Home / AI in Azienda / L’Intelligenza Artificiale arriva nel cantiere edile e nelle costruzioni immobiliari

L’Intelligenza Artificiale arriva nel cantiere edile e nelle costruzioni immobiliari

L’Intelligenza Artificiale arriva al cantiere: Startup Pillar Technologies Bandiere Problemi prima dei Colpi Disasterici

A febbraio 2017, lo sviluppo di 235 unità di AvalonBay a Maplewood, nel New Jersey, è andato in fumo sei settimane prima dell’apertura prevista. L’homebuilder ha ricostruito da zero il progetto da 55 milioni di dollari, quindi ha cercato nuovi modi per prevenire gli incendi, una minaccia costante durante la costruzione di strutture in legno. La soluzione: Pillar Technologies, i cui dispositivi monitorano la temperatura, il fumo e altri segni di disastro imminente e che presto utilizzeranno l’intelligenza artificiale per segnalare i rischi ambientali ancora prima.

“È come un monitoraggio medico per gli edifici”, afferma Michael Feigin, chief construction officer e vice presidente esecutivo di AvalonBay.

La costruzione è un’industria gigantesca e, fino a poco tempo fa, aveva faticato ad adottare la tecnologia. Questo sta cambiando. La startup di base a New York Pillar è una delle numerose aziende che cercano di applicare l’intelligenza artificiale alla costruzione e all’ingegneria, utilizzando l’analisi predittiva per fare tutto, dalla manutenzione preventiva all’ottimizzazione del programma di lavoro.

È improbabile che questi tipi di strumenti rimangano sui siti di lavoro. Sensori e video in tempo reale che raccolgono dati e intelligenza artificiale che analizzano queste informazioni potrebbero portare a case e luoghi di lavoro più sicuri e più confortevoli.

POTREBBE PIACERTI ANCHE
“L’intelligenza artificiale viene aggiunta a tutto”, afferma Matt Joyal, chief technology officer di Pillar. “È qui che sta andando la tecnologia. Abbiamo così tanti dati. Perché non lo usiamo per rendere i siti di lavoro efficienti e sicuri? “

Alex Schwarzkopf, amministratore delegato di Pillar, ha fondato l’azienda con Joyal e un terzo amico mentre era ancora al college nel 2015 per affrontare un enorme gap nella sicurezza dei cantieri. I metodi manuali per mantenere i siti sicuri – ad esempio gli orologi per il fuoco umano – non erano efficaci o infallibili come dovevano essere. I robusti dispositivi wireless gialli di Pillar possono segnalare tutti i tipi di problemi sui cantieri prima che diventino pasticci da milioni di dollari o causare ferite alle persone. Possono identificare le perdite, che possono provocare muffe e determinare il livello di particolato come la silice, che può essere dannoso per i lavoratori edili.

I fondatori hanno raccolto $ 3,6 milioni di finanziamenti e firmato dozzine di clienti a livello nazionale, incluso il World Trade Center di New York. Le entrate dovrebbero raggiungere almeno $ 4 milioni quest’anno, ancora piccole, ma i piani di Pillar per l’analisi predittiva dovrebbero aiutare la crescita ad accelerare. “Gli affari di Alex stanno prendendo il rischio fuori dal sistema”, afferma Martha Notaras, partner di XL Innovate, la divisione di venture del gigante assicurativo AXA e un investitore in Pillar.

Schwarzkopf, 27 anni, ei suoi cofondatori avevano originariamente intenzione di costruire un casco sportivo che potesse misurare gli impatti e determinare il rischio di concussione. Ma gli atleti non volevano indossarlo, non potevano ottenere finanziamenti e il progetto è morto. Quella fallita startup alla fine ha portato a Pillar dopo che un amico nella gestione delle costruzioni ha suggerito di trasferire la tecnologia agli elmetti.

Negli incontri con i gestori di edifici riguardo a questa nuova idea, un dirigente di costruzione chiese loro se potevano monitorare la temperatura o l’umidità per aiutare a prevenire la crescita della muffa e difetti di costruzione. Il loro dispositivo esistente non poteva fare nessuna di quelle cose, ma Schwarzkopf ei suoi cofondatori colsero l’opportunità. “Eravamo tipo, ‘dateci quattro mesi e lo costruiremo’”, ricorda.

Hanno strapazzato e costruito una prima versione del dispositivo Pillar che avrebbero potuto dimostrare a Gilbane, una grande impresa di costruzioni. Il primo prototipo sembrava ruvido, un mucchio di fili spinti in due scatole elettriche blu. Tuttavia, la durabilità, piuttosto che l’aspetto, ha dimostrato il maggiore ostacolo. In un incontro iniziale con un potenziale cliente, un responsabile della costruzione ha gettato il dispositivo attraverso la stanza e guardato mentre si schiacciava a pezzi per illustrare quanto fosse difficile il prodotto avrebbe dovuto essere.

Schwarzkopf e Joyal hanno capito come costruire un prodotto wireless più robusto con una batteria che potrebbe durare per mesi. I costruttori possono ora installare decine di sensori di livello industriale nei loro cantieri e lasciarli lì attraverso la pioggia e il vento per monitorare le condizioni potenzialmente distruttive e inviare allarmi di emergenza se necessario.

Tutte queste informazioni forniscono i dati per un sistema di intelligenza artificiale pianificato. I dispositivi includono sette diversi sensori per monitorare temperatura, umidità, polvere, particolato, pressione atmosferica, luce ambientale e monossido di carbonio. “Quello che abbiamo fatto è un rilevamento di anomalie di base. Stiamo cercando valori anomali “, dice Joyal. “Quest’anno, vedremo fino a che punto possiamo spingere l’apprendimento automatico per fornire ai nostri clienti informazioni migliori sui loro edifici”.

Col passare del tempo, mentre Pillar raccoglie più dati dai propri sensori, sarà in grado di modellare i dati in modo più dinamico per prevedere, ad esempio, a che punto una tubazione rischia di congelarsi al primo piano con la porta aperta a 30 gradi temperature rispetto al terzo piano dove le temperature sono più elevate per consentire l’installazione del muro a secco. “Se fuori piove, la soglia per quando un incendio potrebbe iniziare è diversa”, dice Joyal. La modellizzazione predittiva consentirà a Pillar di tenere conto di tali differenze e, dato che Pillar risucchia più dati nei suoi dispositivi, i modelli diventeranno più intelligenti nel tempo. Il pilastro alla fine potrebbe considerare sia le differenze tra edificio ed edificio, forse consentendo di valutare i 25 cantieri di costruzione di uno sviluppatore in base alla loro rischiosità e le differenze regionali.

Un giorno, i dispositivi di Pillar potrebbero persino rimanere negli edifici una volta costruiti, inviando i dettagli dei loro ambienti a un sistema centrale, che potrebbe continuare a monitorare i potenziali problemi. Alla domanda, Schwarzkopf sorride. “È divertente che tu lo stia chiedendo”, dice, “perché ho un sacco di persone che mi chiedono di farlo”.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi