L’intelligenza artificiale e la robotica sono finalmente pronte per la tua casa (e non intendo il Roomba)



Per decenni un certo ordine ha strutturato il mondo dell’automazione. I robot, più recentemente quelli alimentati da AI e Big Data, hanno lavorato nelle fabbriche, mentre gli esseri umani hanno goduto dei benefici del loro lavoro dove viviamo e lavoriamo. Questo tradizionale divario tra robotica umana e intelligenza artificiale rimarrà sicuramente per alcuni settori. Nessuno sta installando un robot industriale nel loro garage per costruire un car- ancora . Ma il divario uomo / robot potrebbe presto ridursi, se non crollare, tutto a causa di un esperto di robotica che ama il vino ed è stato costretto a casa a causa di una malattia.

Quell’ultima frase potrebbe averti sbalordito. Cosa potrebbe avere a che fare essere un appassionato di vino, un enofilo, per usare il termine tecnico, con l’accelerazione della tecnologia? La risposta breve è bene, tutto , ed è così da almeno 8.000 anni . Incredibili salti di innovazione si sono verificati regolarmente solo perché le persone hanno cercato di produrre vino migliore e mantenerlo bevibile più a lungo.

Non mi credi? I Greci svilupparono l’Anfora, l’onnipresente giara che alimenta l’antica economia commerciale marittima, in gran parte per il trasporto del vino. Nel frattempo, la bottiglia di vino come la conosciamo oggi ha le sue radici nel primo secolo d.C. Le innovazioni del vetro romano erano progettate per (indovinate) proteggere il vino mentre lo mostrava al mondo. Ciò significa che gli schermi degli smartphone e i monitor dei computer su cui tutti facciamo affidamento devono la loro esistenza in parte al vino.

Ma il rapporto dell’industria del vino con la tecnologia non è solo qualcosa di relegato all’antico passato. I produttori di vino di tutto il mondo stanno abbracciando la robotica e la tecnologia AI in modi simili alle loro controparti industriali, sostituendo l’acciaio grezzo con terra e sole e l’uva per i prodotti finiti. L’azienda vinicola di Bordeaux Château Clerc Milon utilizza un robot da vigneto per raccogliere dati sul suolo e intervenire sul diserbo. Palmaz Vineyards nella Napa Valley sfrutta i Big Data per produrre la bottiglia perfetta e alcuni produttori di vino australiani utilizzano l’apprendimento automatico per gestire l’inventario e prevenire la contaminazione.

Ma queste sono applicazioni industriali come la familiare robotica di fabbrica e i sistemi di intelligenza artificiale che tutti conosciamo. Il passaggio all’ambiente domestico, come tante innovazioni tecniche nel corso della storia, è il risultato di una persona speciale che si trova in circostanze speciali. La persona in questo caso è l’esperto di automazione Mark Chaney, e la circostanza era il suo recupero da una grave malattia costretto a casa.

Prima di questo evento, Chaney ha fondato Calvary Robotics nel 1994. Per più di 25 anni ha aiutato Fortune 500 e startup ad alta crescita a integrare robotica e intelligenza artificiale nelle linee di produzione. Ma diversi anni prima che COVID-19 lasciasse molti bloccati nella loro casa, Chaney si è ritrovato confinato per sei settimane mentre si riprendeva da una grave malattia del sangue. Nonostante i severi ordini del suo medico di non lavorare, Chaney non è il tipo da rilassarsi e guardare la TV. Invece, ha creato invenzioni per portare la robotica in casa. Uno di questi si è rivelato così popolare che ha costruito un’azienda per commercializzare l’idea, e WineCab è nato .

Un appassionato di vino di lunga data, Chaney voleva utilizzare la sua altra passione per la robotica. Di conseguenza, ha generato un sistema per la conservazione del vino in perfette condizioni e la consegna della bottiglia selezionata su richiesta. Ciò è ottenuto da un braccio robotico ad alta velocità a sei assi all’avanguardia, il primo modello di forza industriale destinato all’uso domestico. Costruito utilizzando la tecnologia della robotica collaborativa, può funzionare in sicurezza intorno agli esseri umani. (Anche un piccolo braccio robotico può contenere un colpo in grado di far cadere Iron Mike, ma la robotica collaborativa, combinata con più telecamere e sensori di sicurezza, mantiene il sistema di WineCab al sicuro.)

I primi a vedere WineCab in azione al di fuori della famiglia di Chaney sono stati 20 ospiti che hanno partecipato a una festa per celebrare la sua guarigione. Ipnotizzati dai movimenti fluidi del robot, lo guardarono scegliere abilmente una bottiglia e distribuirla per la folla. Alcuni partecipanti hanno confrontato ciò che hanno visto con le belle arti. In realtà, il sistema fa un tipo di spettacolo che non si trova tipicamente in casa.

A dire il vero, se WineCab è tutto ciò che c’è da fare in modo inventivo a dispensare bottiglie di vino, potrebbe essere lì che la discussione finirebbe: un distributore automatico di vino ad alta tecnologia che funge anche da ingegnoso trucco da salotto. Ma il braccio del robot graffia solo la superficie del sistema. Il vero potere di WineCab è l’IA che dà vita al sistema.

Come spesso accade, la necessità è la madre dell’invenzione. Questo era vero per Chaney. Appassionato di vino da anni, non aveva ancora sviluppato una profonda conoscenza di questo complicato argomento. Dopo che un numero sufficiente di amici lo avevano bloccato con le loro domande sul vino nel corso degli anni, ricorse alla stampa di carte laminate con l’elenco delle bottiglie che possedeva. Inoltre, riconoscendo come solo poche persone benestanti potrebbero permettersi di avere il proprio sommelier nello staff personale, Chaney ha deciso di dotare il suo sistema di vino di casa con un sommelier virtuale basato sull’intelligenza artificiale .

Come la sua controparte umana, il sommelier virtuale di WineCab può suggerire abbinamenti di cibo per il vino e formulare consigli personalizzati in base ai tuoi gusti. Come? Ebbene, che ci crediate o no, il vino è un’applicazione perfetta di AI e Big Data. Un esperto umano che lavora in un ristorante può essere in grado di costruire abbinamenti alimentari basati su 100 etichette, ma può gestirne 10.000? Probabilmente no.

Il sistema di WineCab, d’altra parte, è in grado di tenere traccia dei dati su 600.000 etichette – e in continuo aumento – tratte dai loro partner di Delectable, un’app per enofili. Questo ha senso. Uno dei maggiori punti di forza dell’IA è la sua capacità di discernere schemi significativi da grandi quantità di dati. Queste informazioni sono utili anche per gli esseri umani in modi chiave. Il sistema presenta una vasta gamma di contenuti per ogni bottiglia, istruendo i proprietari man mano che la loro collezione cresce.

Nonostante tali vantaggi, l’antipasto domestico di WineCab ci costringe a considerare il problema più grande con la robotica e l’intelligenza artificiale. Queste innovazioni sostituiranno le persone? Nel mondo della produzione, i leader del pensiero stanno cercando di capire come i robot e gli esseri umani alimentati dall’intelligenza artificiale possono collaborare in un gioco a somma positiva .

La compagnia supersonica di business jet Aerion Supersonic utilizza già l’apprendimento automatico per il gemellaggio digitale, quello che potrebbe essere considerato un ambiente sandbox basato sull’intelligenza artificiale per la progettazione e il test di applicazioni che costerebbero fortune nel mondo reale. Come mi ha spiegato Tom Vice, Presidente / CEO di Aerion , “Sono contrario alle macchine che sostituiscono gli esseri umani. Cerchiamo opportunità per creare sinergie tra macchine e esseri umani. Alla fine, vogliamo migliorare la vita delle persone attraverso i progressi nella nostra tecnologia “.

Nel frattempo, nell’ambiente domestico, Chaney crede che WineCab possa migliorare la vita delle persone senza costare i posti di lavoro nell’industria del vino. Ancora meglio, WineCab si offre di portare i proprietari in più stretto contatto con gli esperti di vino locali. “C’è una disconnessione nella maggior parte delle comunità tra sommelier e amanti del vino”, afferma Chaney. “La maggior parte delle persone utilizzerà i servizi di un sommelier in un ristorante, ma mai a casa. Lo stiamo cambiando completamente. Non speriamo di sostituire il sommelier. Speriamo di costruire relazioni più forti che non sono mai esistite prima “.

In questo modo, esperti umani interagiranno costantemente con il sommelier virtuale di WineCab, un programma guidato dalla Master Sommelier Virginia Phillip, una giovane donna che guida il futuro del vino. Chaney ritiene inoltre che WineCab fornirà vantaggi umanistici ai proprietari, non solo alla comunità del vino. Come spiega, “Tradizionalmente, un ospite può lasciare un raduno per 15 minuti per cercare in cantina la bottiglia perfetta. Grazie a WineCab, questo processo può avvenire di fronte al raduno. Può persino diventare un punto di conversazione invece di un gioco d’attesa. “

In definitiva, Chaney vede WineCab come il modo migliore per introdurre la robotica basata sull’intelligenza artificiale a casa. E come Vice, crede che questi strumenti possano illuminare il futuro dell’umanità, non ostacolarlo. Immagina un giorno in cui gli anziani e / o coloro che sono costretti a casa dalla malattia (come una volta) saranno serviti da una tecnologia migliore. “E se i robot alimentati dall’intelligenza artificiale potessero aiutare gli esseri umani a combattere l’isolamento e la depressione? E non solo “, chiede. “E se la tecnologia potesse migliorare la vita delle nostre persone più vulnerabili?”

Assistere al crescente impatto di WineCab rivela quanto l’intelligenza artificiale e la robotica siano pronte a diventare parte della nostra vita quotidiana. Indipendentemente dalla forma che assume questo passaggio dall’industria alla casa, una cosa è chiara: i giorni di questa tecnologia applicata solo alla fabbrica (o al vigneto) sono contati. Sta a noi ora trovare quell’armoniosa sinergia tra macchina e uomo.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi