Home / Società / L’intelligenza artificiale è destinata a conquistare il mercato dell’arte? ARTSop art consulting di Arushi Kapoor

L’intelligenza artificiale è destinata a conquistare il mercato dell’arte? ARTSop art consulting di Arushi Kapoor

Molte persone lo consideravano una “sfocatura informe di colori”, un’immagine astratta ma leggermente simile a un volto umano. L’immagine non è nemmeno posizionata correttamente sulla tela, anzi è inclinata verso nord-ovest.

Nell’ottobre 2018, l’ “opera d’arte”: Ritratto di Edmond de Belamy , una stampa generata da un algoritmo, è stata venduta per $ 432.500, dando così inizio alla corsa all’oro di AI-Art.

Gli esseri umani hanno sempre creato e apprezzato tutte le forme d’arte, per scopi visivi, per scopi estetici e persino per scopi terapeutici. Dal momento che le scoperte di un guscio artistico scolpito da homoerectus , l’attività artistica è cresciuta a passi da gigante ed è diventata un’industria altamente redditizia. Salvator Mundi di Leonardo Davinci è andato a $ 450,3 milioni, diventando l’opera d’arte più costosa fino ad oggi.

Comprendere e prosperare in questo settore non è così facile come potrebbe sembrare, richiede molta conoscenza, tempo ed esposizione. Arushi Kapoor, 25 anni, è CEO e co-fondatore di ARTSop art consulting, è un imprenditore che vanta tutte queste caratteristiche. È anche la fondatrice di Arushi , un centro culturale e magazzino d’arte con sede a Echo Park, Los Angeles. In questo articolo, Kapoor condivide la sua conoscenza dell’industria artistica e l’influenza che la tecnologia e l’intelligenza artificiale hanno su di essa.

La tecnologia ha avuto un impatto sul modo in cui l’arte viene creata e apprezzata per la maggior parte degli ultimi 100 anni, l’ invenzione di tubi di vernice portatili ha permesso agli artisti di dipingere all’aperto e ha scatenato un contingente di splendidi paesaggi e dipinti di orizzonti. Oggi fotocamere e software come Photoshop hanno ridefinito il modo in cui l’arte viene creata e apprezzata.

Kapoor, che è lei stessa un’appassionata di tecnologia, concorda sul fatto che questi progressi siano stati grandiosi, ma insiste sul fatto che non hanno cambiato il significato antiquato dell’arte.

“Sarò sempre grato per la tecnologia e i progressi tecnologici”, afferma Kapoor. “Non avrei un’impresa o non sarei in grado di fare ciò che ho fatto nel settore dall’età di 19 anni, se non fosse stato per tecnologie di vario genere”.

Continua: “Tuttavia, nella mia esperienza, sento che c’è ancora e ci sarà sempre quella riverenza nei cuori degli amanti dell’arte verso l’arte e l’artigianato fatti a mano. Le creazioni tecnologiche hanno una grande utilità e valore estetico, ma i dipinti e l’artigianato tendono ad avere quella che io chiamo “gloria artistica”. La creatività umana è l’essenza dell’arte. La tecnologia è un aiuto, non un sostituto completo”.

L’incursione di Kapoor nel settore risale a quando ha scritto il suo primo libro, “Talking Art” all’età di 19 anni. Con quel libro, ha fatto notare al mondo che l’arte non sarebbe stata solo un interesse fugace per lei. Kapoor è cresciuta in India, Europa e Stati Uniti e questa esposizione multiculturale ha sicuramente influenzato la sua conoscenza e comprensione dell’arte.

Kapoor è il direttore di Arushi, un’impresa con sede negli Stati Uniti che ha fatto la storia come la prima a presentare una mostra d’arte tutta indiana tutto esaurito; “Arte dell’India, reclamare il presente”.

ArtSop Consulting, un aspetto di Arushi, fornisce consulenza artistica privata a persone di tutto il mondo, comprando e vendendo arte per clienti nel mercato dell’arte secondaria. Inoltre, ArtSop rappresenta gli artisti primari che sono presenti nel magazzino d’arte, Arushi.

Kapoor è anche un investitore tecnologico, che ha svolto molte ricerche e investito capitali in startup artistiche basate sull’intelligenza artificiale che stanno muovendo l’ago quando si tratta del futuro della tecnologia artistica.

Kapoor commenta che l’integrazione tra AI e arte è stata accolta con sentimenti contrastanti.

“Personalmente, non ho ancora visto nessuna opera d’arte straordinaria creata esclusivamente dall’intelligenza artificiale”, afferma. “Penso che ci sarà sempre bisogno di un intervento umano per creare l’arte del parco. Ho sentito di recente che DeviantArt è uno strumento di intelligenza artificiale che aiuta a trovare opere d’arte rubate. È straordinario ed è così che credo che l’intelligenza artificiale possa avere un impatto positivo sul mondo dell’arte”

Il successo del Ritratto di Edmond de Belamy generato dall’intelligenza artificiale sembra aver scatenato una serie di creazioni artistiche basate sull’intelligenza artificiale, tutte desiderose di incassare gli intrighi dell’intelligenza artificiale tra alcuni amanti dell’arte che spendono molto.

In una recente mostra di stampe mostrate alla galleria HG Contemporary di Chelsea, l’epicentro del mondo dell’arte contemporanea di New York, 20 stampe sono state esposte come parte del ” Faceless Portraits Transcending Time “.

Il CEO di ARTSop non è necessariamente incuriosito da questo sviluppo, il MO di Kapoor si è sempre occupato di mettere in evidenza i futuri artisti locali e contemporanei femminili che non hanno una piattaforma per mostrare le loro creazioni. All’apertura del suo magazzino “solo su invito” a Los Angeles, ha presentato un’artista locale, Lindsay Dawn, per la sua prima mostra. Kapoor crede che la vera arte debba essere scoperta e celebrata.

“Se le stampe AI continuano a vendere per enormi quantità, potrebbero disincentivare la creazione e la creatività umana effettiva”, afferma Kapoor.

“Al ritmo con cui la tecnologia viene accettata in ogni settore, non è più difficile immaginare un futuro in cui meno artisti creano perché mancano piattaforme per vendere. ‘Arushi’ insieme a molte altre compagnie d’arte e gallerie, spera di trovare un equilibrio e di creare un ecosistema in cui entrambi i tipi di arte possano coesistere in futuro. Questo passaggio all’accettazione di opere d’arte non realizzate dall’uomo non è attualmente ampiamente accettato. Sono ottimista sul fatto che ci sarebbe sempre un’ampia sezione di amanti dell’arte che preferiscono le creazioni create dall’uomo o forse amano entrambe le cose”.

L’intelligenza artificiale non è stata inizialmente applicata all’arte come creatore ma come imitatore. La tecnica è chiamata trasferimento di stile e utilizza reti neurali profonde per replicare, ricreare e fondere stili di opere d’arte, insegnando all’intelligenza artificiale a comprendere le opere d’arte esistenti. Alexandra Squire è un eccellente esempio di come il processo molto umano di fare arte non sia facilmente replicabile. Squire crede che l’arte sia un linguaggio universale con vasti significati e si concentra su un’arte che è sostanziale, aperta all’interpretazione e ricca di profondità e consistenza.

Il maggiore utilizzo di tutti i tipi di intelligenza artificiale in tutti i tipi di arte suggerisce che è qui per restare. Dal libro scritto dall’intelligenza artificiale , ” 1 The Road “, ai video sui tulipani in fiore generati dall’intelligenza artificiale di Anna Riddler, i creatori hanno trovato valore nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

La domanda allora diventa: l’intelligenza artificiale è il futuro dell’industria dell’arte? Kapoor condivide il suo sentimento su questa domanda pertinente.

Kapoor aggiunge: “La visione più ottimistica è che l’intelligenza artificiale si evolva in uno strumento più grande per i creatori esistenti per migliorare, scoprire e replicare le loro opere. Tutti speriamo in un mondo in cui le nostre tecnologie ci aiutino e non ci sostituiscano”.

La prospettiva di Kapoor sul futuro dell’arte e dell’intelligenza artificiale è probabilmente la più sostenibile e desiderabile. C’è una forte percezione tra gli amanti dell’arte che le macchine non possano produrre arte nel vero senso della parola.

Questo sentimento è in parte vero perché finora l’intelligenza artificiale ha dimostrato solo la capacità di studiare e comprendere l’arte esistente e in qualche modo di migliorarle o combinarle per produrre qualcosa di nuovo e, in alcuni casi, qualcosa di meglio.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi