COVID19: i principali casi di utilizzo dell’analisi basata sul ROI nel settore della produzione che vanno oltre l’IIoT
Il termine Intelligenza Artificiale (AI) è stato creato e utilizzato per la prima volta a metà degli anni Quaranta. Tuttavia, non è stato fino al 1956 che è stato formalmente utilizzato per la prima volta in un piccolo raduno a cui hanno partecipato alcuni psicologi, fisiologi e informatici.

Fin dal suo inizio, l’IA ha avuto alcuni successi nel consentire ai computer di eseguire (su base limitata) alcune attività normalmente svolte dalla mente umana. È oggi che gli aspetti tecnologici dell’IA sono diventati più visibili. L’interesse pubblico per l’IA e la sua copertura da parte dei media sono aumentati enormemente negli ultimi anni. Sempre più persone vedono l’IA come una tecnologia emergente con un grande potenziale e un significato sociale futuro.

In particolare, questo interesse e questa conoscenza del pubblico derivano dal 1981, quando il Giappone annunciò il suo piano decennale nazionale per sviluppare quella che era chiamata la “quinta generazione” di computer. Tali computer non solo basano il loro funzionamento sull’elaborazione parallela su larga scala, ma cercano anche di incorporare le tecniche di intelligenza artificiale nell’elaborazione. In effetti, l’obiettivo di questo piano è “la creazione di macchine artificialmente intelligenti in grado di ragionare, trarre conclusioni, esprimere giudizi e persino comprendere la parola orale e scritta”. Da allora, grandi investimenti nella ricerca sull’IA sono stati effettuati da governi e industrie private nei paesi industrializzati.

L’origine dei miti
Il sensazionalismo alimenta l’ignoranza e molte delle descrizioni dell’IA nei media e nei libri di scienza popolari sono di natura sensazionale. Sia che proclamino le “meraviglie” o i “pericoli” dell’IA, generalmente non sono informative della realtà e sono altamente fuorvianti. Suggeriscono progressi spettacolari che possono o saranno realizzati nell’immediato futuro, e molti di essi possono essere realizzati (se possibile), forse dopo decenni di ricerca.

Un esempio di tali affermazioni è quello fatto nel 1958 da Herbert Simon e Allen Newell, entrambi scienziati informatici pionieri e fondatori dell’IA come parte dell’informatica. Hanno scritto che:

“… ora ci sono macchine nel mondo che pensano, apprendono e creano. Inoltre, la loro capacità di fare queste cose aumenterà rapidamente fino a quando – in un futuro visibile – la gamma di problemi che possono gestire sarà coestensiva con la gamma a cui è stata applicata la mente umana ”.

Realtà dietro l’intelligenza artificiale
Jonh von Neumann, il creatore dell’architettura del computer che è ancora oggi lo standard internazionale, è stato uno dei primi (se non il primo) a riconoscere che le istruzioni del computer sono semplicemente simboli che possono essere manipolati dai computer nel mondo. allo stesso modo in cui i numeri o qualsiasi altro simbolo possono essere manipolati. Comunemente citato come “esempio” di un pioniere del computer che ha sviluppato le basi del pensiero automatizzato e dell’intelligenza artificiale, nel suo ultimo lavoro pubblicato, von Neumann afferma che “un approccio alla comprensione del sistema nervoso da un punto di vista matematico” semplicemente non ha nulla a che fare con “computer che mostrano intelligenza”.

In realtà, von Neumann aveva una risposta standard per chiunque gli chiedesse se i computer potevano pensare o essere intelligenti. La sua risposta è stata che se l’interrogante poteva presentare una descrizione accurata di ciò che voleva che il computer facesse, qualcuno poteva programmare il computer in modo che si comportasse nel modo richiesto. Se von Neumann pensasse che ci sarebbero alcune cose nell’esperienza umana che non soddisfano questo criterio, semplicemente non lo sappiamo. Tuttavia, la sua posizione secondo cui ogni aspetto della natura deve essere accuratamente descritto e il suo colore secondo cui tutta la conoscenza umana può essere espressa a parole, è il credo centrale che ogni vero credente nelle infinite possibilità dell’IA deve. tenere.

Seguendo questa stessa linea di pensiero, e al di fuori dei miti, alcune realtà sull’IA sono esposte di seguito, discutendo brevemente le aree che sono state sviluppate come parte della ricerca sull’IA.

FISSALO
Una delle aree più coltivate della ricerca sull’IA è la visione “di basso livello”, basata su tecniche che utilizzano hardware parallelo e elaborazione cooperativa. Tale ricerca si basa su studi dettagliati sulla formazione delle immagini dalle caratteristiche tridimensionali della luce ambientale (come forma, profondità, consistenza e orientamento delle superfici), al fine di estrarre conoscenze di alto livello da una scena. dado. Parte di questo lavoro viene svolto nel contesto della psicologia umana e della neurofisiologia e parte in un contesto più tecnologico. Sono state progettate macchine massicciamente parallele dedicate a questa particolare area, e ancora, i maggiori progressi dipendono dall’hardware.


Un altro settore in cui possiamo aspettarci progressi significativi è la robotica. Ciò include problemi di controllo del movimento, pianificazione della traiettoria e coordinamento tra sensori e motori (utilizzando elementi del lavoro in visione “a basso livello”). Come nel caso della visione, i progetti in quest’area si basano su mezzi “artificiali” per garantire il successo nell’attività proposta. Ad esempio, i sistemi di saldatura utilizzano strisce di luce per riconoscere diversi tipi di giunti, guidando così l’attività del saldatore di parti. Anche in questo ambito vengono utilizzati mezzi relativi alle teorie psicofisiologiche del controllo motorio e della coordinazione presenti negli organismi viventi.

Sono stati compiuti alcuni progressi nell’elaborazione del linguaggio naturale in frasi e testi. I punti chiave di questa ricerca includono la revisione sintattica, l’integrazione di sintassi e semantica e la comprensione del testo correlato. La traduzione automatica dei testi può ancora trarre vantaggio dai progressi nella revisione delle frasi e nell’analisi del testo.

Area estremamente importante, e sempre più studiata con interesse a causa dei recenti sviluppi nell’hardware, si occupa delle proprietà computazionali di grandi sistemi paralleli. Finora capiamo molto poco sulle potenzialità e sui limiti di tali sistemi. Alcuni lavori suggeriscono che l’elaborazione cooperativa può avere alcune proprietà molto sorprendenti. Tuttavia, le proprietà computazionali dei sistemi paralleli sembrano non essere ben comprese per molto tempo, ma l’esperienza con questi sistemi nell’immediato futuro porterà senza dubbio a qualche progresso considerevole.

Impatto su altre aree
L’IA influenzerà altre scienze sia nel suo approccio filosofico che nel suo contenuto teorico specifico. È vero che la psicologia e (in misura minore) la biologia sono già state influenzate dalle idee di IA. Contrariamente a quanto molti pensano, l’IA ha avuto un effetto umanizzante sulla psicologia. Ad esempio, l’approccio comportamentista alla psicologia aveva rifiutato qualsiasi riferimento alla “mente” e al “processo mentale”, assumendoli come concetti non scientifici e misteriosi. Tuttavia, l’IA, poiché si basa sul concetto di rappresentazione, ha reso di nuovo questi concetti teoricamente rispettabili.

L’influenza dell’IA si farà sentire soprattutto nella psicologia della visione e del linguaggio e, come accennato in precedenza, è possibile che la robotica sia coinvolta nella psicofisiologia del movimento. D’altra parte, anche la ricerca in psicologia influenzerà a sua volta l’IA. Ad esempio, mentre gli psicologi cercano di acquisire una migliore comprensione dell’organizzazione della conoscenza, il loro lavoro può essere utile per la progettazione di sistemi esperti computerizzati. La ricerca interdisciplinare e cooperativa dovrebbe essere incoraggiata: la separazione istituzionale tra psicologia e intelligenza artificiale o informatica ha ostacolato una proficua collaborazione tra questi due gruppi.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi