Home / Hardware AI / Micron lancia un motore di archiviazione open source progettato per SSD e memoria di classe di archiviazione

Micron lancia un motore di archiviazione open source progettato per SSD e memoria di classe di archiviazione

La Micron Technology ha annunciato il primo motore di archiviazione open source al mondo a memoria eterogenea, che è stato progettato esplicitamente per unità a stato solido e memoria di classe di archiviazione.

Secondo il sito Web dell’azienda , i motori di archiviazione legacy sono nati nell’era dei dischi rigidi, che non è riuscita a fornire architettonicamente le prestazioni migliorate e la latenza ridotta dei supporti non volatili di nuova generazione.

La società afferma di sviluppare HSE, che ora è disponibile su GitHub , è stato progettato per gli sviluppatori che utilizzano l’infrastruttura all-flash che richiedono i vantaggi del software open source, inclusa la possibilità di personalizzare o migliorare il codice per i loro casi d’uso unici.

Alla domanda, Derek Dicker, vicepresidente aziendale e direttore generale della Business Unit di archiviazione presso Micron, ha dichiarato: “Essendo l’unica azienda che sviluppa tecnologie di memoria, flash e DRAM per la classe di archiviazione, Micron è posizionata in modo univoco per creare uno stack software che accelera le applicazioni in esecuzione nelle odierne ambienti di archiviazione basati su flash e infrastrutture di memoria basate sulla classe di archiviazione del futuro. ”

Ha inoltre affermato: “Abbiamo offerto un’innovazione unica nel suo genere per gli sviluppatori di storage open source, liberando tutto il potenziale delle applicazioni di archiviazione ad alte prestazioni”.

La società ha affermato che, oltre a fornire miglioramenti delle prestazioni e della resistenza, il motore di archiviazione a memoria eterogenea riduce la latenza, in particolare per i set di dati su larga scala, attraverso il posizionamento intelligente dei dati. Oltre a ciò, migliora anche il throughput di particolari applicazioni di archiviazione fino a sei volte, riduce la latenza 11 volte e migliora la resistenza dell’SSD di sette volte.

La società ha inoltre dichiarato al suo rilascio che il motore di archiviazione a memoria eterogenea potrebbe anche sfruttare contemporaneamente più classi di supporti, come la tecnologia flash e 3D XPoint. Quando un SSD Micron X100 NVMe, l’SSD più veloce del mondo, viene aggiunto a un set di quattro SSD QLC Micron 5210, il throughput è più che doppio e la latenza di lettura migliora quasi quattro volte.

Alcune delle caratteristiche e dei vantaggi dell’HSE sono menzionate di seguito:

HSE ha la capacità di integrarsi con MongoDB, il database NoSQL più famoso al mondo, che offre miglioramenti significativi delle prestazioni, riduce la latenza e sfrutta appieno le moderne tecnologie di memoria e archiviazione. Può anche essere integrato con altre applicazioni di archiviazione come database NoSQL e archivi oggetti.
L’HSE è ideale quando le prestazioni su vasta scala contano, tra cui dimensioni di dati molto grandi, grandi conteggi di chiavi (miliardi), elevata concorrenza operativa (migliaia) o distribuzione di più classi di media.
La piattaforma è progettata per essere estensibile a nuove interfacce e nuovi dispositivi di archiviazione, consentendo l’utilizzo con una vasta gamma di applicazioni e soluzioni, tra cui database, Internet of Things (IoT), 5G, intelligenza artificiale (AI), elaborazione ad alte prestazioni (HPC ) e archiviazione degli oggetti.
HSE è in grado di fornire prestazioni aggiuntive per l’archiviazione definita dal software, come Red Hat Ceph Storage e Scality RING, che consente applicazioni native cloud tramite piattaforme containerizzate come Red Hat OpenShift, nonché prestazioni a livelli per i protocolli di archiviazione di file, blocchi e oggetti per più casi d’uso.
HSE viene fornito come database di valori-chiave incorporabili; Micron manterrà il repository di codice su GitHub.
Nella stessa occasione, Stefanie Chiras, vicepresidente e direttore generale di Red Hat Enterprise Linux, ha affermato che “vediamo un potenziale enorme nelle tecnologie introdotte da Micron, soprattutto perché adotta un approccio innovativo nel ridurre la latenza tra elaborazione, memoria e archiviazione risorse “.

Inoltre ha aggiunto: “Non vediamo l’ora di lavorare con Micron nella comunità open source per sviluppare ulteriormente queste innovazioni, portando infine nuove scelte nel mondo dello storage derivate da standard e concetti aperti”.


Brad King, responsabile della tecnologia sul campo e co-fondatore di Scality, ha anche affermato: “Poiché la domanda di archiviazione basata su oggetti continua ad aumentare e viene distribuita per carichi di lavoro sempre più numerosi, non sorprende che i nostri clienti siano sempre più interessati allo storage veloce di oggetti “.

“Sebbene il nostro software di archiviazione sia in grado di supportare” a buon mercato e approfondito “l’hardware delle materie prime a basso costo per i carichi di lavoro più semplici, può anche sfruttare i vantaggi in termini di prestazioni di tecnologie come flash, memoria della classe di archiviazione e SSD per carichi di lavoro molto impegnativi. La tecnologia HSE di Micron migliora la nostra capacità di continuare a ottimizzare le prestazioni del flash, la latenza e la resistenza SSD senza compromessi “, ha concluso King.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi