L’intelligenza artificiale sta diventando sempre più sofisticata, ma non va oltre le persone “normali”. 

Di recente ci sono state molte chiacchiere sull’accelerazione dell’IA. I feed di notizie di Twitter sono stati pieni di immagini generate da DALL-E, un modello di intelligenza artificiale che converte i messaggi di testo in immagini. L’affermazione di un ingegnere di Google secondo cui l’azienda ha costruito un chatbot “senziente” ha acceso dibattiti sull’esistenza di un’IA cosciente. E in mezzo a tutto, c’è una crescente confusione su ciò di cui l’IA è capace oggi e dove potrebbe essere diretta nei prossimi decenni. 

In un recente articolo di opinione per il New York Times, l’editorialista Kevin Roose ha affermato che man mano che l’IA diventa più sofisticata, dobbiamo aumentare l’influenza pubblica su come questa tecnologia viene utilizzata. Non potrei essere più d’accordo; ma penso che dobbiamo iniziare smantellando l’idea che l’IA sia necessariamente sofisticata o complessa in primo luogo. 

C’è un malinteso comune sul fatto che solo un’élite tecnologica esclusiva possa comprendere l’IA e che siano queste persone a determinarne il futuro. Ma in realtà ci sono molti modi diversi per imparare e implementare questa tecnologia. Nella mia esperienza nella creazione di team di intelligenza artificiale, ho scoperto che le persone creative che non provengono da un background tecnico sono spesso altrettanto abili nel cogliere i principi dell’IA. 

Togliere l’IA dal piedistallo
Fondamentalmente, l’IA funziona mappando la matematica sulla realtà. Le persone che sono brave in questo, si scopre, sono persone con un grande intuito. Persone che sanno cogliere gli schemi. Molti di noi lo fanno ogni giorno nel nostro lavoro: dare un senso ai dati e prevedere la decisione giusta. Molte persone potrebbero applicare l’IA a questo processo, se ne avessero il potere. 

Ho lavorato nell’IA negli ultimi dieci anni, ma non ho intrapreso un percorso tipico nel campo. Mi sono sempre piaciute la matematica e la scienza, ma anche l’arte e il design. Non ho una laurea in informatica avanzata, ma un BFA in scultura e un MBA in strategia e consulenza. Ci sono persone di ogni ceto sociale che hanno la capacità di capire come funziona l’IA. Il problema è che molti sono stati condizionati a pensare che questa conoscenza sia del tutto fuori portata. 

La tabella di marcia per l’educazione all’IA
Per coinvolgere una popolazione diversificata nel determinare il destino dell’IA, le parti interessate del settore devono lavorare per democratizzare una conoscenza pratica di questa tecnologia spesso fraintesa. Le società private svolgono un ruolo importante e hanno un interesse acquisito nel realizzarlo. 

Cinque anni fa, il 90% dei miei incontri con i leader aziendali è iniziato con una lunga conversazione su cosa sia il machine learning . Oggi, la maggior parte delle persone con cui parlo ha già un’idea di cosa sia l’apprendimento automatico e molti stanno cercando di usarlo per risolvere i problemi. Ma per dare vita a queste strategie, le aziende devono investire nel miglioramento delle competenze dei dipendenti in tutte le funzioni, dal marketing al magazzino, con una comprensione pratica dell’IA. Qualsiasi azienda che voglia rimanere competitiva nel prossimo decennio deve impegnarsi a investire denaro in questo tipo di istruzione. Puoi investire somme infinite in un’applicazione appariscente, ma se gli utenti finali non sono attrezzati per utilizzarla, non ha valore

Il dollaro non si ferma alle aziende. I media hanno un ruolo enorme da svolgere nel far sentire l’IA come qualcosa che il pubblico in generale può comprendere e influenzare. Attualmente, la narrativa dei media sull’IA è polarizzata in modo dannoso. L’IA è presentata come una tecnologia misteriosa e futuristica al livello dei popolari viaggi nello spazio e del congelamento criogenico. Oppure è una minaccia terrificante che ci ruberà tutti i posti di lavoro e conquisterà la civiltà. 

Anche le organizzazioni emergenti che pretendono di democratizzare l’IA spesso forniscono risorse esclusivamente tecniche. È estremamente difficile trovare informazioni educative e concrete. Il risultato è che quasi il 40% degli americani è preoccupato per il futuro dell’IA , mentre l’ 84% è “analfabeta dell’IA” . 

Le aziende private, i media e le istituzioni educative sono tutte responsabili del miglioramento di queste statistiche e del coinvolgimento di una comunità diversificata nel plasmare il futuro dell’IA. Affinché questa tecnologia funzioni per il bene di tutte le persone, la comprensione del suo destino da parte della nostra società deve essere informata non dalla paura, ma dalla conoscenza. 

Di: Zoe Hillenmeyer, Chief Commercial Officer per la società di Decision Intelligence, Peak

Da Unite.AI

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi