Home / Economia / Native Voice raccoglie 14 milioni di dollari

Native Voice raccoglie 14 milioni di dollari

Native Voice ottiene 14 milioni di dollari per convertire i dispositivi in ​​assistenti vocali brandizzati 

 
Native Voice , una startup che sviluppa un SDK per i produttori di dispositivi audio per integrare assistenti vocali di terze parti come Alexa e Google Assistant, ha annunciato oggi di aver chiuso un seed round da 14 milioni di dollari guidato da Gutbrain Ventures, PBJ Capital, Signal Peak Ventures con la partecipazione di Revel Partner, Ideaship, TechNexus e altri. Secondo il CEO John Goscha, i proventi saranno utilizzati per spingere l’azienda su più dispositivi, espandere la sua suite di servizi vocali e dimostrare e scalare il suo modello di mercato.

Secondo Statista , entro il 2024, gli assistenti vocali digitali saranno installati su 8,4 miliardi di smartphone, tablet, computer, elettrodomestici e automobili. Native Voice mira a offrire uno strato tra utenti e marchi con assistenti vocali, lavorando con i marchi per portare i loro assistenti sulla sua piattaforma e con i produttori di hardware per portare la sua piattaforma sui loro dispositivi. 

 
Come ha spiegato Goscha, Native Voice si connette con più assistenti e le loro competenze, app e azioni fungendo da libreria per i marchi che implementano le proprie soluzioni abilitate alla voce. Con Native Voice, gli utenti possono sbloccare l’accesso a servizi vocali di marca come “Hey Spotify” e “Hey Uber”, nonché funzionalità tap-to-talk e funzionalità di sveglia sempre in ascolto su smartphone, auricolari, altoparlanti intelligenti e auto .

“Sono stato interessato alla voce, francamente ossessionato, per anni. Ho visto un catalizzatore tecnologico: la tecnologia vocale era migliorata molto e non si trattava più solo di semplici casi d’uso come “che tempo fa” e “imposta un timer”… Ho anche visto un catalizzatore di mercato in cui la voce era diventata la tecnologia adottata più velocemente nella storia umana”, ha detto Goscha a VentureBeat via e-mail. “I marchi avevano anche iniziato ad abbracciare la voce come nuova interfaccia e a creare il proprio servizio vocale simile a come hanno creato la propria app con l’avvento dello smartphone. Questi due catalizzatori mi hanno spinto a decidere che era ora di avviare un’azienda nello spazio”.

Assistenti vocali
In un recente sondaggio di PricewaterhouseCoopers , il 90% dei consumatori ha affermato di aver utilizzato un assistente vocale (72%), con l’adozione guidata principalmente da utenti più giovani e famiglie con bambini. L’azienda ha concluso che sfruttare con successo la tecnologia richiede alle organizzazioni di comprendere i punti di forza e le opportunità di crescita dell’assistente, oltre a ciò che è necessario affinché i consumatori si fidino della tecnologia.

Native Voice, che afferma di lavorare con marchi nei mercati del fitness, della vendita al dettaglio e della casa intelligente, è disponibile su Android tramite un’app (con iOS in arrivo) e integrato in quattro dispositivi Bluetooth “ascoltabili”. Finora, supporta Alexa, Siri e Spotify, fornendo accesso a musica, notizie, podcast, radio, meteo, fitness, meditazione e servizi di finanza personale. 

Native Voice duplica in qualche modo gli sforzi di Open Voice Network (OVN) , un’alleanza sostenuta dalla Linux Foundation che sostiene l’adozione di standard aperti attraverso le app di assistente vocale in automobili, smartphone, dispositivi domestici intelligenti e altro ancora. Con i membri fondatori Target, Schwarz Gruppe, Wegmans Food Markets, Microsoft, Veritone, Deutsche Telekom e altri, l’obiettivo dell’OVN – proprio come l’ iniziativa di interoperabilità vocale di Amazon – è standardizzare lo sviluppo e l’uso di sistemi di assistente vocale e agenti conversazionali che utilizzano tecnologie compreso il riconoscimento vocale automatico, l’elaborazione del linguaggio naturale, la gestione avanzata dei dialoghi e l’apprendimento automatico.

 

Ma la proposta unica di Native Voice per i marchi è l’accesso ai dati di utilizzo. Goscha afferma che le aziende sulla piattaforma possiedono i dati dei consumatori, in modo che possano vedere come gli utenti interagiscono con il loro marchio e come possono migliorare l’esperienza.

“Credevo che il futuro della voce dovesse assomigliare più a Internet e meno ad AOL, dove gli utenti sono in grado di interagire con qualsiasi servizio vocale che soddisfi meglio le loro particolari esigenze. Ho pensato che fosse incredibile che quando i marchi costruissero il proprio servizio vocale incentrato sulla propria area di competenza, l’esperienza dell’utente potesse essere molto migliore”, ha affermato Goscha. “Marche come Bank of America e Spotify stavano investendo decine di milioni di dollari nella creazione del proprio servizio vocale, ma è stato difficile per loro entrare negli oltre 400 marchi di dispositivi audio in circolazione. E i produttori di dispositivi audio volevano avere tutti i servizi vocali sul proprio dispositivo, ma hanno avuto difficoltà a concludere accordi con ciascun marchio uno alla volta e integrarli uno alla volta. Avevamo bisogno di un livello software, se volete un’infrastruttura, che connettesse questi due gruppi”.

Con il finanziamento annunciato oggi, che porta il totale di Native Voice con sede a Denver, in Colorado, a $ 14,4 milioni, la società prevede di aggiungere altre cinque persone al suo team di 30, un mix di dipendenti a tempo pieno e part-time.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi