat), sviluppatori di simulazioni 3D (Avakin Life) e un’azienda di cloud computing di livello mondiale (Tencent Cloud).

La principale debolezza di Tencent è nell’hardware, poiché i costosi visori VR e gli smartphone top di gamma per eseguire esperienze virtuali sono prodotti principalmente da altre società. Ma con le partecipazioni in Snap, il proprietario di SnapChat e della società di realtà aumentata (AR) Spectacles, insieme ai nuovi piani per acquisire la società di giochi per smartphone Black Shark Technology, sostenuta da Xiaomi, la società sta riprendendo il gioco.

(Nota: la realtà aumentata, o AR, si riferisce a esperienze avanzate in ambienti del mondo reale mentre la realtà virtuale, o VR, è completamente virtuale e richiede cuffie.)

2. Huawei

Il gigante delle telecomunicazioni è uno dei principali sviluppatori di elettronica di consumo, smartphone e tecnologia 5G. Dopo due anni tumultuosi di sanzioni statunitensi, che hanno lasciato il business degli smartphone sospeso da un dirupo, Huawei (华为) sta cercando nuove opportunità di crescita nel software per veicoli elettrici e nel metaverso.

Lo scorso novembre, Huawei ha fatto un salto verso quel futuro presentando l’ app Starlight Tower星光巨塔, un gioco interattivo di realtà aumentata. L’app funziona un po’ come Pokemon Go, trasformando l’ambiente circostante di un utente in un’esperienza AR coinvolgente. A gennaio Huawei ha lanciato una demo della tecnologia di mappatura 3D sottostante, nota come Cyberverse, nello Shougang Park di Pechino (di recente diventato famoso a livello mondiale per aver ospitato alcuni eventi sciistici delle Olimpiadi invernali). Gli analisti considerano la tecnologia come la spina dorsale di qualsiasi futuro prodotto Huawei Metaverse.

La posizione di leadership dell’azienda nel 5G, insieme a migliaia di altri brevetti in VR, chip e sistemi operativi, sarà particolarmente utile per le sue ambizioni metaverse.

3. Alibaba

Il gigante dell’e-commerce ha mostrato le sue ambizioni nel metaverso quando ha investito $ 790 milioni nell’unicorno in realtà aumentata Magic Leap nel 2016. Da allora, l’azienda ha investito più di $ 1 miliardo in startup legate alla realtà aumentata e alla realtà virtuale.

Nel maggio 2021, Alibaba (阿里巴巴) ha presentato il suo primo idolo di celebrità generato digitalmente, Ayayi, un personaggio basato sull’intelligenza artificiale che ha una somiglianza inquietante con gli umani, dalle sue espressioni facciali ai movimenti del corpo. A dicembre, Alibaba ha istituito il proprio “laboratorio XR” – XR che significa “realtà estesa”, un termine industriale per prodotti relativi alla realtà virtuale e aumentata – e la sua app per il posto di lavoro simile a Zoom, DingTalk, che ha appena lanciato i nuovi occhiali AR per consentire agli utenti per condurre riunioni virtuali.

Oltre a una grande spinta allo shopping virtuale, al marketing e ad altre offerte, Alibaba ha anche cercato di aumentare il suo vantaggio nell’infrastruttura di cloud computing. È già il terzo fornitore di servizi cloud al mondo dopo Amazon e Microsoft e ha recentemente creato un’altra piattaforma di servizi di cloud computing chiamata Cloud Mirror. Alibaba ha anche richiesto recentemente una serie di marchi, tra cui “Ali Metaverse” e “Taobao Metaverse”.

Il metaverso offre un’opportunità per Alibaba di reinventarsi, allontanandosi dal settore dell’e-commerce altamente saturo, che è andato in disgrazia con Pechino.

4. Baidu

Il gigante della ricerca cinese Baidu (百度) ha lanciato “il primo prodotto metaverso di fabbricazione cinese” nel dicembre 2021. Conosciuto come Xirang希壤 (“Land of Hope”), la tecnologia del metaverso è stata rivelata dal CEO Robin Li (李彦宏 Lǐ Yànhóng) in un Conferenza degli sviluppatori di intelligenza artificiale tenuta virtualmente tramite l’app .

I cinesi ordinari, così come i giornalisti, potrebbero partecipare alla conferenza scaricando l’app Baidu metaverse tramite smartphone e PC insieme alle cuffie del produttore di hardware VR Pico , supportato da ByteDance . Alla conferenza, Li ha parlato di un “decennio d’oro” di intelligenza artificiale e “simbiosi uomo-computer”.

L’evento è fallito. CGTN , l’emittente statale cinese, ha definito il software una “terribile esperienza”. A differenza di Tencent, Baidu non è un outfit da gioco e la grafica non è il suo forte; la sua competenza principale è l’intelligenza artificiale, in cui ha eccelso attraverso importanti scoperte nella tecnologia delle auto senza conducente, nella traduzione, nel riconoscimento vocale e delle immagini, nell’IA conversazionale e altro ancora. Ma la sua prima versione del metaverso è una dichiarazione piuttosto che un passo di vendita, una dichiarazione che il gigante della tecnologia è pronto a farcela in questo campo emergente. Baidu ha fatto la sua giusta quota di investimenti in hardware, attraverso filiali come iQiyi e la sua ultima linea di visori VR chiamata QIYU .

Sebbene il gigante della ricerca non sia mai stato forte nei giochi, la sua specialità nell’IA rende tutto possibile.

5. NetEase

NetEase (网易) è l’altro grande gigante cinese dei giochi dopo Tencent. L’azienda ha una gamma di competenze relative al metaverso in campi come VR/AR, AI, cloud gaming e blockchain.

Nell’agosto 2021, il braccio AI di NetEase ha rilasciato un sistema di riunioni virtuali immersivo chiamato Yaotai瑶台, simile a uno Zoom cinese basato sulla realtà virtuale. Quest’anno, il gigante dei giochi prevede di fare un grande passo nel metaverso lanciando la propria piattaforma di contenuti per la generazione di utenti (un concorrente con Tencent e Roblox). I giochi generati dagli utenti, favorendo un impegno sociale costante in un ambiente digitalmente immersivo stabile, sono visti da alcuni sviluppatori di grandi nomi come la porta d’ingresso al metaverso.

NetEase incorpora elementi VR/AR nei suoi giochi dal 2016, quando uno dei suoi giochi VR è stato offerto sulla piattaforma Google Daydream, una prima iterazione dei giochi VR che è stata interrotta nel 2019 a causa della scarsa adozione. Nel 2017, NetEase ha fatto un grande investimento in Niantic, lo sviluppatore del blockbuster AR Pokemon Go. L’azienda ha presentato alcuni hardware AR, inclusa una mostra dei suoi occhiali AR in cartone HoloKit , sebbene rimanga una delle principali debolezze della sua attività.

NetEase ha un potente stack tecnologico per eseguire un concetto di metaverse. Con la giusta esecuzione, ha il potenziale per battere i concorrenti più grandi.

6. ByteDance

La società madre di TikTok, ByteDance (字节跳动), sta attualmente testando beta la propria app metaverse chiamata Party Island 派对岛, un concorrente di XiRang di Baidu e Starlight Tower di Huawei. Il gigante della tecnologia ha negato l’etichetta “metaverso”, ma il social network non è concettualmente lontano, consentendo agli utenti di creare avatar personali, chattare in un mondo virtuale e pianificare eventi nel mondo reale.

Ad agosto, con una mossa ampiamente considerata come un perno direzionale, ByteDance ha speso 1,4 miliardi di dollari per il produttore di cuffie VR Pico, una società simile a Oculus di Meta. L’acquisto ha consolidato un portafoglio di investimenti che corre su e giù per la catena di approvvigionamento del metaverso, inclusi designer di chip ( Steam Computing ), piattaforma di contenuti generati dagli utenti ( Code Qiankun ), tecnologia VR ( Vital Visions ), piattaforme di gioco (Ohayoo, Pixmain, NVSGames) e produzioni cinematografiche e televisive tradizionali ( Wuli Culture ).

ByteDance è in ritardo rispetto ai giganti della tecnologia più affermati nella tecnologia diretta del metaverso, ma il suo stack tecnologico nel metaverso è secondo solo a quello di Tencent.

7. MiHoYo

Fondato nel 2012, MiHoYo (米哈游) è uno sviluppatore di giochi con sede a Shanghai noto per il suo recente successo globale Genshin Impact , un gioco di ruolo (RPG) open world che è diventato il gioco di maggior incasso a livello globale lo scorso anno.

MiHoYo è uno dei principali sostenitori della società ” social metaverse ” Soul, l’app di social networking rivolta alla Gen Z cinese. L’app proto-metaverse ha presentato un’IPO negli Stati Uniti con MiHoYo come finanziatore privato. MiHoYo ha anche centri di ricerca dedicati a progetti relativi al metaverso. Nel 2018, MiHoYo ha istituito un centro dedicato alla ricerca sull’interfaccia cervello-computer. Il CEO e fondatore Cài Hàoyǔ蔡浩宇 ha anche affermato che Genshin Impact è nato dal suo interesse per i concetti del mondo aperto, un prototipo del metaverso disponibile nei giochi di oggi.

Sebbene MiHoYo sia piccola rispetto ad altre società tecnologiche in questo elenco, è focalizzata sul laser sulla visione del metaverso in modi in cui gli altri conglomerati tecnologici non lo sono e non possono. Cai, che vanta una fiducia alla Steve Jobs nel leggere le predilezioni dei consumatori, mira a creare uno spazio virtuale in cui 1 miliardo di persone in tutto il mondo saranno attratte da abitare entro il 2030 e la sua azienda mira a rendere realistici mondi virtuali come quelli raffigurati in The Matrice .

MiHoYo è nel bel mezzo di un’espansione globale, assume nuovi lavoratori e apre nuovi uffici come a Montreal . Con un gruppo di sviluppatori di giochi di livello mondiale, MiHoYo sarà probabilmente un formidabile concorrente nello spazio del metaverso cinese.

8. Lilith Games

Fondata nel 2013, Lilith Games (莉莉丝), con sede a Shanghai, è uno dei primi cinque editori di giochi in Cina per fatturato, noto per titoli mobili pluripremiati come AFK Arena e Rise of Kingdoms. Con 1.900 dipendenti distribuiti in 180 contee e regioni della Cina, Lilith, come il suo concorrente MiHoYo, si sta preparando per un’espansione globale.

Parte del piano di espansione coinvolge più prodotti metaverse. Lilith ha dedicato un team di 200 persone allo sviluppo della propria piattaforma di contenuti generati dagli utenti (UGC), simile a Roblox, nota come Da Vinci Project. La scorsa estate, il progetto ha lanciato la sua prima app UGC, nota come ” BOOM!PARTY “, disponibile nei Google Store nel sud-est asiatico.

Lilith ha anche iniziato a sviluppare il proprio stack tecnologico del metaverso. Ad agosto, Lilith Games ha partecipato a una serie A da 47 milioni di dollari per Qiyuan World , una delle principali società di intelligenza artificiale generale fondata da ex dirigenti di Alibaba. A maggio, ha anche condotto un round di finanziamento di 8 milioni di dollari nella piattaforma tecnologica di gioco cloud Telekinesis Technology .

Come azienda di giochi, Lilith Games è già vicina al metaverso in virtù del suo mercato. Ora ha bisogno di un’IA completa e di uno stack tecnologico di cloud gaming per dare vita ai suoi giochi.

9. Xiaomi

Xiaomi (小米) è un gigante dell’elettronica di consumo, a volte paragonato ad Apple per i suoi design ossessionati dai consumatori. Il gigante della tecnologia è il terzo produttore mondiale di smartphone dietro Samsung e Huawei, con una presenza in oltre 80 paesi e regioni in tutto il mondo.

L’anno scorso, il produttore di elettrodomestici intelligenti ha fatto un ingresso clamoroso nei veicoli elettrici, ma l’azienda è anche in lizza per il settore immobiliare del metaverso. Vanta 129 brevetti relativi al metaverso, secondo Yuanchuang Metaverse, ma finora ha adottato una strana strategia: i resoconti dei media cinesi suggeriscono che Xiaomi sta entrando nel mercato tramite sistemi di pagamento mobile progettati direttamente per il metaverso. A dicembre, Xiaomi ha investito nella società di realtà virtuale Sky Limit Entertainment fondata dal leggendario regista Zhāng Yìmóu 张艺谋.

Un portavoce ha recentemente confermato il piano: Xiaomi si appoggerà alle proprie competenze piuttosto che fare offerte per l’intera torta del metaverso come Tencent. Mira a sviluppare la tecnologia relativa al metaverso nei sistemi di pagamento, la tecnologia per smartphone, i display video e altro ancora, al fine di diventare essenziale per qualsiasi futuro del metaverso.

10. ZTE

Fondata nel 1985 a Shenzhen, ZTE Corporation (中兴通讯) è una società multinazionale di telecomunicazioni classificata come impresa statale (SOE) ma gestita privatamente.

ZTE è nata da Huawei negli anni ’80 ed è in ritardo rispetto al fratello maggiore in termini di produzione e capitale umano. Ma l’infrastruttura AI di ZTE è molto avanzata: a novembre, la sua tecnologia AI ha vinto il terzo posto in una competizione globale di reti neurali. Oltre ad essere un leader del settore nelle reti 5G e nelle tecnologie informatiche, entrambe centrali per il metaverso, ZTE ha assunto seri talenti nei progetti di infrastrutture Internet of Things (IoT), AR e blockchain. Di recente, ZTE ha assunto un team dedicato per lavorare su VR e altri progetti relativi al metaverso attraverso la sua controllata Nubia. ZTE sembra concentrarsi principalmente sullo sviluppo di tecnologie nella realtà estesa.

A differenza di altre società in questo elenco, ZTE ha esperienza pratica: le sue tecnologie sono state implementate dallo stato in una serie di applicazioni del mondo reale come fabbriche intelligenti, trasporti intelligenti e città intelligenti. Quelle esperienze pratiche, insieme alle collaborazioni statali, possono fare la differenza nella razza del metaverso.

da supchina.com

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi