Home / Società / L’intelligenza artificiale renderà inutili gli avvocati ?

L’intelligenza artificiale renderà inutili gli avvocati ?

L’AI metterà fuori mercato gli avvocati?

Qual è la legge ma una serie di algoritmi? Istruzioni codificate che proibiscono le cose da fare e da non fare, se e ancora. Sembra molto simile alla programmazione per computer, giusto? Il sistema legale, d’altra parte, non è così semplice come la codifica. Considera solo il complicato stato di giustizia di oggi, che si tratti di problemi causati da tribunali arretrati, difensori pubblici sovraccarichi e bande di imputati accusati in modo sproporzionato di crimini.

Quindi, può l’intelligenza artificiale aiutare?

Così tanto. Gli studi legali stanno già utilizzando l’intelligenza artificiale per svolgere in modo più efficiente due diligence, condurre ricerche e fatturare ore. Ma alcuni si aspettano che l’impatto dell’IA sia molto più trasformativo. È previsto che l’IA eliminerà la maggior parte delle posizioni di ricerca legale e paralegale entro il prossimo decennio. I giudici e gli avvocati potrebbero condividere lo stesso destino? Il mio coautore Michael Ashley e io abbiamo parlato con esperti sull’impatto dell’IA sul sistema legale per il nostro libro in uscita, Own the AI ​​Revolution: sblocca la tua strategia di intelligenza artificiale per interrompere la tua competizione .

3d rendering robot holding gavel judge

“Potrebbe anche essere considerato un errore legale non utilizzare l’intelligenza artificiale un giorno”, dice Tom Girardi , famoso avvocato civile e ispiratore della vita reale per l’avvocato del film, Erin Brockovich . “Sarebbe analogo a un avvocato del secondo Novecento che sta ancora facendo tutto a mano quando questa persona potrebbe usare un computer.”

Ci sono molti motivi per ritenere che l’AI possa avvantaggiare l’industria legale in modo tanto significativo quanto il personal computer. Attualmente, il sistema legale si basa su eserciti di paralegali e ricercatori per scoprire, indicizzare e elaborare le informazioni. Per gli studi legali al momento, questo affidamento può essere costoso, aumentando le tariffe che applicano. E in uffici di difesa pubblica a corto di personale, gli investigatori possono solo passare qualche minuto a intervistare ciascuno dei loro clienti, riducendo enormemente il servizio che possono fornire.

Tuttavia, solo per una frazione del tempo e delle spese, l’intelligenza artificiale potrebbe essere utilizzata per condurre ricerche dispendiose in termini di tempo, riducendo gli oneri gravanti sui tribunali e sui servizi legali e accelerando il processo giudiziario. Ci sono anche situazioni in cui usare l’intelligenza artificiale potrebbe essere preferibile all’interazione con un umano, come per le interviste ai clienti. Ad esempio, è stato dimostrato che è più probabile che le persone siano oneste con una macchina che con una persona, dal momento che una macchina non è in grado di giudicare.

Naturalmente, l’intelligenza artificiale non può sostituire tutti i mezzi di raccolta delle informazioni. Ci sono casi in cui le deposizioni sarebbero più favorevoli alla raccolta di dati. Tuttavia, durante la preparazione per un controinterrogatorio di un testimone esperto, l’AI può essere efficacemente dispiegata per determinare ogni caso in cui un testimone particolare ha testimoniato, quali erano le sue opinioni e come le giurie hanno reagito, molto più velocemente e più a fondo di qualsiasi umano investigatore mai potuto

Tale efficacia è grande, ma gli avvocati si faranno prendere dal panico quando non possono fatturare quante ore? Non secondo Girardi. Crede che le aziende disposte ad adottare l’IA avranno un vantaggio strategico. “È compito di un avvocato risolvere un problema nel modo più rapido ed economico possibile”, spiega Girardi. “AI sarà una manna dal cielo perché darà agli avvocati le informazioni di cui hanno bisogno per risolvere i conflitti più velocemente.”

Sì, gli avvocati armati di intelligenza artificiale non sarebbero in grado di fatturare tecnicamente molte ore da quando l’IA avrebbe funzionato molto più velocemente di quanto avrebbero mai potuto; tuttavia, secondo Girardi, la maggiore efficacia di questi avvocati avrebbe probabilmente ripreso il business e portato ad altri clienti. “Se un avvocato può usare l’intelligenza artificiale per vincere un caso e farlo per meno di qualcuno senza intelligenza artificiale, chi pensa che il cliente sceglierà di lavorare con la prossima volta?”, Dice Girardi. Di conseguenza, la promessa per gli studi legali che utilizzano l’intelligenza artificiale è che saranno comunque in grado di generare lo stesso importo o anche più entrate espandendo i propri elenchi di clienti. Viceversa, le imprese troppo lente per adattarsi all’IA e all’automazione subiranno uno svantaggio competitivo.

Mentre la saggezza convenzionale suggerisce ancora che la sicurezza del posto di lavoro per avvocati e giudici sia più sicura rispetto ad altre professioni, ci sono state chiamate per alleviare il nostro sistema giudiziario ritardato esternalizzando i casi minori all’IA. A tal fine, alcuni tribunali stanno addirittura considerando di utilizzare l’intelligenza artificiale per determinare l’idoneità alla libertà provvisoria, rilevando modelli comportamentali che indicano il rischio di fuga – una decisione giudici carne-e-sangue tradizionalmente fatta in passato.

È probabile che le aule di tribunale si trasformino in altri modi significativi a causa dei progressi tecnologici. Girardi ritiene che le corti potrebbero un giorno accogliere la tecnologia AI per aiutare nella selezione della giuria. “Se una controversia civile riguarda una questione di fatto. Il dottore ha tagliato la gamba sbagliata? -Oggi, è in gran parte sistemato fuori dal campo “, dice Girardi. “Tuttavia, se un caso riguarda l’interpretazione della legge , ha aspettato troppo a lungo prima di eseguire una procedura? Un dottore ha fatto una telefonata negativa? -Il caso può andare in giudizio, motivo per cui la composizione filosofica di una giuria è così importante. “

L’intelligenza artificiale potrebbe essere preziosa in un contesto di prova perché potrebbe prevedere tali trucchi filosofici. Esperto nella raccolta rapida di informazioni importanti, potrebbe raccogliere dati sui potenziali giurati, compresa la loro storia degli incidenti, se hanno già prestato servizio, i verdetti di tali processi e le affiliazioni politiche e di beneficenza di un giurato. L’intelligenza artificiale potrebbe anche essere utilizzata per analizzare le reazioni facciali e il linguaggio del corpo che indicano come si sente un potenziale giurato su un problema. Prima che un potenziale giurato risponda anche a una domanda, il movimento dei suoi occhi, un cambiamento nella colorazione della pelle o uno spostamento nel posizionamento del corpo potrebbero comunicare non verbalmente una risposta emotiva dimostrando un pregiudizio positivo o negativo. Tali dati potrebbero essere utilizzati per una selezione ottimale della giuria, facilitando una maggiore equità.

Nonostante tali sviluppi all’interno del tribunale, è tuttavia difficile immaginare come gli avvocati di processo possano essere sostituiti dall’intelligenza artificiale. Per ora, la capacità unica di un umano di creare empatia con giurati e giudici allo stesso modo li rende indispensabili alle deliberazioni legali. Ma cosa succederebbe se un giorno i giudici venissero sostituiti dai robot? Dopotutto, sappiamo che gli umani sono creature fallibili, inclini a pregiudizi e pregiudizi.

Song Richardson , Preside della University of California-Irvine School of Law, si preoccupa solo di questa possibilità. “Perché qualcuno diventa un avvocato o un giudice? Non è certo quello di diventare un ingranaggio nella ruota di un sistema giudiziario di catena di montaggio. Il fatto che abbiamo commesse inevase con il risultato di non dare alle persone l’attenzione individualizzata che meritano ci dice che c’è qualcosa di fondamentalmente sbagliato nel nostro sistema giudiziario. Accelerare l’elaborazione di massa di persone che usano l’intelligenza artificiale non è la risposta. È l’opposto della giustizia . “

Richardson crede che l’AI possa avvantaggiare la professione legale, eppure ci avverte di stare attenta a come la implementiamo. Anche la migliore IA deve essere insegnata, il che significa che può essere solo obiettiva come le persone che la insegnano. “Le persone spesso considerano l’intelligenza artificiale e gli algoritmi come obiettivi senza considerare le origini dei dati utilizzati nel processo di apprendimento automatico”, afferma Richardson, specializzato nei pericoli del pregiudizio inconscio. “I dati distorti porteranno a un’IA distorta. Quando formiamo le persone per la professione legale, dobbiamo aiutare i futuri avvocati e giudici a capire come funziona l’IA e le sue implicazioni nel nostro campo “.

Nonostante queste preoccupazioni, Richardson crede ancora che l’impatto netto delle nuove tecnologie sarà positivo. Gli avvocati e i giudici sono all’altezza delle informazioni che ricevono e l’IA ha il potenziale per aumentare significativamente la qualità delle informazioni. Tuttavia, a prescindere da quanto sia sofisticata la tecnologia, lei e Girardi concordano sul fatto che non sarà mai un sostituto per il giudizio e il processo decisionale che solo gli umani possono fornire. “L’intelligenza artificiale non sostituirà la necessità del pensiero critico. Dobbiamo ancora preparare gli studenti a pensare come avvocati e non credo che cambierà mai “, afferma Richardson.

Anche se non esiste ancora un consenso su come l’IA alla fine modellerà la professione legale, sappiamo che l’IA è pronta a trasformare quasi ogni aspetto della nostra vita, e le nuove tecnologie che alimenterà creeranno una serie di problemi legali senza precedenti, tra cui la proprietà, la responsabilità , privacy e polizia. Per un assaggio di ciò che sta arrivando, considera questo: quando le auto che si guidano da sole iniziano a subire incidenti, chi sarà ritenuto responsabile? Il proprietario dell’auto? Il produttore? Il progettista del software? Il fatto stesso che si tratti di questioni complesse presto esacerbate da una tecnologia senza precedenti rivela la necessità di più avvocati, ma non di qualsiasi tipo di avvocato. Abbiamo bisogno di persone capaci di dare un senso alla nostra società in rapida evoluzione.

“Ciò che mi preoccupa è che non avremo avvocati che capiscono abbastanza bene algoritmi e intelligenza artificiale per sapere quali domande porre, né giudici che si sentano abbastanza a proprio agio con queste nuove tecnologie per decidere sui casi che li coinvolgono”, afferma Richardson. Alla luce di tali valide preoccupazioni, sta diventando sempre più chiaro che le nostre scuole di legge devono preparare gli avvocati di domani per utilizzare la nuova tecnologia. Ma anche questo non è abbastanza. Abbiamo anche bisogno che i consulenti e i giudici praticanti di oggi prendano in mano l’IA e tutto ciò promette di servire e proteggere meglio i nostri simili.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi