ruolo dell’IA nella creazione di prodotti e soluzioni inclusivi
Non possiamo presumere una conclusione scontata che l’Intelligenza Artificiale creerà una società più equa e inclusiva: richiederà concentrazione e sforzi intenzionali e sostenuti.
 
L’inclusione non è discrezionale; è un imperativo, in tutte le dimensioni della diversità: età, disabilità, genere, razza, etnia, lingua, stato economico, orientamento sessuale, neurodiversità. L’inclusione è fondamentale per i valori umani, ma è anche un bene per gli affari. 

Gli studi dimostrano che le organizzazioni con una maggiore diversità di genere tra i dirigenti senior ottengono risultati migliori, compreso il loro approccio strategico all’innovazione 1 . Sono più redditizi, più socialmente responsabili e offrono ai clienti esperienze più sicure e di qualità superiore. Su scala più ampia, vi sono argomentazioni economiche e sociali a favore dell’inclusione e dell’equità di genere, compreso l’impatto su una crescita più rapida ed equa, sulla sostenibilità ambientale, sulla scelta dei consumatori, tra gli altri 2 . 

Più di 1 miliardo di persone nel mondo, potenziali clienti o dipendenti, vivono con una qualche forma di disabilità. Dato che il 70% delle disabilità è invisibile, non dovrebbe sorprendere che a un certo punto della nostra vita, la maggior parte di noi probabilmente dovrà affrontare un qualche tipo di disabilità temporanea, situazionale o permanente. L’inclusione delle persone con disabilità è una responsabilità e un’opportunità. Le organizzazioni si stanno rendendo conto che la progettazione per l’accessibilità non solo stimola l’innovazione, ma attrae e trattiene i migliori talenti. 

Allo stesso modo, c’è una crescente consapevolezza che gli individui neurodiversi portano attributi preziosi a un team, tra cui prospettive diverse, pensiero creativo, design, risoluzione dei problemi, pensiero analitico, riconoscimento di schemi e attenzione ai dettagli.

L’intelligenza artificiale ha il potenziale per creare una società più inclusiva. Consideriamo due dimensioni: lingua e disabilità. 

La lingua è spesso la più grande barriera all’accesso alle informazioni e, quindi, alle opportunità. Oggi la traduzione linguistica tramite l’intelligenza artificiale sta rimuovendo questa barriera. Ad esempio, Azure AI di Microsoft ora consente alle organizzazioni di tradurre tra 100 lingue e dialetti a livello globale, rendendo le informazioni in testo e documenti accessibili a oltre 5,6 miliardi di persone in tutto il mondo 3 . Questi includono non solo le lingue più parlate al mondo come inglese, cinese, hindi, arabo e spagnolo, ma anche dialetti nativi o preferiti da una popolazione più piccola.

Ci sono quasi 7.000 lingue parlate in tutto il mondo, ma purtroppo ogni due settimane una lingua muore con il suo ultimo parlante. I recenti progressi nell’IA hanno consentito l’inclusione di lingue e dialetti a basso contenuto di risorse (ovvero, con meno dati di addestramento) e spesso in via di estinzione, come il tibetano, l’assamese e l’inuktitut (un dialetto della famiglia linguistica eschimese-aleutina del Canada). Un modello di intelligenza artificiale multilingue chiamato Z-code combina diverse lingue di una famiglia linguistica come hindi, marathi e gujarati. Sfruttare la comunanza tra le lingue e l’utilizzo di tale capacità di apprendimento a trasferimento condiviso consente all’IA di migliorare l’intera famiglia linguistica, riducendo i requisiti di dati per ottenere traduzioni di alta qualità. Le lingue sono una celebrazione della storia di un popolo; che modo meraviglioso per consentire l’inclusione, oltre a preservare la cultura e il patrimonio! 

L’accessibilità è un veicolo per l’inclusione delle persone con disabilità e l’IA può svolgere un ruolo significativo. Ad esempio, “Seeing AI” 4 è un’app che offre alle persone non vedenti o ipovedenti un modo più semplice per comprendere il mondo che li circonda attraverso le telecamere dei loro smartphone. Vedere l’IA aiuta gli utenti a leggere il testo stampato in libri, menu di ristoranti, segnali stradali e note scritte a mano, oltre a identificare banconote e prodotti tramite il loro codice a barre. Sfruttando la tecnologia di riconoscimento facciale sul dispositivo, l’app può persino descrivere l’aspetto fisico delle persone e le loro espressioni.

Ci sono decine di innovazioni per consentire alle persone attraverso uno spettro di disabilità e differenze di condurre una vita appagante e produttiva. Questi includono opzioni di sottotitoli per persone sorde o con problemi di udito, IA conversazionale per aiutare le persone con sindrome di Down o autismo, interfacce abilitate per l’elaborazione vocale e del linguaggio naturale per aiutare le persone con disabilità a cercare contenuti o opportunità di lavoro, comprensione della lingua dei segni per la comunicazione sul posto di lavoro , Strumenti di intelligenza artificiale per problemi di salute mentale e sintomi per una gestione efficace delle linee di assistenza per adolescenti. La lista è lunga e cresce ogni giorno!

Eppure, c’è motivo di cautela. L’IA è una tecnologia e, come ogni tecnologia, è solo uno strumento: sono le persone, le organizzazioni e le società che definiscono come viene utilizzata. Non possiamo presumere una conclusione scontata che l’Intelligenza Artificiale creerà una società più equa e inclusiva: richiederà concentrazione e sforzi intenzionali e sostenuti. Nel caso dell’IA, questa concentrazione e questo sforzo sono ancora più importanti perché l’IA è una “tecnologia per scopi generici”, con il potenziale per un ampio impatto su persone, società e intere economie. È una tendenza tecnologica esponenziale, che si basa su un calo precipitoso del costo della potenza di calcolo, esplosione di dati e innovazione negli algoritmi, ed è ancora agli albori. 

Pertanto, in quanto individui, organizzazioni e società responsabili, è nostro dovere garantire che l’IA venga utilizzata per creare prodotti e soluzioni inclusivi. E che l’IA utilizzata per creare prodotti e soluzioni sia a sua volta inclusiva.

Oggi la tecnologia dell’intelligenza artificiale viene integrata in ciò che guardiamo o leggiamo, ciò che acquistiamo, quale prezzo paghiamo, come trascorriamo il nostro tempo, dove andiamo in vacanza, quale strada prendiamo, chi e dove incontriamo, come o chi assumere o promuovere, come o con chi collaboriamo. Ancora una volta, la lista è lunga e cresce ogni giorno!

“Da un grande potere derivano grandi responsabilità” è un antico adagio. È necessario mettere in pratica i principi 5 di un’IA responsabile ed etica – equità, sicurezza e privacy, sicurezza e affidabilità, inclusione, trasparenza, responsabilità. Inizia con la consapevolezza dei problemi coinvolti, con la comprensione che l’IA non è magica; sono dati e algoritmi nascosti e con un riconoscimento di responsabilità. Sebbene la consapevolezza intorno ai principi sia necessaria, non è sufficiente. L’implementazione di solide pratiche di IA responsabile richiede conoscenze e prospettive diverse, impegno della leadership, strumenti e tecniche, processi e pratiche, standard e meccanismi normativi, nonché leve di governance e organizzative per consentire un progresso duraturo.

L’IA è diventata e sarà sempre più pervasiva, potente e personale. Sta a noi assicurarci di guidarlo per creare una società più inclusiva, equa e autorizzata.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi