Perché le scuole non dovrebbero vietare ChatGPT
 
“Se gli insegnanti non resistono alla crescente invasione dei computer nelle aule, ci sono buone possibilità che l’alfabetizzazione scompaia entro 10 anni”, affermava un articolo pubblicato sul quotidiano inglese canadese, Ottawa Citizen. Era il 30 novembre 1981. 

La dichiarazione non è invecchiata molto bene, ma oltre 40 anni dopo, le scuole dello stato di New York hanno bandito il popolare chatbot OpenAI ChatGPT riportando sentimenti simili negli ecosistemi educativi di tutto il mondo. ChatGPT ha la capacità di scrivere saggi, codici, copioni e poesie e prosa di ogni tipo.

Se rivediamo ora l’ articolo di Ottawa Citizen , sembra quasi isterico e scritto da qualcuno che allora non si rendeva conto del potenziale dei computer. Oggi, un computer è una parte intrinseca del percorso educativo di un bambino. Facendo parallelismi con l’articolo, si potrebbe sostenere che le scuole non comprendono completamente il potenziale dell’IA generativa in questo momento e forse potrebbe avere lo stesso impatto dei computer. 

 

Perché le scuole detestano l’IA generativa?
Le scuole stanno vietando l’ IA generativa, tra le preoccupazioni di “sicurezza e accuratezza dei contenuti prodotti” e il suo “impatto negativo sull’apprendimento degli studenti”. ChatGPT è facile da usare e gli studenti potrebbero spacciare saggi scritti dal bot come propri, e sarebbe molto difficile per gli insegnanti differenziare un lavoro originale da un saggio generato dall’intelligenza artificiale. 

Il mondo accademico è preoccupato che gli studenti utilizzino ChatGPT per i loro vari compiti progettati per affinare le loro capacità. Ciò potrebbe avere un impatto critico sulle capacità di risoluzione dei problemi e analitiche degli studenti, arrestandone la crescita.

Con questa nuova tecnologia lanciata contro di loro, è comprensibile il motivo per cui il mondo accademico voglia vietarla. “Qualsiasi nuova tecnologia porterà con sé preoccupazioni per la sicurezza, la privacy e l’accuratezza”, ha detto ad AIM Abhishek Sharma, capo di RoboCHAMPS di BrightCHAMPS.

Anche Giada Pistilli, principal ethicist di Hugging Face, ha pensieri simili. “Purtroppo il sistema educativo sembra costretto ad adeguarsi a queste nuove tecnologie. Credo sia comprensibile come reazione, visto che poco è stato fatto per anticipare, mitigare o elaborare soluzioni alternative per contornare i possibili problemi che ne derivano. Le tecnologie dirompenti spesso richiedono l’educazione degli utenti perché non possono essere semplicemente lanciate contro le persone in modo incontrollabile “, ha detto ad AIM.

Ma vietare è l’approccio giusto?
Un divieto assoluto dell’IA generativa potrebbe non essere la strada giusta per il settore dell’istruzione. L’IA generativa potrebbe avere una miriade di casi d’uso in questo campo. Invece, il mondo accademico dovrebbe lavorare a stretto contatto con esperti nel campo dell’intelligenza artificiale per integrare meglio la tecnologia nel loro curriculum educativo.

Shruti Shreya, responsabile del programma presso il think tank di ricerca e politica pubblica, il Dialogo, ha affermato che vietare semplicemente la tecnologia è inutile perché esiste là fuori. “Piuttosto che divieti e blocchi generalizzati, l’approccio più sostenibile sarebbe quello di rendere gli studenti consapevoli delle possibilità e dei limiti dell’intelligenza artificiale e continuare a conversare con gli insegnanti sulle capacità dello strumento”.

L’intelligenza artificiale è pervasiva e molto presto sarà ovunque. Il mondo intero funzionerà con l’intelligenza artificiale e anche il tuo tostapane potrebbe avere l’intelligenza artificiale tra qualche anno, questo è il panorama in evoluzione. Quindi, invece di vietare l’IA generativa, il mondo accademico dovrebbe concentrarsi sulla preparazione degli studenti a uno scenario in cui dovranno affrontare l’IA nella vita di tutti i giorni. 

Sagar Vishnoi, uno stratega politico indipendente, ritiene che le istituzioni educative e le scuole abbiano un ruolo importante da svolgere nel colmare il divario tra le tecnologie innovative e l’apprendimento degli studenti. “L’intelligenza artificiale dovrebbe essere accolta e integrata nel curriculum per migliorare l’esperienza degli studenti e l’accesso all’apprendimento”.

“Non riesco a immaginare come le scuole statunitensi faranno rispettare questi divieti perché i rilevatori circolanti finora sono piuttosto imprecisi”, ha detto Pistilli.

Cosa possono fare?
Per verificare i potenziali effetti negativi, le istituzioni educative possono, ad esempio, implementare una controtecnologia per rilevare il plagio e preparare incarichi che sono sfumati e richiedono comprensione umana, analisi critica e intuizione.  

Per aiutare gli insegnanti a identificare i contenuti generati da ChatGPT, Edward Tian, ​​uno studente di Princeton, insieme a Sreejan Kumar, ha sviluppato GPTZero. Lo strumento può contrassegnare i contenuti generati da ChatGPT e altri motori di intelligenza artificiale generativa. Inoltre, OpenAI, il creatore di ChatGPT, sta già lavorando a uno strumento di filigrana . 

Pistilli ritiene cruciale e urgente lavorare, ad esempio, su una filigrana o su rilevatori di testo migliorati, almeno per catturare meglio il testo generato. “Se noi, come società, non possiamo decidere se vogliamo queste tecnologie nelle nostre vite, dovremmo almeno essere preparati per il loro uso e impatto su di noi.”

Sfruttando l’IA generativa
Sharma ritiene che l’IA generativa possa effettivamente rivelarsi un’aggiunta preziosa in più settori, inclusa l’istruzione. La necessità del momento è integrare queste nuove tecnologie nel curriculum e nei processi di apprendimento per renderle più personalizzate, efficienti e coinvolgenti.

L’intelligenza artificiale generativa può consentire agli educatori di migliorare le esperienze e i risultati di apprendimento degli studenti, ha affermato. “Può essere utilizzato in modo efficace per progettare piani di lezione e compiti personalizzati in base alle capacità di apprendimento e alle esigenze di ogni individuo.”

“L’IA generativa si dimostrerà vantaggiosa anche per gli insegnanti. Possono aiutare ad automatizzare attività come l’impostazione di fogli di domande, valutarli, valutare ecc., Liberando gli insegnanti affinché si concentrino sulla fornitura di istruzioni personalizzate e attenzione a coloro che ne hanno bisogno “, ha aggiunto.

L’IA generativa sta penetrando nello spazio accademico e sta lentamente iniziando a governare il posatoio, ha detto ad AIM Girish Singhania, CEO di EduBridge. 

“Poiché l’IA generativa è parte integrante della ludicizzazione, sarà sempre più impiegata dagli edtech per rendere l’esperienza di apprendimento più inclusiva e coinvolgente. Con l’IA generativa sempre più utilizzata dalle piattaforme edtech, stiamo ora esaminando metodi di apprendimento più avanzati e interattivi che hanno la capacità di coinvolgere gli studenti “, ha affermato.

Inoltre, l’IA generativa insieme alla tecnologia VR/AR potrebbe rivelarsi rivoluzionaria. “Potrebbe fornire agli studenti esperienze di apprendimento pratiche e coinvolgenti. Questi possono rivelarsi particolarmente utili quando si tratta di studenti con bisogni speciali “, ha affermato Sharma.

Singhania crede che l’IA generativa abbia i suoi meriti nel campo della robotica , che come argomento sta diventando popolare in India.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi