Personetics, una piattaforma di approfondimento e coinvolgimento dei clienti basata sull’intelligenza artificiale per le banche, raccoglie 85 milioni di dollari
 
Hai perso una sessione del Summit sul futuro del lavoro? Vai alla nostra  libreria on-demand del Future of Work Summit  per lo streaming.

 
Personetics , una piattaforma basata sull’intelligenza artificiale utilizzata da alcune delle più grandi banche del mondo per fornire consigli e approfondimenti personalizzati ai clienti, ha raccolto 85 milioni di dollari.

Mentre le banche e gli istituti finanziari sono alle prese con la trasformazione digitale in un mondo che è rapidamente passato all’online-first, sapere come interagire con i clienti e stare al passo con la concorrenza è forse più vitale che mai. È qui che entra in gioco Personetics, con un approccio basato sui dati per fornire un coinvolgimento personalizzato dei clienti.

 
“Le banche stanno passando sempre più da una relazione passiva a una proattiva con i clienti e cercano nuovi modi per aiutarli a migliorare il loro benessere finanziario”, ha detto a VentureBeat il cofondatore e CEO di Personetics David Sosna. “Sono basati su una vasta gamma di dati che possono consentire loro di anticipare le esigenze dei loro clienti e l’IA di Personetics li aiuta a trasformarli in approfondimenti personalizzati”.

Banche tra cui US Bank, Santander e BMO incorporano la tecnologia di Personetics tra i loro sistemi front-end e back-end per analizzare le transazioni e il comportamento dei clienti, fornendo suggerimenti e indicazioni per migliorare la loro salute finanziaria. La tecnologia è disponibile anche come offerta white label, il che significa che le banche possono adattare il “look and feel” al proprio marchio.

Quindi, come potrebbe effettivamente una banca utilizzare Personetics per aiutare i propri utenti? Bene, supponiamo che un cliente si abboni a due servizi di streaming musicale; l’app di mobile banking potrebbe evidenziare questo fatto e chiedersi se intendessero davvero pagare due servizi molto simili. Oppure, la banca può tenere traccia del conto corrente di un cliente per trasferire automaticamente denaro sul suo conto di risparmio se ha senso e si allinea con i suoi obiettivi di budget.

Sopra: Ally Financial utilizza Personetics
Personetics ha lanciato diversi nuovi prodotti nell’ultimo anno, tra cui Enrich , che utilizza un modello di categorizzazione abilitato all’intelligenza artificiale per ripulire e classificare varie fonti di dati interne ed esterne per fornire un quadro più accurato delle transazioni di ciascun cliente, ad esempio identificando duplicati o pagamenti simili.

Altrove, Personetics ha anche lanciato Act Cloud , che è orientato a offrire ai clienti programmi di benessere finanziario automatizzati e autoadattanti. “La soluzione sfrutta SaaS, open banking e automazione su larga scala e funziona trovando modelli nei dati di spesa dei clienti e riconoscendo le occasioni in cui i clienti possono risparmiare denaro”, ha affermato Sosna. “Questo può aiutare le persone a ripagare il debito più velocemente spostando automaticamente denaro extra da un conto corrente al pagamento di un prestito”.

“L’effetto Netflix”
La promessa principale di Personetics, in definitiva, è quella di allineare il software finanziario incentrato sui consumatori ad altri servizi digitali a cui sono abituati da tempo: i loro provider di posta elettronica forniscono suggerimenti intelligenti e contestuali, mentre i giganti dei media online come Spotify, Netflix e YouTube fanno leva Intelligenza artificiale e algoritmi intelligenti per ottimizzare i contenuti per i propri abbonati.

“Riteniamo che la personalizzazione basata sui dati sia il prossimo campo di battaglia competitivo per i servizi finanziari”, ha spiegato Sosna. “I consumatori moderni vogliono l'”effetto Netflix” di esperienze semplici e consigli automatizzati altamente mirati alle loro esigenze e interessi”.

Fondata in Israele nel 2010, Personetics ha ora uffici a New York, Londra, Parigi, Singapore e Rio De Janeiro e afferma di servire 120 milioni di utenti tramite 80 istituzioni finanziarie in 30 mercati. La società aveva precedentemente raccolto circa 93 milioni di dollari, la maggior parte dei quali è arrivata tramite un round guidato da Warburg Pincus meno di un anno fa , e per il suo ultimo round di crescita ha inaugurato Thoma Bravo come principale investitore.

Al round hanno partecipato anche i sostenitori esistenti Sequoia Capital, Lightspeed Ventures, Warburg Pincus, Nyca Partners e Viola Ventures.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi