Home / AI in Azienda / L’Intelligenza Artificiale sta diventando più facile? L’analisi di Deloitte

L’Intelligenza Artificiale sta diventando più facile? L’analisi di Deloitte

L’IA stessa continua a cambiare. Nel corso del tempo abbiamo assistito a una grande evoluzione nel modo in cui le aziende considerano l’IA come una risorsa aziendale. Sono stato motivato a riflettere su questo argomento con il rilascio del sondaggio Deloitte State of Enterprise AI 2020, che è disponibile qui . Quest’anno non ho lavorato al sondaggio, ma sono un consulente senior per le analisi di Deloitte e la pratica dell’intelligenza artificiale.

Ci sono molti aspetti diversi del sondaggio, ma quello che mi è emerso è che gli intervistati sentono che l’IA sta diventando più facile e continueranno a farlo. Gli intervistati sono 2727 dirigenti globali di nove paesi e le loro organizzazioni hanno adottato l’IA. Ciò di per sé suggerisce che l’IA sta diventando più pervasiva, perché negli anni precedenti al sondaggio abbiamo dovuto intervistare molti dirigenti per trovare gli adottanti. E il rispondente medio sta diventando più sofisticato ed esperto di AI. Quest’anno solo il 27% è stato “avviatore” – società con scarsa esperienza nell’intelligenza artificiale e meno di cinque implementazioni di produzione dell’IA – che è anche una percentuale inferiore rispetto al passato (36% nel 2018).

Compra, non costruire
Il singolo risultato più interessante del sondaggio per me è la preferenza per l’acquisto di tecnologia AI pronta all’uso rispetto alla sua costruzione. Anzi, ad un certo punto sarà difficile non comprare. Il 74% di questi dirigenti ha concordato che “l’IA sarà integrata in tutte le applicazioni aziendali entro tre anni”. In termini di pratica odierna, il 50% afferma che o “comprerà tutto” delle proprie capacità di intelligenza artificiale o “acquisterà più che costruire;” solo l’8% “costruirà tutto” e il 13% “costruirà più che acquistare”. Questo non è solo un approccio particolarmente favorito dai novizi dell’IA; più una società ha avuto esperienza nel sondaggio, più è probabile che preferisca acquistare piuttosto che costruire. Forse non sorprendentemente, data la preferenza di buy-over-build, gli intervistati si aspettano un’adozione sostanzialmente universale delle principali tecnologie di intelligenza artificiale: apprendimento automatico (il 97% lo utilizza ora o entro un anno), apprendimento profondo (95%), elaborazione del linguaggio naturale (94%) e visione artificiale (94%) – molto presto. Spero che il fatto che gli intervistati siano stati intervistati nel dicembre del 2019, in altre parole pre-COVID, non dissuaderanno il loro ottimismo.

Ci sono molte notizie positive qui se gli intervistati hanno ragione. Saranno in grado di procurarsi sofisticate tecnologie Ai senza la seccatura di assumere data scientist difficili da trovare in grado di programmare in PyTorch o TensorFlow. I dati di cui hanno bisogno per i modelli di intelligenza artificiale saranno presumibilmente presenti nelle applicazioni transazionali che incorporano le capacità di intelligenza artificiale. Gli utenti di questi sistemi potrebbero persino trovare relativamente facile adattarsi a queste applicazioni AI, poiché stanno già utilizzando i sistemi in cui risiedono.

Essere un buon acquirente e responsabile del rischio
Certo, c’è un lato meno ottimista dell’intelligenza artificiale più facile da usare. Se le aziende compreranno le loro applicazioni di intelligenza artificiale anziché costruirle, ciò significa che dovranno comprendere il mercato dei fornitori per le offerte di intelligenza artificiale e poter scegliere partner strategici. Ma meno della metà degli utenti dell’IA (47%) afferma di avere un alto livello di competenza nella selezione delle tecnologie e dei fornitori di tecnologia AI. Devono chiaramente fare il pieno di questo particolare skillset.
Dato che lo sviluppo di applicazioni AI è meno problematico, in che modo queste aziende stanno pianificando di stabilire un vantaggio competitivo con l’IA? Nessun approccio sembra dominare, ma “modernizzare la nostra infrastruttura dati per l’IA” è la risposta più popolare, con il 20%. Anche ottenere l’accesso alle più recenti e migliori tecnologie di intelligenza artificiale, passare al cloud, implementare piattaforme di data science e sviluppare partnership per un’esecuzione rapida sono state tattiche relativamente popolari.

Ci sono anche una serie di rischi che sembrano preoccupati per coloro che adottano l’IA. Abbiamo iniziato a chiedere agli intervistati di questi nel sondaggio del 2018 e da allora sono apparsi coerentemente. Quest’anno, il 56% concorda sul fatto che la propria organizzazione sta rallentando l’adozione delle tecnologie di intelligenza artificiale a causa dei rischi emergenti; la stessa percentuale è preoccupata per una reazione del pubblico sull’intelligenza artificiale. Alcuni dei rischi specifici che hanno maggiormente interessato gli intervistati sono stati problemi di cibersicurezza, guasti dell’IA che potrebbero influire sulle operazioni aziendali, uso improprio dei dati personali e modifiche normative che coinvolgono l’IA.

Ancora rialzista

Indipendentemente da questi problemi di rischio, coloro che hanno adottato l’IA sono piuttosto rialzisti riguardo al loro valore per le loro attività. Questa scoperta è apparsa nei dati dell’indagine ogni anno in cui è stata condotta. Nel sondaggio di quest’anno, il 73% degli utenti afferma che l’IA è molto o di fondamentale importanza per il successo dell’azienda oggi e il 71% prevede di aumentare gli investimenti nel prossimo anno fiscale.

Quest’ultimo sondaggio indica certamente che l’IA sta diventando più pervasiva e più facile da adottare e che le aziende ne stanno beneficiando. È necessario gestire alcuni rischi derivanti dall’intelligenza artificiale, ma non dovrebbero trattenere alcuna azienda dall’applicazione dell’IA per migliorare il proprio business. I risultati del sondaggio suggeriscono che le aziende stanno avanzando con questa tecnologia.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi