Perché l’industria dei giochi della vecchia scuola è contraria al Metaverso
Sebbene il metaverso sia un’opportunità allettante per gli studi di gioco, non stanno abboccando.
 
Il concetto di metaverso ha permeato il mainstream negli ultimi due anni. Introdotto per la prima volta al grande pubblico da Meta, questo concetto da allora ha visto una lieve adozione da parte degli appassionati di tecnologia. Tuttavia, c’è un volume sproporzionato di conversazioni sull’impatto futuro del metaverso e su come abbia il potenziale per ridefinire l’interazione umana. Mentre questo ha portato molte aziende a saltare sul carro per offrire servizi per “costruire” il metaverso, un settore è rimasto sospettosamente silenzioso sull’ascesa di questo ambiente virtuale : i giochi . 

Gli sforzi di Meta sembrano infantili rispetto ai massicci giochi online, ma la domanda rimane. Perché non ci sono più aziende che scommettono sul metaverso come la prossima grande novità? Approfondiamo il motivo per cui le società di gioco rimarranno fedeli alle loro pistole e non salteranno sul carrozzone del metaverso.

Cosa fanno meglio gli studi di gioco
Nello stato attuale del mercato dei giochi, la proprietà intellettuale è re. Gli studi di gioco hanno costruito una solida reputazione negli ultimi 20 anni nel settore, principalmente grazie ai franchise più venduti. La natura del design del gioco ha permesso agli studi di concentrarsi sulla creazione di sequel di giochi di successo che, a sua volta, ha portato a una presenza indelebile del marchio. Franchising di giochi come Call of Duty di Activision Blizzard e FIFA di EA hanno persino trovato la loro strada nelle conversazioni mainstream a causa della loro natura pervasiva. 


Vale la pena notare che non tutti gli studi di gioco si sono lasciati alle spalle il metaverso. Konami ha raddoppiato le assunzioni per i ruoli del metaverso e Ubisoft si è dilettata con gli NFT per i cosmetici in-game. Anche Take-Two Interactive, proprietaria di Rockstar Games, ha recentemente acquisito Zynga per lavorare su un progetto basato su NFT . Tuttavia, questi sforzi sono stati accolti con clamore dalla comunità dei giocatori. 

Gestire uno studio di gioco e creare nuovi giochi non è un’impresa da poco. Per realizzare un buon gioco, uno studio deve avere talenti specializzati nella creazione artistica, nella scrittura, nella recitazione vocale, nel design del gioco e altro ancora. Poiché i giochi incorporano elementi di altri tipi di media come film, libri e opere d’arte, i più grandi studi di giochi di oggi hanno accumulato un enorme pool di talenti in questi campi. Anche se i migliori studi di gioco impiegano quasi 300.000 persone solo negli Stati Uniti, l’industria dei giochi è stata storicamente tra i settori peggiori per il lavoro.

La comunità dei giocatori ha molto potere sugli studi, soprattutto perché esercitano molto potere d’acquisto nella dinamica cliente-studio. I grandi studi costringono abitualmente sviluppatori e designer a lavorare per lunghe ore per completare un gioco, mostrando i vincoli di risorse profondamente radicati che sono onnipresenti nel settore dei giochi. Inoltre, lo sviluppo di giochi VR moderni richiede molte risorse specializzate, in particolare talenti che sono estremamente limitati in un mercato che sottovaluta i prodotti VR. 

Giochi MMO: Il nonno del Metaverso
Il cosiddetto metaverso non è un concetto nuovo nei giochi. Un gioco chiamato “VRChat”, pubblicato nel 2014, gestisce da otto anni un universo online accessibile attraverso la realtà virtuale. ‘Roblox’, pubblicato nel 2006, è uno dei migliori esempi di metaverso in circolazione, vantando oltre 58,8 milioni di utenti attivi ogni giorno. “GTA Online”, che è stato rilasciato per la prima volta nel 2013, non solo è diventato un vero e proprio simulatore criminale, ma ospita anche numerosi server di giochi di ruolo che sono estensioni virtuali per molti giocatori. I migliori artisti hanno tenuto concerti in Fortnite e i giocatori hanno costruito server su scala mondiale in Minecraft. 

Anche se potrebbero non avere la lucentezza VR che ha Meta’s Horizon, questi giochi hanno gettato le basi per il concetto di metaverso. Oggi, con l’ascesa della tecnologia Web3 come gli NFT e le reti affidabili decentralizzate tramite blockchain, i giganti della tecnologia sono in grado di visualizzare un metaverso completo. Anche se gli NFT avrebbero potuto essere il modo migliore per monetizzare i cosmetici in-game, la pubblicità negativa associata alla tecnologia ha costretto molti studi di gioco a ripensare la loro posizione su questa tecnologia. Tuttavia, anche se questa tecnologia progredisce, l’industria dei giochi sembra averla superata, principalmente a causa della mancanza di opportunità di monetizzazione in tali proprietà. 

I giochi del metaverso raramente forniscono lo stuolo di opzioni di monetizzazione offerte dai titoli moderni. Ad esempio, Apex Legends ha guadagnato oltre $ 2 miliardi per EA pur essendo un gioco free-to-play, esclusivamente attraverso cosmetici distribuiti attraverso un sistema di pass stagionali e cosmetici a tempo limitato. Oltre ai cosmetici, gli studi di gioco hanno anche fatto ricorso a far pagare di più per i titoli più grandi, come si vede dall’aumento dei prezziper gli ultimi giochi Xbox, Call of Duty e Diablo ($ 70 invece di $ 60). Oltre a questo, ci sono anche abbonamenti stagionali per cosmetici, contenuti aggiuntivi rilasciati dopo il rilascio iniziale del gioco, speciali pacchetti di preordine che distribuiscono cosmetici a tiratura limitata e microtransazioni per le valute di gioco. Mentre i giocatori continuano a lamentarsi di queste pratiche ormai da anni, la continua presenza di questi percorsi di monetizzazione la dice lunga sulla loro solidità finanziaria.

I nuovi studi si rifiutano di gettare la spugna
Mentre gli studi di gioco e gli editori tradizionali hanno evitato i giochi del metaverso, i giganti della tecnologia si sono tuffati a capofitto dall’estremità più profonda del pool. Oltre a giocatori come Microsoft, NVIDIA e Meta, sono sorte anche società Web3 più piccole finanziate dall’ecosistema crittografico che offrono giochi metaverse. 

Meta ha acquisito tre studi di gioco nel perseguimento del suo sogno metaverso, vale a dire Camouflaj, Twisted Pixel e Armature Studio. Questi studi hanno lavorato principalmente su titoli VR negli ultimi anni e si uniranno a Oculus nella crescente lista di studi di gioco ed editori di Meta. Anche Decentraland, una società Web3, è entrata nello spazio con una piattaforma VR 3D che funziona su Ethereum, consentendo agli utenti di effettuare transazioni con denaro reale. 

D’altra parte, NVIDIA ha creato la piattaforma Omniverse che consente agli sviluppatori di creare e gestire applicazioni metaverse. Microsoft ha anche una piattaforma simile chiamata Microsoft Mesh, che si concentra principalmente sulla creazione di spazi di lavoro nel metaverso. Tali offerte dei giganti della tecnologia non solo possono creare innovazione a cascata nello spazio del metaverso, ma possono anche normalizzare il concetto di entrare in una realtà virtuale. 

Mentre gli studi di gioco tradizionali vedono il metaverso come un espediente o una nave che è già salpata, questo apre lo spazio a un nuovo gruppo di sviluppatori più piccoli per stabilire nuovi standard per il metaverso. 

DI ANIRUDH VK da analyticsindiamag.com

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi