Home / Hardware AI / NVIDIA presenta la CPU Grace AI Supercomputing e la piattaforma per veicoli autonomi sicura Atlan

NVIDIA presenta la CPU Grace AI Supercomputing e la piattaforma per veicoli autonomi sicura Atlan

Alla sua GPU Technology Conference (GTC) del 2021 di oggi, il CEO di NVIDIA Jensen Huang ha rivelato una serie di nuovi prodotti sulla roadmap dell’azienda che hanno lo scopo di accelerare i carichi di lavoro di machine learning, AI e High Performance Compute (HPC) nelle applicazioni dal supercalcolo all’analisi dei big data e veicoli autonomi. Durante il discorso programmatico di oggi del signor Huang sono state annunciate numerose nuove tecnologie, alcune delle quali incentrate sul supporto ecosistemico di queste tecnologie, insieme agli impegni dei partner del settore. Detto questo, concentriamoci su due importanti annunci di prodotti a livello di chip qui, anche se ti incoraggio a controllare tutte le rivelazioni di NVIDIA sul sito virtuale GTC ’21 dell’azienda dove la registrazione è gratuita. In effetti, “NVIDIA ora è un’azienda con tre chip”, ha osservato Huang all’introduzione della sua nuova CPU “Grace”, segnando l’annuncio del primo processore host principale dell’azienda per applicazioni specializzate a supporto delle GPU (unità di elaborazione grafica) e in combinazione con DPU (unità di elaborazione dati).

Entra in NVIDIA Grace, un processore di fascia altissima con un orgoglioso omonimo
La nuova CPU Grace di NVIDIA è destinata a massicci training di intelligenza artificiale e carichi di lavoro HPC e il suo nome è in onore di Grace Hopper, scienziata informatica, programmatrice e ammiraglio della Marina degli Stati Uniti, accreditata per lo sviluppo di un concetto di linguaggio di programmazione basato sul linguaggio naturale inglese. Il nome Grace si adatta alla nuova CPU di NVIDIA perché è specificamente mirato ad applicazioni come la formazione AI su modelli massivi di NLP (Natural Language Processing) “con più di 1 trilione di parametri”, come lo classifica NVIDIA.

Basato sulla tecnologia Arm di nuova generazione con licenza, Grace è progettato per supportare interconnessioni NVIDIA NVLink ad alta velocità fino a 900 GB / s per GPU con supporto di memoria LPDDR5x, oltre alla memoria HBM2e a bordo dei moduli GPU. NVIDIA afferma che i sistemi basati su Grace forniranno un throughput 10 volte più veloce rispetto ai suoi sistemi di supercomputer DGX AI legacy di fascia alta che attualmente funzionano su CPU X86. Tuttavia, in una conferenza con la società, i rappresentanti di NVIDIA sono stati attenti a sottolineare che Grace non è progettata per competere testa a testa con le CPU dei data center Intel Xeon e AMD EPYC. Invece, Grace è “progettato per essere strettamente accoppiato con una GPU NVIDIA per rimuovere i colli di bottiglia per le applicazioni AI e HPC del modello gigante più complesse”.

Grace sarà costruita su un nodo di processo 5nm all’avanguardia e NVIDIA ha anche annunciato che la prima implementazione della CPU all’inizio del 2023 avverrà nel sistema delle Alpi del Swiss National Supercomputing Center (CSCS). Alps sarà costruito da Hewlett Packard Enterprise (HPE) e impiega anche GPU NVIDIA, CPU Grace e HPC SDK di NVIDIA. NVIDIA osserva: “Sfruttando lo stretto accoppiamento tra CPU e GPU NVIDIA, si prevede che Alps sarà in grado di addestrare GPT-3, il modello di elaborazione del linguaggio naturale più grande al mondo, in soli due giorni, 7 volte più velocemente dell’exaflops con AI 2.8 di NVIDIA Selene supercomputer, attualmente riconosciuto da MLPerf come il principale supercomputer mondiale per l’intelligenza artificiale. “I ricercatori del CSCS sfrutteranno la potenza di Alps per la ricerca sulla comprensione del linguaggio naturale della grande quantità di dati disponibili nei documenti di ricerca scientifica, per generare nuove molecole per la scoperta di farmaci, ad esempio. Non sono state stabilite scadenze definitive, ma il sistema Alps alimentato da Grace dovrebbe entrare in linea nel 2023 e sostituire l’attuale supercomputer Piz Daint di CSCS.

NVIDIA afferma che la nuova piattaforma per veicoli autonomi DRIVE Atlan basata sulla grazia è un data center su ruote
Inoltre, infusa con il supporto della CPU core ‘Grace-Next’, NVIDIA ha annunciato la sua piattaforma per veicoli autonomi DRIVE Atlan di nuova generazione che combina tutti e tre gli elementi di elaborazione (CPU, DPU e GPU) su un singolo System-On-A-Chip (Soc). NVIDIA afferma che Atlan offre oltre 1000 TOPS (trilioni di operazioni al secondo), che è un aumento di 4 volte rispetto alla sua piattaforma DRIVE esistente, utilizzando la tecnologia di base Arm nel suo complesso CPU Grace, insieme a risorse GPU ‘ Ampere -Next’, deep learning e visione artificiale acceleratori.

Un’altra caratteristica importante di DRIVE Atlan è che è il primo ad impiegare un NVIDIA BlueField DPU (Data Processing Unit) per l’accelerazione hardware della comunicazione del veicolo e l’elaborazione della sicurezza. NVIDIA osserva che BlueField DPU di Atlan offrirà un’architettura di sicurezza “zero-trust” contro gli attacchi informatici, insieme al rilevamento delle intrusioni e ad altre funzionalità fondamentali per la sicurezza e la protezione dei veicoli a guida autonoma.

“Per raggiungere livelli più elevati di autonomia in più condizioni, il numero di sensori e le loro risoluzioni continueranno ad aumentare”, ha detto Huang. “I modelli di intelligenza artificiale diventeranno più sofisticati. Ci saranno più ridondanza e funzionalità di sicurezza. Avremo bisogno di tutto il computer che possiamo ottenere “.

Sebbene NVIDIA Atlan non campionerà fino al 2023 con i veicoli di produzione previsti per il 2025, la società nota che il suo software è compatibile con le sue precedenti piattaforme DRIVE, come DRIVE Orin , che è stata annunciata circa un anno fa in concomitanza con Mercedes-Benz con la produzione di veicoli a partire dal 2022.

Considerazioni chiave e commenti finali
Sebbene oggi ci siano stati molti altri importanti annunci al GTC ’21, per me NVIDIA Grace e Atlan segnano la continua focalizzazione dell’azienda sul progresso delle tecnologie di intelligenza artificiale, apprendimento automatico e visione artificiale. Questi annunci sottolineano anche il fermo impegno dell’azienda nel far progredire il portafoglio tecnologico di base di Arm, impiegandolo in campi emergenti in cui l’azienda può avere un impatto importante a breve termine nei mercati ad alto margine di profitto, come il supercomputer, l’HPC e la guida autonoma. E sebbene la sua nuova architettura CPU Grace non sia destinata ad affrontare direttamente Intel e AMD, è chiaro che NVIDIA si concentra sull’abilitazione della propria tecnologia di processore ad alte prestazioni in segmenti di mercato che non sono solo fondamentali per le sue attività principali, ma accoppiamento più stretto delle sue varie risorse di calcolo per prestazioni ottimali e avanzamento della piattaforma.

Questi annunci parlano anche di alcune delle aree in cui la società si concentrerà dopo l’acquisizione di Arm, qualora l’accordo fosse approvato dalle autorità di regolamentazione. NVIDIA continuerà a diffondere Arm IP e i suoi vantaggi andando avanti per quello che potrebbe essere un gruppo completamente nuovo di clienti in tutto il mondo.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi