Home / curiosità / Odeuropa un team di ricercatori che usa l’AI intelligenza artificiale per ricostruire profumi e odori storici.

Odeuropa un team di ricercatori che usa l’AI intelligenza artificiale per ricostruire profumi e odori storici.

In che modo l’intelligenza artificiale aiuta i ricercatori a ricreare gli odori storici

L’Unione europea ha assegnato una sovvenzione di 2,8 milioni di euro a un team di ricercatori che intende utilizzare l’intelligenza artificiale per ricostruire profumi e odori storici.

Soprannominato “Odeuropa”, il consorzio vanta una serie multidisciplinare di scienziati e studiosi europei, che abbracciano storia, storia dell’arte, linguistica computazionale, visione artificiale, web semantico, museologia, scienza del patrimonio e chimica.

Nel corso dei prossimi tre anni, questi specialisti collaboreranno a nuovi metodi di “estrazione sensoriale e scienza del patrimonio olfattivo”, con l’obiettivo di costruire un’enciclopedia di odori, profumi e odori storici basata su raccolte di testi e immagini digitali. Lavoreranno quindi con chimici, artisti e profumieri per ricostruire una selezione degli odori documentati nel loro database.

Utilizzo dell’intelligenza artificiale per creare una storia dell’odore
L’obiettivo generale del progetto Odeuropa è quello di tracciare il modo in cui i vari odori hanno acquisito e modificato i loro significati sociali nel tempo. Un esempio lampante di questo è il tabacco, come ha detto al Guardian il dott. William Tullett, membro del team di Odeuropa .

“È una merce introdotta in Europa nel XVI secolo che inizia come un tipo di odore molto esotico, ma poi diventa rapidamente addomesticata e diventa parte del normale paesaggio olfattivo di molte città europee”, ha detto.

In che modo l’IA trasformerà il luogo di lavoro digitale nel 2020 e oltre
L’intelligenza artificiale si inserisce in questo quadro tramite la linguistica computazionale e la visione artificiale. Gli algoritmi di intelligenza artificiale verranno utilizzati per estrarre testi e immagini storici per riferimenti a odori e odori, che verranno quindi raccolti in un’enciclopedia online del patrimonio dell’odore .

Questi algoritmi scansioneranno anche i riferimenti alle qualità sensoriali, ai significati emotivi e ai significati sociali degli odori, consentendo al team di Odeuropa di costruire una descrizione multidimensionale degli odori che abbraccia decenni e secoli.

“Questo potrebbe portarci a tutti i tipi di profumi diversi, sia che si tratti dell’uso di erbe come il rosmarino per proteggere dalla peste, [o] dell’uso di sali odoranti nel XVIII e XIX secolo come antidoto a convulsioni e svenimenti”, ha detto Tullett.

Sviluppando un’enciclopedia degli odori, il team mira a trasformare la storia in un’esperienza multisensoriale. Utilizzeranno i dati sugli odori estratti dall’intelligenza artificiale per ricreare vari odori, che verranno poi utilizzati nei musei e nei luoghi del patrimonio.

AI e storia
Mentre Odeuropa è il primo progetto europeo nel suo genere a utilizzare l’intelligenza artificiale nella ricostruzione di profumi storici, non è certamente il primo progetto a utilizzare l’IA per ricostruire parti della nostra storia.

L’anno scorso, i ricercatori dell’University College di Londra hanno utilizzato l’apprendimento automatico per ricostruire parti di un dipinto di van Eyck che era stato dipinto. Allo stesso modo, Time Machine è un altro progetto finanziato dall’UE che utilizza l’intelligenza artificiale non solo per analizzare documenti storici, ma anche per ricostruire l’aspetto che le città europee potevano avere in passato.

Time Machine non è l’unica organizzazione che lavora in questa particolare area. Lo scorso ottobre, Google ha annunciato un set di strumenti basato sul deep learning che avrebbe consentito ai ricercatori di utilizzare mappe e immagini storiche per ricostruire le città. Ha detto che sperava che la risorsa diventasse “un compendio che consente agli appassionati di storia di sperimentare virtualmente le città storiche di tutto il mondo, aiuta ricercatori, responsabili politici ed educatori e fornisce una dose di nostalgia agli utenti quotidiani”.

Ma non è solo la simulazione artificiale del passato che l’IA può aiutarci. Gli archeologi hanno iniziato a utilizzare l’intelligenza artificiale per identificare le effettive caratteristiche archeologiche e prevedere dove è probabile che gli archeologi trovino tracce di passate attività umane e insediamenti.

Dato che l’IA può setacciare vaste quantità di dati a velocità impressionanti e che può offrire previsioni sempre più accurate, lo vedremo quasi inevitabilmente apparire sempre di più nella ricerca storica. In altre parole, l’intelligenza artificiale è il nostro futuro, ma è anche il nostro passato.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi