Il co-fondatore di DeepMind lascia Google dopo un incarico difficile. 

Mustafa Suleyman è entrato a far parte di Google nel 2014 quando ha acquisito DeepMind, un laboratorio di ricerca sull’intelligenza artificiale.
 
Mustafa Suleyman, pioniere nel campo dell’intelligenza artificiale, lascia Google per entrare a far parte della società di venture capital Greylock Partners.

La partenza di Suleyman, che era il vicepresidente della gestione dei prodotti e delle politiche per l’intelligenza artificiale di Google, chiude un tumultuoso incarico presso l’azienda. È entrato a far parte di Google nel 2014, quando il gigante della ricerca ha acquisito DeepMind , un laboratorio di ricerca sull’intelligenza artificiale all’avanguardia, in un accordo del valore di 650 milioni di dollari.

L’accordo ha dimostrato il valore delle aziende specializzate nel ” deep learning “, una forma di intelligenza artificiale che è diventata più importante nella prima parte dell’ultimo decennio. In pochi anni, DeepMind aveva assunto molti dei principali ricercatori nel campo.

Il signor Suleyman, noto ad amici e colleghi come Moose, non era un ricercatore di intelligenza artificiale per formazione. Ma ha guidato l’azienda in un importante settore di ricerca: l’assistenza sanitaria. È anche diventato una voce chiave negli sforzi di DeepMind per garantire che le sue tecnologie non sarebbero state utilizzate per applicazioni militari, il che ha portato a uno scontro con Google quando l’azienda si è unita a un progetto di intelligenza artificiale di punta con il Dipartimento della Difesa . (Google alla fine si è ritirato dal progetto.)

 
Mentre era in Google, il signor Suleyman è stato privato di alcune responsabilità di gestione in DeepMind dopo che la società ha ricevuto lamentele per aver maltrattato i subordinati. Giovedì, in una sessione di domande e risposte con un partner di Greylock, Reid Hoffman, il signor Suleyman ha riconosciuto le lamentele.

“Ho davvero fatto un casino”, ha detto. “Rimango molto dispiaciuto per l’impatto che ciò ha causato alle persone e per il dolore che le persone hanno sentito lì”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi