Il caso d’uso aziendale killer di ChatGPT sarà la gestione della conoscenza, afferma il CTO di EY

In questo momento non esiste un caso d’uso “killer” per l’utilizzo di ChatGPT nell’azienda , ovvero uno che avrà un impatto enorme sulla linea superiore e inferiore, secondo il responsabile globale della tecnologia  di EY , Nicola Morini Bianzino.


Ma questo potrebbe presto cambiare: i prossimi 6-12 mesi porteranno un’esplosione di sperimentazione, ha previsto, soprattutto una volta che le aziende saranno in grado di basarsi su ChatGPT utilizzando l’API di OpenAI . E il caso d’uso killer che emerge potrebbe riguardare l’impatto dell’IA generativa sulla gestione della conoscenza, che Bianzino descrive come la “dialettica dell’IA”. 

 
“Le società di conoscenza tendono a immagazzinare la conoscenza in un modo molto piatto e bidimensionale che rende difficile l’accesso, l’interazione e il dialogo”, ha detto   in un’intervista. “Abbiamo provato 20, 30, 40 anni fa a costruire sistemi esperti. Non è andata molto bene perché erano troppo rigide. Penso che questa tecnologia prometta di superare molti problemi dei sistemi esperti”.

Man mano che ChatGPT e strumenti simili si evolvono e migliorano e possono essere addestrati sui dati di un’azienda in modo sicuro, cambierà il modo in cui accediamo e consumiamo le informazioni all’interno dell’azienda, ha spiegato. 

“Penso che arriveremo a un punto in cui potremo effettivamente avere una conversazione sulle prestazioni dell’azienda con un agente di intelligenza artificiale”, ha affermato. “Interroghi il sistema, il sistema è in grado di mantenere uno stato della conversazione, e quindi ogni domanda ti consente di approfondire il problema e capirlo meglio, invece di farmi eseguire un rapporto sulle vendite in questa particolare regione per l’ultimo mese, che di solito non fornisce molti spunti.” 

Un impatto significativo sul software aziendale
 
Nicola Morini Bianzino, Global Chief Technology Officer di EY/Foto per gentile concessione di EY
Questa opportunità per il futuro dell’IA generativa avrebbe un impatto significativo sul software aziendale, ha spiegato Bianzino, perché le organizzazioni dovrebbero iniziare a pensare a nuovi modi per strutturare i dati all’interno di un’azienda che vadano oltre i tradizionali strumenti di analisi . 

“Per essere onesti, ci sono dashboard carini, strutture di dati molto migliori, ma non un valore enorme”, ha detto degli strumenti attuali. 

D’altra parte, Bianzino ha suggerito di immaginare un futuro in cui un ChatGPT o equivalente potrebbe essere “invitato” a una riunione del consiglio e potrebbero essere poste domande. 

“La caratteristica di cui sono così colpito è la capacità dello strumento di mantenere lo stato della conversazione”, ha affermato. “Con un agente regolare e più conversazionale, fai una domanda e ottieni una risposta. Con ChatGPT puoi andare più in profondità, puoi dire, dimmi, cosa è andato storto la scorsa settimana? E poi dici, non abbiamo raggiunto i nostri obiettivi, ok, quali prodotti non abbiamo venduto? E poi puoi dire, che dire del tempo nella regione? Quindi puoi scendere un albero di analisi che non è predeterminato. 

 
ChatGPT dovrebbe superare gli ostacoli aziendali
A questo punto, l’opportunità descritta da Bianzino è teorica. Ci sono molti ostacoli diversi che ChatGPT e altri strumenti di intelligenza artificiale generativa devono superare, dalle potenziali implicazioni etiche ai problemi di accuratezza che anche il CEO di OpenAI Sam Altman ha ammesso .

La generazione di testo e documentazione dovrebbe anche essere addestrata e allineata alla corretta ontologia dell’impresa specifica, ha spiegato Bianzino, e dovrebbe essere contenuta, archiviata e controllata in modo sicuro all’interno dell’azienda. Ma se potesse essere, ha detto, creerebbe un’enorme quantità di valore.

 
“Quando pensi a un’organizzazione come la nostra, abbiamo 360.000 persone, abbiamo molti strumenti e capacità costruiti negli oltre 100 anni della nostra storia”, ha affermato. “Ma quella conoscenza è distribuita ora, non puoi davvero toccarla; è l’anima della nostra organizzazione, ma è immateriale. Se potessi sistematizzarlo in un’ontologia e renderlo parte di una soluzione tecnologica, puoi aumentare significativamente il valore aziendale, ha continuato.

“Ogni volta che parlo con i clienti minerari o altri tipi di clienti nello spazio delle risorse, tutti si lamentano del fatto che non ci sono tanti ingegneri provenienti dal mondo accademico come in passato”, ha detto. “Sono preoccupati di perdere la conoscenza delle persone che andranno in pensione, quindi pensa di archiviare tale conoscenza e renderla accessibile attraverso uno strumento che consenta loro di accedere facilmente a quel valore”.

La sperimentazione e un’esplosione di casi d’uso sono in arrivo
  
Bianzino afferma che EY sta attualmente lavorando sulle possibilità: “Ci stiamo mettendo un team e stiamo sperimentando dove possiamo portarlo – dobbiamo capire meglio come strutturare i dati dietro di esso per estrarre il massimo valore possibile dall’interazione”, ha detto, e ha aggiunto che non è ancora chiaro se i dati non strutturati come video o musica possano essere elaborati. “Ma sono molto ottimista sul fatto che tu possa implementare qualcosa del genere in un breve lasso di tempo per un’azienda come la nostra”.

Anche se siamo agli inizi nel panorama dell’IA generativa, Bianzino incoraggia le organizzazioni a giocare con strumenti come ChatGPT, anche solo per divertimento.

“Uno dei miei figli mi ha mostrato ieri che puoi creare una storia con ChatGPT”, ha detto Bianzino. “Se inizi a giocarci, penso che inizi a capirne il potenziale.”

I leader aziendali, come il CTO e il CIO, devono essere al passo con queste tendenze, ha continuato, perché a differenza di qualcosa come il calcolo quantistico , che potrebbe essere ancora 10-15 anni nel futuro, le vere opportunità dell’IA generativa potrebbero essere solo sei-12 mesi di distanza.

“Questo sarà grande”, ha detto. “In questo momento, non esiste un caso d’uso killer… ma penso che si muoverà molto velocemente.”

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi