Home / AI in Azienda / OpenAI GPT-3 la versione commerciale del famoso modello di generazione del testo è in vendita

OpenAI GPT-3 la versione commerciale del famoso modello di generazione del testo è in vendita

OpenAI rilascerà la versione commerciale del famoso modello di generazione del testo
Il laboratorio di ricerca di intelligenza artificiale OpenAI renderà disponibile per l’acquisto il suo famoso strumento di generazione di testi GPT-3, che segna il primo prodotto commerciale prodotto dall’apprendimento automatico senza scopo di lucro.

Nel febbraio dello scorso anno, OpenAI ha reso open source il suo modello di generazione di testi GPT-2. GPT-2 è stato in grado di generare un testo straordinariamente coerente quando fornito con un breve prompt, e il modello è stato considerato come un significativo passo avanti nei campi dell’elaborazione del linguaggio naturale e dell’intelligenza artificiale. In effetti, OpenAI inizialmente ha rifiutato di rilasciare il modello GPT-2, sostenendo che era troppo pericoloso per un rilascio open source, temendo un uso improprio. Tuttavia, dopo che una versione del modello è diventata disponibile per un po ‘di tempo e le organizzazioni no profit hanno riferito di non aver visto alcuna prova di utilizzo dannoso, è stata presa la decisione di rendere il modello open source. Proprio di recente, OpenAI ha annunciato il seguito di GPT-2, soprannominato GPT-3.

Il modello GPT-3 è circa 100 volte più grande del suo predecessore ed è questo modello che stanno offrendo come prodotto commerciale. Il modello GPT-2 comprendeva circa 1,5 miliardi di parametri mentre GPT-3 comprendeva circa 175 miliardi di parametri. La raffinatezza e l’affidabilità della serie di modelli GPT hanno fatto sì che i modelli convergessero diventando lo standard per i progetti di apprendimento automatico che coinvolgono il testo. Proprio come le reti neurali convoluzionali sono diventate il modello predefinito per i progetti relativi alle immagini, i progetti relativi al testo utilizzano sempre più GPT-2 e forse presto GPT-3.

Come riportato da The Verge , OpenAI sembra sperare di spingere in avanti l’adozione di uno standard GPT rendendo disponibile commercialmente il proprio modello GPT-3. Attualmente, l’accesso all’API GPT-3 è solo su invito. Tuttavia, questa è probabilmente solo una prova e sembra probabile che GPT-3 sarà reso più ampiamente disponibile prima piuttosto che dopo. OpenAI ha dichiarato che esaminerà i clienti dei loro modelli per prevenire l’abuso della tecnologia per usi non etici come lo spamming, la creazione di disinformazione o molestie.

Non è chiaro esattamente come GPT-3 sia destinato ai clienti. Questo è probabilmente perché GPT-3 è così flessibile e ha così tante potenziali applicazioni. I modelli basati su GPT possono essere ottimizzati in base alle necessità per generare testo appropriato per attività specifiche. Il modello è in grado di adattarsi a un’ampia varietà di vari prompt e stili di input, il che significa che potrebbe essere utilizzato per creare strumenti di riepilogo del testo, rispondere a domande semplici o fungere da base per un sofisticato chatbot. Come Greg Brockman , Chief Technology Officer di OpenAI, ha spiegato a Wired :

“Il grande cambiamento mentale è, è molto più simile a parlare con un essere umano che a formattare cose per una macchina”, afferma Greg Brockman, Chief Technology Officer di OpenAI. “Gli dai alcune domande e risposte e improvvisamente è in modalità Domande e risposte.”

Non si sa quanto siano affidabili i modelli commerciali derivati ​​dalla GPT-3. Mentre GPT-3 è in grado di generare un linguaggio sintatticamente corretto e dal suono naturale, manca di una comprensione intuitiva del mondo reale e di come i concetti si relazionano tra loro. Ciò potrebbe rivelarsi problematico per gli usi in cui la conservazione del contesto è particolarmente importante, come i chatbot progettati per l’assistenza ai clienti.

Joe Davison, un ingegnere di ricerca presso Hugging Face, ha espresso a Digital Trends che la vastità di GPT-3 potrebbe limitare i suoi potenziali usi. Davison ha sostenuto che mentre OpenAI ha significativamente avanzato lo stato dell’arte quando si tratta di generazione di testo, dimostrando che la creazione di modelli per scopi generici può ridurre la necessità di dati specifici dell’attività, ma le risorse di calcolo necessarie per utilizzare GPT-3 lo rendono abbastanza poco pratico per molte aziende.

OpenAI era in precedenza un’impresa senza scopo di lucro, ma dal 2019 il laboratorio è passato a un modello a scopo di lucro. GPT-3 è il primo grande prodotto commerciale prodotto dal laboratorio e resta da vedere se il passaggio a un modello a scopo di lucro sposterà le priorità di ricerca di OpenAi.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi