Home / Economia / Metà dei posti di lavoro verranno sostituiti dall’intelligenza artificiale

Metà dei posti di lavoro verranno sostituiti dall’intelligenza artificiale

5 lavori su 10 verranno sostituiti dall’IA?
Immagina un centro città del futuro: non ci sono auto, taxi, autobus e camion. Ci saranno robot ma non molto lavoro.

Nella città del futuro, tutti i veicoli sono stati sostituiti da baccelli autonomi: piccoli veicoli elettrici a guida autonoma.
Possono essere adattati per il trasporto di passeggeri o merci, hanno una mappa di ogni strada, ogni incrocio e ogni ostacolo in città e si aggiornano reciprocamente sulle condizioni del traffico o sui potenziali blocchi.
Sono completamente automatici.
Non sono necessari semafori, rotonde o indicazioni stradali perché i pod non solo hanno una conoscenza completa della città ma anche, poiché comunicano tra loro, hanno una conoscenza precisa della posizione di ogni altro pod. Possono negoziare tra loro quando si tratta di chi va per primo a un incrocio o dove un pod si fonde nel traffico quando si allontana.
Non ci saranno collisioni perché ogni pod coopera con i loro compagni pod.
Baccelli passeggeri traghetti pendolari dalle stazioni ferroviarie ai loro uffici – almeno quelli rimasti – portano i bambini a scuola e i loro genitori al centro commerciale. I baccelli che trasportano merci portano il tuo negozio settimanale da un magazzino di supermercati fuori città e consegnano la posta.
Dove sono le persone?
Che cosa è successo in questa città automatizzata a tutte le persone che guidavano taxi, autobus e furgoni?
Non sono più necessari.
Che dire delle centinaia di giovani donne e uomini su biciclette e scooter che offrono pizze, hamburger e così via?
Ridondante.
E poiché ora ordini tutti i tuoi generi alimentari online (consegnati da un pod), non ci sono supermercati – né operatori di cassa, né scaffalatori – ei magazzini che li hanno sostituiti sono completamente automatizzati.

Non ci sono auto private nel centro della città, quindi non ci sono restrizioni di parcheggio da applicare, nessuna violazione del traffico per perseguire, nessun guardiano del traffico.
Negli uffici in cui i pod lasciano cadere i pendolari, quello che era un call center fuori città, ora è un chatbot artificialmente intelligente nel Cloud accessibile da un PC sulla scrivania di qualcuno – o dal loro telefono cellulare o tablet.
L’ufficio legale è un’applicazione, anche nel Cloud, che si occupa di tutte le questioni quotidiane e ti trasmette a un vero avvocato umano solo quando si presenta qualcosa di insolito.
Meno dottori
Raramente hai bisogno di andare dal dottore in questa città futuristica perché un’app per smartphone è perfettamente in grado di diagnosticare le tue malattie e prescrivere il

trattamenti adeguati. E anche quando sono richiesti scanner specializzati o altre procedure mediche, è un’intelligenza artificiale che analizza le immagini e ti dice se hai il cancro o una malattia dell’occhio potenzialmente pericolosa.
Quindi cosa succederà ai nostri lavori in futuro? Dobbiamo essere tutti licenziati? E, in caso affermativo, questo significa una vita di svago, o una di disuguaglianza dilagante, in cui i proprietari della tecnologia si arricchiscono e il resto di noi vive in povertà?
La metà di tutti i lavori potrebbe essere automatizzata
Un rapporto del McKinsey Global Institute suggerisce che metà delle attività per le quali le persone sono ora pagate potrebbero essere automatizzate utilizzando le tecnologie attuali.
D’altra parte, afferma anche che meno del 5% di tutte le professioni potrebbe essere completamente automatizzato (anche se molte altre contengono alcune attività che potrebbero essere automatizzate). La conclusione è che molti lavori cambieranno, con gli umani che lavorano a fianco delle macchine, ma pochi saranno completamente eliminati.
Ciò significa, ovviamente, che saranno necessari meno dipendenti in quelle aree in cui la tecnologia sostituisce una quantità significativa di sforzo umano.
Siamo stati qui prima, ovviamente.

La rivoluzione industriale
Dalla rivoluzione industriale del XVIII e XIX secolo (se non prima) la tecnologia ha sostituito le persone sul posto di lavoro.
Ma ha anche creato nuovi posti di lavoro.
Quando i grandi telai a vapore di fabbrica sostituirono i tessitori che lavoravano nei cottage, i nuovi macchinari dovevano essere progettati e fabbricati, le fabbriche dovevano essere costruite, gestite e mantenute.
Nella rivoluzione dell’informazione del XX e XXI secolo, non saresti stato felicissimo se fossi stato un agente di viaggio di High Street vedendo il tuo settore quasi totalmente eclissato dai servizi online.
Oppure, se hai lavorato come abile operatore macchina guardando la fabbrica in cui lavoravi, sempre più popolata di robot industriali.

Al contrario, se tu fossi stato disposto o in grado di riqualificarti come programmatore di computer, avresti potuto sperimentare un futuro più luminoso.
L’introduzione della tecnologia tende ad aumentare la produttività e, con l’aumentare della produttività, i prodotti diventano più economici e la società, in generale, diventa più ricca, quindi i cittadini sono in grado di permettersi nuovi beni e servizi che prima erano costosi o non esistevano. Ciò aiuta a stimolare la creazione di nuove società che forniscono nuovi prodotti e servizi e crea quindi maggiore occupazione. Qualunque cosa tu ne pensi, l’economia dei concerti è nata da nuove tecnologie, può essere un’occupazione precaria, ma sicuramente è un’occupazione.
La storia suggerisce, quindi, che l’aumento della produttività porta a una società più ricca, ma non esiste una legge che affermi che ciò sia inevitabile. Potrebbe essere diverso questa volta.
Se l’uso delle tecnologie basate sull’intelligenza artificiale porta davvero alla disoccupazione di massa o alla disuguaglianza inaccettabile, c’è una scelta politica da fare: permettiamo a tale società di svilupparsi o forniamo una rete di sicurezza per le persone colpite, come l’introduzione di un reddito di base universale.
La domanda è: ci stiamo dirigendo verso un’utopia in cui nessuno ha bisogno di lavorare o una distopia in cui nessuno, tranne i pochi fortunati, ha qualche lavoro? O continueremo come al solito con nuovi tipi di occupazione creati dal nuovo mondo artificialmente intelligente?

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi