L’app social del metaverso che ha sfidato WeChat
Affari e tecnologia
Zheli, una nuova società di social media cinese con tendenze metaverse, è uscita dal nulla ed è in competizione con WeChat.

 


Gli amici digitali sono cose volubili. Innumerevoli di numero, poco profonde nella sostanza, emergono più spesso nei compleanni. Ti fanno un ping non richiesto. Scompaiono senza preavviso. Quindi, quando riappaiono, sono nelle foto con gli altri tuoi amici digitali.

L’app più scaricata in Cina la scorsa settimana, Zheli (啫喱) promette di risolvere i nostri problemi online con più tempo sullo schermo. Presentata come un “appartamento virtuale online per amici intimi”, la nuova app di social media limita le interazioni degli utenti a soli 50 contatti. Gli utenti si uniscono con un avatar 3D e interagiscono con i contatti in una stanza condivisa che assomiglia a un appartamento. La comunicazione in tempo reale e la condivisione della posizione sono incoraggiate.
 
Milioni di utenti cinesi sono apparentemente venduti con la promessa di una maggiore intimità. Rilasciata per la prima volta il 20 gennaio, Zheli ha scalato le classifiche il 9 febbraio, la prima volta che un’app ha battuto WeChat per il primo posto dal 2019. L’app sembrava essere popolare tra le coppie a distanza durante le vacanze del capodanno cinese, molte delle quali interagito nell'”appartamento” online fornito da Zheli.

La svolta può essere spiegata in parte dai contrasti di Zheli con WeChat, la super app per eccellenza che ha dominato le vite cinesi per oltre un decennio. Sebbene WeChat sia iniziato come un’app di messaggistica proprio come WhatsApp, era così gonfio di nuove funzioni che l’app non dà più priorità agli amici o alle comunicazioni personali. Le persone lo usano per quasi tutto, comprese le consegne di cibo, le comunicazioni aziendali, i contatti commerciali, i pagamenti, l’intrattenimento, la corrispondenza delle date e persino la pianificazione dei vaccini.

Una chiusura improvvisa
Appena tre giorni dopo che Zheli ha rovesciato WeChat sull’App Store, il proprietario, Beijing Particle Information Technology, ha sospeso i download, citando “uno sforzo continuo e organizzato da parte di piattaforme più grandi” per diffondere false voci e attaccare la credibilità dell’azienda. Si riferiva anche a “problemi tecnici”, inclusi arresti anomali, ritardi e interruzioni causate da una domanda imprevista.

“Non ci saremmo mai aspettati che Zheli fosse amato da così tanti utenti in un periodo così breve”, si legge nell’annuncio. “Se il numero di utenti aumenta ulteriormente, indipendentemente da ciò che facciamo, sarà difficile fornire la migliore esperienza utente”.

La sospensione sembra essere in risposta a una campagna online dei netizen che hanno affermato che i loro ID WeChat e QQ erano stati rubati dall’app.

Avvicinarsi al metaverso
Zheli fa parte di una nuova ondata di app legate al “metaverso”, che sono modellate sull’ambiente online virtuale reso popolare da Meta di Mark Zuckerberg. Circa 1.500 aziende della Cina continentale hanno recentemente presentato domanda per marchi metaverse e giganti della tecnologia cinese come Tencent, Huawei e Baidu hanno già lanciato prototipi del concetto, sebbene siano tutti ampiamente delusi .

Combinando elementi virtuali 3D e un concetto di stanza condivisa, Zheli condivide tratti simili ad altre piattaforme emergenti come Soul, ZEPETO, QQ Show e l’app ZAO per lo scambio di volti. Alcuni utenti di Weibo hanno accusato Zheli di approfittare dell’ultimo zeitgeist. “So che questa è fatturata come un’app metaverse ma… non è la stessa cosa di QQ Show tranne che con amici intimi?” ha scritto un utente .

Ma Zheli sembrava aver attinto a un reale desiderio tra i cinesi di nuovi accordi sociali nel mondo digitale. Quella richiesta sembra essere condivisa a livello globale. Negli Stati Uniti, le app di appuntamenti legacy come Tinder e Bumble sono sotto pressione da un raccolto di nuove app di appuntamenti. L’anno scorso, nello spazio degli appuntamenti si sono svolti 43 round di finanziamento , per un totale di oltre 31 milioni di dollari. Sia WeChat che Tinder hanno circa un decennio e i VC odorano di sangue nell’acqua.

Zheli non è il primo del suo genere, e man mano che le nuove tecnologie dalla realtà virtuale alla grafica 3D entrano di moda, non sarà certamente l’ultima.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi