Come ChatGPT in Microsoft Office potrebbe cambiare il posto di lavoro | Il battito dell’IA 

 Durante il fine settimana, The Information ha riferito che Microsoft sta cercando di aggiungere la tecnologia chatbot di OpenAI – attualmente ChatGPT, che presto sarà GPT-4 – alla sua suite Office di tecnologie di produttività, tra cui Word, Outlook e PowerPoint. E oggi, Semafor ha riferito che Microsoft, che ha investito 1 miliardo di dollari in OpenAI nel 2019, è in trattative per investire altri 10 miliardi di dollari nella società.

Il flusso di notizie Microsoft mi ha fatto riflettere: in che modo queste app con steroidi, utilizzate da miliardi di aziende in tutto il mondo, cambierebbero il modo in cui lavoriamo? Soprattutto una volta che Google entrerà pienamente in gioco, integrando le proprie capacità di intelligenza artificiale generativa in Google Workspace? L’intelligenza artificiale diventerà banale nella nostra vita lavorativa quotidiana come l’umile foglio di calcolo?

 
Molto più di un nuovo Clippy
La notizia dei piani per Office è arrivata solo pochi giorni dopo che si era sparsa la voce che Microsoft stava progettando di incorporare ChatGPT nel suo motore di ricerca Bing. Ma il discorso sull’integrazione di ChatGPT con Word ha portato quelli di una generazione tecnologica precedente a ridacchiare immediatamente. Come mai? Una sola parola: Clippy.

Clippy , l’agente dell’interfaccia utente di Microsoft fornito in bundle con Microsoft Office nel 1997 e lanciato personalmente da Bill Gates, era una graffetta saltellante con gli occhi grandi che si apriva per dire cose del tipo: “Sembra che tu stia scrivendo una lettera . Vuoi aiuto?”

 

Clippy era per lo più detestato e deriso per i suoi pop-up invasivi. Il tempo ha persino definito Clippy una delle peggiori invenzioni di tutti i tempi . Clippy era scomparso del tutto nel 2007, anche se è stato resuscitato come icona culturale come pacchetto di adesivi retrò in Teams nel 2021.

ChatGPT, ovviamente, sarebbe molto più di un nuovo Clippy: potrebbe potenzialmente fare di tutto, dalla generazione di testo basato su semplici prompt in linguaggio naturale e suggerire risposte alle e-mail per analizzare i dati in Excel e tradurre il testo.

L’investitore tecnologico Puneet Kumar ha definito la possibilità “pazzamente potente” in un tweet, aggiungendo che “approfondirebbe ulteriormente” i fossati di Microsoft nella tecnologia degli uffici aziendali:

 
ChatGPT e modelli simili non sono pronti per la prima serata
Le informazioni hanno sottolineato che Microsoft Word utilizza già strumenti di intelligenza artificiale interni, tra cui la funzione Smart Find di Turing e At a Glance, che riassume i documenti di Word. E ha “già incorporato silenziosamente GPT in Word in modi minori”, inclusa la sua funzione di completamento automatico.

Ma per implementare ChatGPT di OpenAI o, abbastanza presto, GPT-4, ci saranno molti ostacoli da superare.

Per prima cosa, ChatGPT ha un serio problema di precisione , aggravato dalla sua tendenza a sembrare plausibile anche quando è completamente sbagliato. Anche il CEO di OpenAI, Sam Altman, ha ammesso i rischi . Ciò rende la creazione di documenti aziendali o l’integrazione avanzata sul posto di lavoro un problema al momento.

Anche la privacy è un ostacolo. In che modo Microsoft proteggerà la privacy dei dati aziendali? È difficile immaginare che un grande studio legale o una società di servizi finanziari che utilizza Microsoft Office tutto il giorno riceva aiuto da ChatGPT in questo momento.

 
Il lavoro d’ufficio probabilmente cambierà per sempre
Tuttavia, l’opportunità di potenziare in modo significativo l’output di testo quotidiano dell’azienda media (e-mail, presentazioni, report) è troppo allettante per essere ignorata. Come ha twittato un tizio di nome Kevin:

 

Ma potrebbe passare del tempo prima che sia chiaro sia come Microsoft e Google possano far funzionare gli strumenti di intelligenza artificiale generativa per le aziende su larga scala, sia come le aziende possono gestire ciò che creano i dipendenti.

L’analista di Forrester Rowan Curran ha affermato che ci sono “molte domande aperte su quali guardrail e controlli le aziende mettono sia su come questi strumenti possono essere adottati, sia su come possono essere utilizzati una volta adottati”.

Ad esempio, ha detto a VentureBeat via e-mail: “Se ho un generatore di testo sul mio telefono che ho utilizzato per redigere un’e-mail di lavoro o delineare un post sul blog e poi lo pubblico come parte del mio lavoro, il mio datore di lavoro deve preoccuparsi o almeno ne era consapevole?

Gran parte della nostra vita in ufficio digitale – pensa a PDF, fogli di calcolo, smartphone, cloud, firme digitali – sono diventati un problema di lavoro negli ultimi due decenni. Che si tratti o meno di ChatGPT nel 2023, sembra probabile che i progressi nell’IA generativa siano sulla buona strada per trasformare il posto di lavoro così come lo conosciamo. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi