Home / Società / L’intelligenza artificiale ci salverà da noi stessi?

L’intelligenza artificiale ci salverà da noi stessi?



È l’anno 2050. La popolazione mondiale è di circa due miliardi di persone, solo il 25% di quello che era trenta anni fa. Nel 2018, le Nazioni Unite avevano previsto che ci stavamo avvicinando al punto di non ritorno sul cambiamento climatico. Sfortunatamente, quando l’umanità intraprese un’azione seria e significativa sulla minaccia, era troppo tardi. La temperatura della Terra ha aumentato vertiginosamente la distruzione dell’agricoltura, innescando enormi inondazioni in tutto il mondo, creando incredibili disastri naturali e costringendo le persone a migrare verso nord … o sottoterra. In concomitanza con i cambiamenti climatici, un’esplosione di pandemie ha devastato la Terra. L’enorme volume di malattie era troppo per gli eroi medici dell’umanità mentre i sistemi sanitari di tutto il mondo si sgretolavano. Tuttavia, il clima e la malattia erano solo l’inizio. L’economia globale è crollata mentre le persone cercavano disperatamente cibo, acqua e ripari. La civiltà si è schiantata e bruciata, e persino la società è andata in pezzi mentre le persone si combattevano per le necessità di base della vita.

Sembra apocalittico? Mentre pensiamo che ciò non accadrà mai, questa possibile realtà è molto più vicina all’accadimento di quanto la maggior parte della gente capisca. Gli umani sono collegati per affrontare minacce immediate come quella che si muove tra i cespugli. Tuttavia, per le minacce a lungo termine come i cambiamenti climatici, le persone soffrono di pregiudizi cognitivi che spesso ci fanno scartare la minaccia dell’entità o ci trasformano in astanti mentre aspettiamo che qualcun altro affronti il ​​problema. Non dobbiamo guardare oltre l’attuale pandemia di Covid-19come esempio. Quante volte la gente ora ha detto: “Perché non abbiamo fatto qualcosa prima quando ne abbiamo avuto la possibilità?” È stato incredibile vedere i nostri eroi medici e lavoratori in prima linea nei negozi di alimentari, nei servizi di ristorazione, al dettaglio, nei servizi di consegna, e così via, che aiutano a far andare avanti la società. È stato anche sorprendente vedere quanto è stato investito dalla nostra comunità globale per trovare un vaccino. Tuttavia, ciò si è verificato solo quando Covid-19 è passato da una minaccia a lungo termine a una vera e propria pandemia e una minaccia immediata . Immagina cosa potrebbe essere successo se avessimo affrontato la pandemia come società globale nel dicembre 2019. Oggi sarebbe sicuramente un mondo diverso.

Quindi, se l’umanità non riesce a gestire bene le minacce a lungo termine, chi possiamo rivolgerci per aiutarci? Bene, abbiamo un alleato molto potente nell’intelligenza artificiale (AI.)


Considera la storia di SnotBot®. Ocean Alliance sta sfruttando il potere di droni, analisi e intelligenza artificiale per valutare la salute dell’ecosistema oceanico locale. SnotBot® è un drone che segue i baccelli delle balene. Quando una balena “soffia il naso” (cioè usa il suo sfiatatoio), il drone entra in picchiata. Le piastre di Petri sul drone raccolgono il muco di balena (cioè il moccio), e quindi le macchine prendono la pletora di informazioni che includono DNA di balena, batteri, ormoni , acqua, ecc. Aggregando queste informazioni insieme, otteniamo informazioni sulla salute della balena e approfondimenti sulla salute generale dell’ecosistema oceanico locale. Questo diventa un indicatore di altre misure chiave come l’inquinamento, la temperatura dell’acqua e così via. Mentre Ocean Alliance sta ottenendo grandi intuizioni su ciò che sta accadendo attualmente, l’IA sta aiutando a studiare gli effetti a lungo termine. Con una ” memoria fotografica”, Il sistema di intelligenza artificiale può iniziare a discernere cambiamenti di pattern sottili anche su base giornaliera. Se insegniamo ai sistemi di intelligenza artificiale problemi a lungo termine come i cambiamenti climatici e l’inquinamento, terranno d’occhio i progressi di questi problemi. Se facciamo un ulteriore passo avanti, l’IA può persino identificare soluzioni per mitigare queste minacce o, forse, persino risolverle prima che diventino un pericolo.


Immagina un futuro in cui l’IA può identificare un nuovo virus e aiutare le persone a creare un vaccino prima che si verifichi il virus. Prezioso? Vediamo come i ricercatori medici possono sfruttare l’IA e il design generativo per fare esattamente questo, e abbiamo già la tecnologia e l’esperienza di altri settori per renderlo un la realtà. Abbiamo il potere di prevenire le epidemie e tanto meno le pandemie. Quindi quanto siamo vicini? Sfortunatamente, non così vicino ancora in gran parte a causa di due sfide chiave. Innanzitutto, unendo le nostre risorse per assicurarci di disporre di dati sufficienti per insegnare al sistema di intelligenza artificiale. In secondo luogo, impegnarsi a investire persone e denaro in una soluzione a lungo termineritorno sugli investimenti. Questa è una grande sfida perché non solo le persone sono collegate a minacce immediate, ma le aziende sono focalizzate sul laser su guadagni a breve termine . Questa potrebbe essere una combinazione letale.

Deforestazione in cui migliaia di alberi sono stati abbattuti.

Per fortuna, ci sono alcune organizzazioni che si concentrano sugli investimenti a lungo termine che le persone dovrebbero fare nell’intelligenza artificiale. Considera la società Dendra che si concentra sulla riforestazione. Il World Wide Fund for Nature stima che 27 campi di calcio della foresta vengano persi ogni minuto a causa della deforestazione, e Dendra prevede di combatterlo piantando 500 miliardi di alberi entro il 2060. Utilizzando immagini satellitari, Dendra identifica le aree chiave per il rimboschimento. Usando droni armati di speciali seedpods (pieni di semi e nutrienti germinati), l’esercito di droni spara i seedpods ad una velocità di 120 al minuto! Dendra stima che potrebbero aiutare i governi a ripristinare le foreste 150 volte più velocemente e solo per il 10% del costo attuale. Come ha condiviso Susan Graham, CEO di Dendra, “rappresenta un nuovo cambiamento nel modo in cui pensiamo al ripristino dell’ecosistema globale”.


A guidare la carica è anche Planet Home , un’organizzazione dedicata alle soluzioni planetarie e alla costruzione di una comunità di persone che intraprende micro-azioni. Antony Randall, co-CEO di Planet Home, afferma: “parliamo molto dei colpi di luna, ma abbiamo anche bisogno di Earthshots per aiutare a concentrarci anche sulle sfide delle persone e del pianeta”. Per Planet Home, è fondamentale connettere le persone con micro-azioni, piccoli cambiamenti che le persone sono disposte a fare per creare un impatto sociale positivo. Mentre sono piccoli, nel complesso, si sommano per spostare davvero l’ago sui nostri problemi globali. Prendi in considerazione le piante da appartamento. Se una persona adotta una pianta domestica, assorbirà, in media, 2 libbre di carbonio all’anno e pulirà l’87% degli inquinanti (nella sua stanza) entro 24 ore. Ora considera che questa persona e un altro milione di persone adottano una pianta d’appartamento. Questo aggiunge davvero! Questo è ciò che Planet Home vuole fare. Incoraggia le persone a intraprendere queste micro-azioni e a condividere i benefici complessivi che la sua comunità sta creando alle persone e al pianeta. È un obiettivo a lungo termine con un investimento enorme, ma come testimonia Randall, “abbiamo un solo pianeta, quindi prendiamoci l’impegno di preservarlo”.


Quindi, l’IA ci salverà da noi stessi? Solo se impegniamo tempo, denaro e risorse per consentire all’AI di farlo. È facile dire di sì ma incredibilmente difficile da fare. Gli esseri umani sono collegati a minacce immediate a breve termine. Le aziende si concentrano su obiettivi a breve termine. Tuttavia, questi ostacoli non sono insormontabili. Anche con un piccolo gruppo di persone e imprese dedite a una causa, possono spostare le montagne sfruttando il potenziale e il potere dell’IA e di altre tecnologie emergenti. Impegnandosi a utilizzare l’IA per le nostre grandi sfide globali, l’IA può salvarci da noi stessi.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi