Dai un’occhiata a tutte le sessioni on-demand dell’Intelligent Security Summit 

 
La Linux Foundation senza scopo di lucro ha istituito la Open Metaverse Foundation (OMF) per creare il software e gli standard open source per un metaverso aperto .


L’obiettivo è fornire uno spazio di collaborazione a diversi settori per lavorare allo sviluppo di software e standard open source per un metaverso inclusivo, globale, neutrale rispetto ai fornitori e scalabile, ha affermato Royal O’Brien, direttore esecutivo dell’OMF, in un’intervista con GiochiBeat.

 
Molte organizzazioni leader di pensiero e comunità open source si sono unite come membri fondatori per sostenere lo sforzo di dare vita a questa visione.

Questi includono Cloud Native Computing Foundation, Futurewei, GenXP, Hyperledger Foundation, LF AI, LF Edge & Networking, Open Voice Network, Open Wallet e Veriken, tra gli altri. Questi componenti apportano anni di conoscenza ed esperienza per affrontare iniziative che vanno dall’intelligenza artificiale (AI), al cloud e all’edge computing, alle risorse digitali, alle transazioni, all’identità, al networking, alle simulazioni, alla sicurezza e altro ancora.

“Siamo ancora agli inizi della visione di un Metaverso aperto e riconosciamo che molte comunità e fondazioni open source stanno lavorando su pezzi vitali di questo puzzle iterativo”, ha affermato O’Brien. “Sebbene le sfide possano sembrare scoraggianti, sono stimolato dalle opportunità di collaborare con un’ampia comunità globale per riunire questi pezzi mentre trasformiamo questa visione in realtà”.

La missione di OMF è promuovere una forte comunità di sviluppatori, ingegneri, accademici e leader di pensiero che risolveranno le difficili sfide della costruzione del metaverso aperto attraverso software open source e specifiche aperte che consentono la portabilità e l’interoperabilità per un mondo aperto, globale e scalabile , che supporta esperienze interattive e coinvolgenti a vantaggio di qualsiasi individuo o settore.

Ci sono molte cose da risolvere. E quindi non è chiaro quando il lavoro sarà terminato o quante versioni verranno realizzate. I produttori di chip saranno d’accordo su formati comuni in modo che il software standard funzioni su tutte le piattaforme hardware? Questo è un esempio di lavoro da fare.

 
Royal O’Brien è direttore esecutivo della Open Metaverse Foundation.
“È una fondazione focalizzata sulla creazione di librerie e standard open source per i diversi componenti di cui abbiamo bisogno nel metaverso con licenze di tipo Apache MIT o Creative Commons”, ha affermato O’Brien.

Ciò significa che qualsiasi tecnologia fornita dalle aziende allo standard non sarà gravata da diritti di brevetto. Altri saranno liberi di utilizzare la tecnologia senza pagare royalties.

Il gruppo è già andato a lavorare su un glossario e sta tentando di definire il metaverso.

 
“Se provi a uscire dal cancello e dici che definirò il metaverso, verrai colpito da un sacco di schegge”, ha detto O’Brien. “Ad essere onesti, penso che sia qualcosa che, come collettivo, mentre definiamo questi diversi componenti creeremo la terminologia a livello macro, inizierà a diventare un po’ più ovvio. Ma io ho la mia definizione, tu hai la tua definizione. Per me imporre la mia definizione a qualcun altro è probabilmente più chiuso di qualsiasi altra cosa. Quindi cerco di non farlo.

Tempistica
  
L’API Avatar di Ready Player Me mira all’interoperabilità per gli avatar del metaverso.
Quanto tempo ci vorrà per trovare degli standard per il metaverso aperto?

“Mi piacerebbe vedere, in 18 mesi, avere solo uno standard di interoperabilità di base”, ha affermato.

“L’obiettivo è arrivare almeno a una prima iterazione della visione del metaverso”, ha detto O’Brien. “Non ci sarà un metaverso completo pronto. Sappiamo già che, in realtà, dobbiamo passare attraverso iterazioni e stiamo almeno cercando di creare i mattoni e non stiamo cercando di reinventare la ruota. In realtà abbiamo molte comunità open source e fondazioni open source che stanno contribuendo al codice. E questi sono i punti di partenza che stiamo effettivamente utilizzando.

 
Il gruppo collaborerà con molte altre organizzazioni che lavorano da tempo. Il gruppo collaborerà con l’Open Metaverse Forum avviato dal Khronos Group, un altro organismo di standardizzazione. La Open Metaverse Foundation svilupperà molto codice necessario per gli standard.

Il gruppo ha già qualche precedente. Matt White ha avviato la Open Metaverse Foundation nel 2006, ma quel gruppo non stava necessariamente ottenendo trazione. Così White ha contribuito con il suo lavoro alla Linux Foundation, che ha poi deciso di andare avanti con un progetto su larga scala.

“Stiamo assorbendo molta della storia e degli elementi che sono stati costruiti in quello che stava facendo Matt. Ma è sicuramente qualcosa di nuovo con un approccio molto diverso”, ha detto O’Brien.

O’Brien proveniva dal settore e conosce la sua storia di mondi virtuali e giochi online multigiocatore di massa. Quei giochi non hanno mai avuto davvero molte ragioni per l’interoperabilità.

Gruppi di interesse fondativi dell’OMF
 
Khronos Group vuole un metaverso aperto e inclusivo.
La Open Metaverse Foundation è organizzata in Foundational Interest Group (FIG) che consentono una struttura decisionale mirata e distribuita per argomenti chiave. I FIG forniscono risorse e forum mirati per l’identificazione di nuove idee, lo svolgimento del lavoro e l’assunzione di nuovi contributori.

Sono composti da membri di discipline specifiche impegnati a far progredire progetti o tecnologie scalabili all’interno del loro argomento, oltre a garantire che la proprietà del codice di ogni sottoparte identificabile dei progetti (ad es. GitHub.org, repository, sottodirectory, API, test, issue, PR) viene affrontato e gestito.

Gli otto gruppi di interesse fondamentali di OMF sono: utenti, transazioni, risorse digitali, simulazioni e mondi virtuali, intelligenza artificiale, networking, sicurezza e privacy, legale e politica.

  
Puoi entrare in contatto con la community su Discord e unirti alla community ai prossimi eventi, tra cui l’Open Source Summit North America, dal 10 al 12 maggio a Vancouver.

Dalla blockchain alle criptovalute
 
L’Open Metaverse Alliance di Web3.
La fondazione includerà tecnologie come l’hyperledger, ma O’Brien ha notato che molte persone sono “nervose” per alcune tecnologie come blockchain, criptovaluta e token non fungibili. Ma questi argomenti faranno parte della conversazione in corso.

“Lavoreremo anche con loro”, ha detto O’Brien. “La tecnologia dell’interoperabilità e come creare una ricevuta da una transazione è la parte più importante.”

O’Brien si aspetta che i gruppi blockchain formeranno il proprio gruppo di standard che alimenterà altri gruppi di standard. Ma la fondazione non vuole la frammentazione, che spesso non è migliore della tecnologia proprietaria.

  
“La realtà è che, se vogliamo creare la visione del metaverso, deve esserci un campo di gioco uniforme in modo che le aziende più piccole e gli operatori storici possano effettivamente crescere in base alla loro capacità di esecuzione”, ha affermato O’Brien.

D’altra parte, O’Brien si aspetta che molti diversi tipi di valute, comprese le criptovalute, vengano utilizzate nel metaverso aperto.

O’Brien non vuole vedere una singola azienda dominare il metaverso e non pensa che sarà possibile. Ciò è particolarmente vero se l’Open Metaverse Foundation fa bene il suo lavoro. Il gruppo è attualmente in procinto di iscrivere centinaia di aziende e comunità per aiutare.

Per raggiungere l’obiettivo dell’interoperabilità, il metaverso dovrà disporre di standard su cose come risorse e strutture di metadati per l’interoperabilità delle risorse. I candidati in questo ambito includono Universal Scene Description, una tecnologia open source creata originariamente da Pixar, e glTF, una tecnologia di trasmissione 3D per il web.

   
Ci sono anche aree come gli avatar, dove aziende come Ready Player Me hanno un vantaggio. La loro tecnologia potrebbe essere utilizzata come una sorta di standard de facto, ma comunque dipende da quali tecnologie risolvono la maggior parte dei problemi e diventano le più popolari.

“Hanno un ottimo vantaggio. E se vengono coinvolti, averli effettivamente a contribuire ad alcuni di questi standard è fantastico. Perché ci consente di avere una base di conoscenza di partenza più ampia di cui abbiamo bisogno”, ha affermato O’Brien. “In caso contrario, si tratta di supportare un bridge compatibile che consenta al proprio sistema di comunicare esternamente con altri sistemi. Quindi dipende se vogliono rimanere proprietari o se vogliono aprirne una parte per l’interoperabilità.

Ha detto che se puoi ottenere da una risorsa prodotta in uno strumento e utilizzare quella risorsa in qualcos’altro, con un altro strumento, fintanto che quel ponte è lì, allora tutti sembrano essere contenti di questo “, ha detto O’Brien .

 
L’aspetto positivo dell’adesione allo sforzo per gli standard? Le aziende voteranno su come far avanzare la tecnologia.

Citazioni di supporto
  
La startup Lamina1 di Neal Stephenson è rivolta al metaverso aperto.
“Il Metaverso offre possibilità entusiasmanti nel rivoluzionare il modo in cui interagiamo e ci impegniamo, ma con esso arrivano enormi sfide tecniche”, ha dichiarato Taylor Dolezal, responsabile dell’ecosistema, Cloud Native Computing Foundation, in una dichiarazione. “Attraverso il potere dell’innovazione aperta, la Open Metaverse Foundation promuoverà la collaborazione e lo sviluppo guidato dalla comunità per realizzare questa promessa. La Cloud Native Computing Foundation non vede l’ora di contribuire con la sua profonda esperienza per far evolvere le tecnologie e l’infrastruttura cloud nell’affrontare queste sfide. Insieme, costruiremo un mondo virtuale veramente aperto e accessibile, dove chiunque può partecipare”.

 
“Il nostro settore ha bisogno di innovazione attraverso l’interoperabilità guidata da open source e standard aperti per realizzare la promessa del Metaverso, se vogliamo costruire qualcosa che avvantaggi tutti, proprio come è avvenuto con la prima architettura di Internet”, ha affermato Anni Lai , responsabile delle operazioni e del marketing open source, Futurewei, in una dichiarazione. “Futurewei crede nel potere dell’open source e della collaborazione aperta, e siamo entusiasti di impegnarci nella costruzione della comunità Open Metaverse Foundation per estendere le iniziative che abbiamo già in corso in XR, Web3, giochi mobili e altro”.

“Il Metaverso non è un visore VR costoso. Non sono NFT. Non è nemmeno Web3. Il Metaverso è un insieme aperto di standard di dati che consente esperienze 3D condivise, accessibili e persistenti”, ha dichiarato Vince McMullin, CEO, GenXP, in una dichiarazione. “La Open Metaverse Foundation fornisce un veicolo per la collaborazione a livello di settore e guidata dalla comunità per sviluppare standard aperti e implementazioni open source per un Metaverso aperto. In qualità di leader nella fornitura di strumenti e tecnologia, offriamo modi nuovi e straordinari per sperimentare, coinvolgere ed entusiasmare i nostri utenti attraverso esperienze 3D interattive e coinvolgenti. GenXP è entusiasta di unirsi alla Fondazione per contribuire a rendere possibili queste esperienze”.

 
“Stiamo appena iniziando a vedere il potenziale del Metaverso. L’impatto della combinazione dell’Internet del luogo e del valore sarà enorme se lavoriamo insieme per costruire tecnologie aperte, scalabili e decentralizzate “, ha dichiarato Daniela Barbosa, direttore esecutivo, Hyperledger Foundation e direttore generale, Blockchain and Identity, Linux Foundation, in una dichiarazione . “L’OMF porta il collaudato modello di sviluppo aperto della Linux Foundation in questa nuova opportunità complessa ma entusiasmante e offre alle aziende e agli sviluppatori che lo modellano una casa neutrale per realizzare la loro visione. Il libro mastro distribuito e le competenze e le tecnologie di fiducia digitale di Hyperledger Foundation saranno elementi fondamentali per lo sforzo.

“Il Metaverso presenta sfide senza precedenti per l’edge computing e le reti. Ci aspettiamo che la Open Metaverse Foundation diventi la piattaforma per definire le soluzioni tecnologiche richieste”, ha dichiarato Ranny Haiby, CTO, networking, edge & access technologies, Linux Foundation, in una dichiarazione. “La collaborazione a livello di settore è l’unico modo per intraprendere attività così complesse. Le comunità LF Edge e Networking sono adatte a fornire le tecnologie open source definite dalla Open Metaverse Foundation. Non vediamo l’ora di instaurare una stretta collaborazione con la nuova Fondazione e prevediamo molte potenziali sinergie tra essa e i nostri progetti”.

 
“In sostanza, l’Open Metaverse Foundation si occupa di riunire una varietà di esperti del settore e comunità open source per trasformare il concetto di Metaverse da promessa a realtà, assicurando al tempo stesso che offra un’esperienza straordinaria e coinvolgente per tutti gli utenti”, ha affermato Jon Stine, direttore esecutivo, Open Voice Network, in una dichiarazione. “Si tratta di scelta ottimale, un ricco ecosistema di sviluppo, sicurezza e facilità d’uso. Ecco perché l’Open Voice Network, una comunità della Linux Foundation che sviluppa standard aperti e linee guida sull’uso etico per l’inevitabile interfaccia per il metaverso, l’IA conversazionale, è lieta di unire le braccia con l’Open Metaverse Foundation”.

“Il Metaverso guiderà la domanda di prodotti digitali innovativi fornendo allo stesso tempo le strutture per connettere i creatori direttamente con i consumatori, ponendo le basi per un’opportunità dirompente che non si vedeva dai primi giorni di Internet”, ha affermato Chris Clason, CEO di Veriken, in un dichiarazione. “Veriken è entusiasta di lavorare con la Open Metaverse Foundation per creare gli standard aperti per il commercio digitale e la proprietà della proprietà necessari per accelerare l’adozione iniziale del Metaverse e proteggere gli interessi a lungo termine di tutte le parti interessate, inclusi consumatori, singoli artisti e imprese. “

 
Fondata nel 2000, la Linux Foundation è supportata da più di 1.000 membri ed è la sede leader mondiale per la collaborazione su software open source, standard aperti, dati aperti e hardware aperto. I progetti di Linux Foundation sono fondamentali per l’infrastruttura mondiale, inclusi Linux, Kubernetes, Node.js e altro ancora.

O’Brien, che è un programmatore da 40 anni, è stato coinvolto in Amazon poiché la società era open source per l’ex motore di gioco Lumberyard, ora Open 3D Engine.

“Questa è la cosa su cui voglio lavorare per i prossimi 15-20 anni e su cui avere davvero un impatto”, ha detto. “Lo farei come hobby.”

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi