La scorsa settimana, OpenAI ha annunciato che avrebbe esteso l’accesso beta a DALL-E 2 , la sua potente soluzione di intelligenza artificiale per la generazione di immagini , a oltre un milione di utenti tramite un modello di abbonamento a pagamento. Ha inoltre offerto a quegli utenti i diritti di utilizzo completi per commercializzare le immagini che creano con DALL-E , incluso il diritto di ristampa, vendita e merchandising.

L’annuncio ha mandato in fermento il mondo della tecnologia, ma si trattava principalmente di allegri feed di Twitter pieni di risultati di prompt DALL-E casuali come ” viaggio steampunk Jesus DMT sotto un microscopio elettronico ” a un ” mago oscuro che usa uno smartphone magico per lanciare incantesimi . ” Ma una serie di domande, una che porta all’altra, sembrano indugiare sotto la superficie. 

 
OpenAI sull’uso commerciale di DALL-E
Per prima cosa, cosa significa l’uso commerciale delle immagini basate sull’intelligenza artificiale di DALL-E per le industrie e i lavoratori creativi, da grafici e creatori di video a società di pubbliche relazioni, agenzie pubblicitarie e team di marketing? Dovremmo immaginare la scomparsa totale, diciamo, dell’illustratore? 

 
Secondo OpenAI , la risposta è no. DALL-E è uno strumento che “migliora ed estende il processo creativo”, ha detto a VentureBeat un portavoce di OpenAI. Proprio come un artista guarderebbe a diverse opere d’arte per trarne ispirazione, DALL-E può aiutare un artista a elaborare concetti creativi. 

 

Registrati ora per il tuo pass virtuale gratuito per la settimana AI di Transform, dal 26 al 28 luglio. Ascolta l’intelligenza artificiale e i dirigenti dei dati di Visa, Lowe’s eBay, Credit Karma, Kaiser, Honeywell, Google, Nissan, Toyota, John Deere e altri.
Registrati qui
“Quello che abbiamo sentito da artisti e utenti fino ad oggi è che ci vuole la direzione umana per generare una buona rappresentazione dell’idea”, ha detto il portavoce. 

Ma come può qualcuno che usa DALLE-2 per creare un’immagine attestare che è opera propria? Dopotutto, la persona che usa DALLE-2 sta semplicemente inserendo un prompt. In che modo i risultati di quel prompt possono essere i loro? Se sono autorizzati a vendere quelle opere commercialmente, sono davvero gli artisti? 

OpenAI insiste sul fatto che DALL-E crei immagini originali, dicendo: Simile a come impariamo da bambini, DALL-E 2 ha imparato la relazione tra le immagini e il testo usato per descriverle. Ad esempio, DALL-E può imparare che aspetto ha la città di Parigi dalle foto di Parigi, tra cui la Torre Eiffel e la Senna. Se dai a DALL-E 2 il messaggio “Parigi”, genererà un’immagine unica e originale di Parigi basata su ciò che ha appreso sulla città. 

Le creatività rispondono al maggiore accesso di OpenAI
Nel complesso, i creativi che VentureBeat ha contattato sembrano prendere l’aspetto di DALL-E sulla scena e esplorare il potenziale dello strumento per aumentare la produttività e l’efficienza e sfruttare la sua assistenza creativa. 

 
“Per i clienti aziendali, questa tecnologia può fornire un veicolo per passare dall’idea al concetto e quindi aiutare a perfezionare il concetto molto più velocemente”, ha affermato Andy Martinus, responsabile globale dell’innovazione presso la società di pubbliche relazioni con sede a Londra, Team Lewis.

Tuttavia, ha sottolineato che non può sostituire le idee di direzione creativa, tuttavia non può sostituire le idee o la direzione creativa. 

“Per artisti e marketer, anche se inizialmente potrebbe esserci scetticismo, c’è anche un’opportunità”, ha aggiunto. “I creatori possono utilizzare lo strumento per sviluppare le loro idee iniziali e per creare variazioni di un progetto o un’idea esistente, [che] fornisce un maggiore livello di controllo creativo”. 

Meghan Goetz, direttore del marketing presso l’agenzia digitale Crowd Favorite, sottolinea che i clienti dei marchi aziendali spesso hanno guide del marchio rigorose e personalità degli utenti che richiedono il team di marketing e design interno. 

“Per questi team, DALL-E può essere utilizzato per creare supporti di stock nuovi, unici o personalizzati, il che potrebbe essere ottimo per le campagne che richiedono stili di progettazione specifici”, ha affermato. “Potrebbe essere un ottimo strumento per la prototipazione o l’ispirazione per le risorse di progettazione, mentre la modifica e la modifica delle immagini può essere un ottimo modo per utilizzare questi strumenti per risparmiare tempo e denaro”. 

L’accesso ampliato a DALL-E è un’opportunità per i designer di aggiornare i propri flussi di lavoro, ha affermato Juan Pablo Madrid, direttore senior dell’innovazione del design presso l’agenzia creativa Online Optimism con sede a New Orleans. Ha detto che lo considera simile agli algoritmi basati sull’intelligenza artificiale ampiamente adottati che hanno semplificato l’elaborazione delle immagini in strumenti come Adobe Photoshop.

“Alcuni esempi che ho visto da altri designer utilizzano DALL-E 2 per creare modelli fotorealistici di materiali del marchio o creare immagini di post di blog originali”, ha aggiunto. 

Una maggiore concorrenza potrebbe derivare dall’uso di DALL-E
Ma mentre l’uso commerciale di DALL-E 2 può espandere la creatività e fornire agli artisti più opzioni nella creazione e nell’espansione dei loro mercati, potrebbe creare più concorrenza nello spazio creativo, ha ammonito Baruch Labunski, CEO di Rank Secure. 

 
“Ci sarà un’ondata di lavoro creativo derivante da questo, che può essere buono o cattivo, a seconda della tua agenzia e della tua posizione”, ha detto. 

Il vantaggio, ha spiegato, è per le piccole agenzie di marketing o le piccole imprese che potrebbero, con l’abbonamento, produrre immagini altamente professionali che le rendono più competitive con aziende o aziende più grandi mantenendo i costi sotto controllo. Aprirebbe anche più opportunità per i liberi professionisti perché potrebbero anche competere.

Gli svantaggi, tuttavia, sono l’aumento della concorrenza nello spazio creativo che potrebbe far scendere i prezzi del lavoro creativo e del marketing, soprattutto nelle aree urbane più grandi dove esiste già una forte concorrenza. 

“Non lo vedo limitare i posti di lavoro nello spazio”, ha detto. “Lo vedo come creare più posti di lavoro e questo significherà anche più concorrenza.

Problemi di proprietà delle immagini DALL-E
Secondo il portavoce di OpenAI, il feedback degli utenti ha rilevato che i diritti di utilizzo completi sono ciò che vogliono i creatori. OpenAI, tuttavia, mantiene la proprietà dell’immagine originale “principalmente in modo da poter applicare meglio la nostra politica sui contenuti”. 

Ma i lavoratori creativi trovano poco chiari i problemi relativi alla proprietà e al copyright. 

“A livello commerciale, ci sono domande a cui rispondere sulla proprietà delle immagini create da strumenti come DALL-E 2: l’immagine è di proprietà di DALL-E 2 o della creatività che l’ha diretta?” disse Martino. “Se [OpenAI] lo possiede, acquisti i diritti di utilizzo e anche altri possono utilizzare l’immagine, come con le immagini stock? Potrebbe essere un’alternativa a lungo termine alle immagini stock?” 

 
Goetz concorda sul fatto che i diritti di proprietà sembrano “un po’ confusi”, sottolineando che quando si tratta di lavorare per marchi specifici, “tendono a evitare qualsiasi incertezza quando si tratta di licenze per le risorse di immagine e design”. 

Madrid ha detto che sarebbe riluttante ad adottare strumenti come DALL-E 2 per il lavoro dei clienti di alto valore, “… considerando che gli utenti non hanno un copyright esclusivo su nessuna generazione di immagini e non possono, quindi, trasferirlo a un cliente. Quindi, non consiglierei alle agenzie pubblicitarie di prendere in considerazione l’idea di sbarazzarsi dei loro designer a meno che non siano preparate a potenziali battaglie legali sul lavoro prodotto”.

Tuttavia, suggerisce che potrebbero voler rivalutare gli abbonamenti di foto stock costosi.

“Il prezzo e la capacità di creare praticamente qualsiasi immagine da un messaggio di testo è piuttosto interessante”, ha affermato. 

Speranza in un futuro a misura di artista, afferma OpenAI
OpenAI sottolinea che artisti e professionisti creativi stanno già utilizzando DALL-E in un’ampia gamma di progetti. 

“La nostra speranza è che DALL-E possa essere utilizzato da artisti, designer e fotografi come strumento per aiutare con il processo creativo”, ha affermato il portavoce di OpenAI. “Abbiamo visto l’IA essere un buon strumento per le persone nello spazio creativo. Ad esempio, poiché il software di fotoritocco è diventato più potente e accessibile, ha consentito a più persone di entrare nel campo della fotografia. Negli ultimi anni, abbiamo anche visto artisti utilizzare l’IA per creare nuovi tipi di arte”. 

 
Martinus ha sottolineato che DALL-E 2 e altri strumenti non dovrebbero essere visti come una minaccia per il campo creativo. “Le persone tendono ad ‘hackerare’ gli strumenti e ad usarli per compiti che vanno oltre la loro intenzione originale”, ha affermato. “Mi aspetto lo stesso con DALL-E 2. Le persone lo useranno, ma in modo diverso da come ci aspettiamo.”

Nel complesso, Goetz ha aggiunto che non vede ancora la piena adozione di questi strumenti.

“Molti clienti e progetti richiedono la competenza e l’esperienza dell’aspetto umano quando si tratta della produzione finale”, ha affermato. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi