Perché Microsoft potrebbe battere Zuckerberg nel metaverso
 
 
Quando si confrontano Meta – precedentemente Facebook – e gli approcci di Microsoft al metaverso, è chiaro che Microsoft ha una visione molto più radicata e realistica. Sebbene Meta attualmente sia leader nella fornitura di dispositivi di realtà virtuale (VR) (attraverso la sua proprietà di quello che in precedenza era chiamato Oculus), Microsoft sta adattando le tecnologie che sono attualmente più ampiamente utilizzate. I piccoli passi costanti che Microsoft sta facendo oggi la mettono in una posizione migliore per essere uno dei futuri leader del metaverso. Tuttavia, tale posizione comporta delle responsabilità e Microsoft deve essere preparata ad affrontarle.

Il metaverso è un mondo virtuale in cui gli utenti possono condividere esperienze e interagire in tempo reale all’interno di scenari simulati. Per essere chiari, nessuno sa ancora che aspetto avrà, quale hardware utilizzerà o quali aziende saranno i principali attori: questi sono ancora i primi giorni. Tuttavia, ciò che è certo è che la VR svolgerà un ruolo abilitante fondamentale; Le tecnologie relative alla realtà virtuale come la localizzazione e la mappatura simultanee (SLAM), il riconoscimento facciale e il tracciamento del movimento saranno fondamentali per lo sviluppo di casi d’uso basati sul metaverso.

 
Meta è destinata a raccogliere gran parte dei $ 51 miliardi di entrate dalla realtà virtuale che GlobalData prevede saranno generati entro il 2030. Facebook ha guidato il mercato delle cuffie VR per consumatori nel 2020 e ha registrato 255 brevetti relativi alla realtà virtuale tra il 2016 e il 2020. E, come Meta, la società prevede inoltre di lanciare un auricolare di livello aziendale nel quarto trimestre del 2021.

Tuttavia, l’hardware e il software VR non sono stati ampiamente adottati. Ciò è attribuibile a diversi problemi, tra cui latenza, nausea, prezzi elevati, problemi di privacy e mancanza di contenuti accattivanti. Mentre tecnologie come il 5G, i servizi cloud e il tracciamento del movimento dovrebbero aiutare ad affrontare i problemi di latenza e nausea, il miglioramento dei contenuti e lo sviluppo di pratiche efficaci per la privacy dei dati saranno fondamentali per il successo della realtà virtuale (più sulla privacy dei dati tra poco). Per questi motivi la realtà virtuale non è ancora pronta ad assumersi il compito del metaverso.

 
Microsoft sembra aver capito meglio di Meta come le persone usano effettivamente la tecnologia. Tutto ciò di cui hai bisogno per utilizzare Mesh , il cosiddetto gateway di Microsoft per il metaverso, è il tuo smartphone o laptop attuale. Non sono necessarie cuffie ingombranti o configurazioni tecnologiche costose. Con questo approccio, Microsoft mantiene l’attenzione sulle funzionalità disponibili e sulle applicazioni aziendali rispetto alla visione di Meta dell’adozione totale dello stile di vita. Microsoft Teams ha attualmente oltre 145 milioni di utenti attivi giornalieri, mentre la base cumulativa totale installata di visori VR è inferiore a 17 milioni. Da questi soli numeri, Mesh per Microsoft Teams ha una possibile base di utenti di oltre otto volte il numero di utenti che Meta potrebbe sperare di raggiungere con i suoi visori VR.

Tornando alla questione della privacy: sono stati rilasciati documenti interni che delineano l’applicazione incoerente delle politiche di moderazione da parte di Facebook e la società è stata accusata di dare la priorità alla “crescita rispetto alla sicurezza” dall’informatore Frances Haugen. Sebbene abbia affermato il suo impegno per la privacy dei dati nel metaverso, affermando che ridurrà al minimo la quantità di dati raccolti, creerà la tecnologia per consentire l’uso dei dati a protezione della privacy e darà alle persone trasparenza e controllo sui propri dati, questo non sarà sufficiente per rassicurare la maggior parte dei futuri utenti.

Microsoft, d’altra parte, è leader di mercato nella privacy dei dati e, se classificata tra i 10 temi che contano di più per l’industria dei social media, è al secondo posto assoluto, secondo la Social Media Thematic Scorecard di GlobalData. Meta è classificata al 21° posto su 35 società nella scorecard e la sua attività in materia di privacy dei dati sarà altamente dannosa per le sue prestazioni future. Quindi, mentre dobbiamo ancora vedere anche solo un barlume di come sarà un metaverso completamente formato, Microsoft attualmente ha il vantaggio.

Possiamo evitare di replicare le parti peggiori di Internet nel metaverso?
Il metaverso soffrirà degli stessi problemi che affliggono l’attuale versione di Internet a meno che non vengano prese le azioni giuste da coloro che finiscono per avere il controllo. Oltre alla privacy dei dati, alcuni altri problemi che potrebbero facilmente infiltrarsi nel metaverso sono la disinformazione, la disinformazione, le camere dell’eco e le piattaforme che fungono da host per contenuti di estrema destra e gruppi estremisti.

 
Big Tech già lotta – e in gran parte fallisce – per contenere la disinformazione e la disinformazione. Ad esempio, TikTok, una piattaforma di social media specializzata nella creazione di video in formato breve, utilizza un servizio di moderazione per prevenire disinformazione e contenuti pericolosi. Poiché il controllo dei fatti di TikTok è affidato a una società di terze parti, la supervisione è in gran parte persa e alcuni video che non violano direttamente le linee guida della community ma sono comunque dannosi sono ammessi. Il controllo dei fatti dovrebbe essere svolto internamente da tutte le società Big Tech, ma le possibili dimensioni e la portata del metaverse rendono difficile una moderazione efficace.

Anche gli algoritmi di promozione dei contenuti, come quelli utilizzati da Meta e TikTok per mantenere l’attenzione degli utenti il ​​più a lungo possibile, sono problematici, così come la qualità delle informazioni che forniscono. Questi algoritmi creano camere di risonanza in cui vengono propagate e incoraggiate visioni dannose. Se il metaverso finisce per essere sostenuto da un modello di business finanziato dalla pubblicità, allora questi algoritmi continueranno a prendere di mira sistematicamente gli individui con annunci iper-personalizzati. I regolatori e le aziende dovrebbero collaborare per mantenere la privacy dei dati nel metaverso e limitare gli effetti negativi di questi algoritmi.

Infine, ci sono un certo numero di piattaforme Internet che sono diventate famose per ospitare contenuti di estrema destra e suprematisti bianchi, tra cui 8kun, Telegram e BitChute. Se una società finisce per possedere e gestire il metaverse, allora tali siti Web possono essere facilmente rimossi. Tuttavia, sotto un unico proprietario il metaverso sarebbe strettamente controllato e non realizzerebbe il suo possibile potenziale o vedrebbe l’adozione di massa. Quindi è probabile che queste piattaforme Internet e algoritmi di contenuti dannosi vengano replicati nel metaverso. E con le interazioni impostate per essere avatar-to-avatar, la diffusione delle informazioni può essere ancora più personale e influente.
Microsoft, o qualsiasi giocatore del metaverse che finirà per prendere il comando, dovrà affrontare questi problemi e trovare una soluzione non sarà facile. C’è un’enorme quantità di clamore che circonda il metaverso, ma è piacevole vedere Microsoft mantenere l’attenzione sulle nostre capacità attualmente limitate. Questi piccoli e costanti passi lo mettono in un posto migliore per essere uno dei futuri leader del metaverso.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi