Placer.ai, una startup di analisi della posizione, trova $ 100 milioni con una valutazione di $ 1 miliardo
 
Molti di noi si spostano in questi giorni molto meno del solito: a causa del COVID, lavoriamo da casa invece che dall’ufficio; e stiamo viaggiando e uscendo meno. Ora, mentre torniamo a comportamenti più “normali”, una startup che sta aiutando a capire meglio dove e come ci stiamo muovendo ha raccolto un significativo giro di finanziamenti. Placer.ai , che ha creato una piattaforma per monitorare e comprendere i passi in una varietà di luoghi, ha raccolto $ 100 milioni, un finanziamento che utilizzerà per continuare ad espandere la sua piattaforma. Placer ha confermato che il round lo valuta a $ 1 miliardo.

Il round arriva da un interessante mix di investitori strategici e finanziari. È guidato da Josh Buckley (il CEO di Product Hunt), con la partecipazione di WndrCo (società di investimento del supremo di Disney/Dreamworks Jeffrey Katzenberg), Lachy Groom, MMC Technology Ventures LLC, Fifth Wall Ventures e Array Ventures, oltre a una fascia di nomi immobiliari, tra cui JM Schapiro (CEO di Continental Realty Corp), Eliot Bencuya e Jeff Karsh di Tryperion Partners, Daniel Klein di Klein Enterprises/Sundeck Capital e Majestic Realty. Questo round arriverà meno di un anno dopo la serie B di Placer.ai da $ 50 milioni .

Oggi, Placer ha circa 1.000 clienti tra immobili e proprietà, vendita al dettaglio, beni di consumo confezionati e comuni – alcuni dei nomi includono JLL, Regency Centers, Taubman, Planet Fitness, BJ’s Wholesale Club e Grocery Outlet – che lo stanno utilizzando per determinare l’anonimato movimento, dimensione e sentimento della folla per aiutare con il loro processo decisionale e pianificazione strategica.


Il piano prevede di investire sia nella costruzione di tale base di utenti che nella piattaforma stessa, introducendo più set di dati fisici e digitali, ad esempio traffico veicolare, dati di costruzione pianificata, traffico web e dati di acquisto per aumentare gli oltre 50 set di dati che si aggrega oggi, il che a sua volta porterà a più casi d’uso per la tecnologia di Placer.

Dato quanto i nostri movimenti sono stati ridotti negli ultimi due anni, è alquanto ironico che un’azienda la cui valuta è la presenza fisica in luoghi aperti sia in crescita, tanto meno raccogliendo fondi grazie al suo potenziale. In effetti, Noam Ben-Zvi, CEO e co-fondatore di Placer, mi dice che negli ultimi anni il business è stato più forte che mai.

La crescita sta arrivando in gran parte in due aree. In primo luogo, le persone stavano ancora facendo acquisti e andavano in altri posti, quindi i clienti esistenti lo stavano usando per capire come, dove e perché le persone si muovevano quando lo erano (infatti Placer.ai ha creato una dashboard di ripristino per tenere traccia in modo specifico di questa idea e come è correlato al COVID-19). Nel tempo, quel core business è diventato più intelligente.

“Siamo in giro da cinque anni lavorando con i primi utenti che ci hanno fornito feedback”, ha detto Ben-Zvi. “Ci trasmettono informazioni note sulle loro proprietà e possiamo usarle per riqualificare e calibrare i nostri modelli in modo che diventino più accurati”. Gran parte di questo fino ad oggi riguardava i dati storici, ma ora l’azienda si sta spostando per fornire anche informazioni più predittive, ha aggiunto.


In secondo luogo, la pandemia ha dato origine a una nuova serie di ragioni per aver bisogno di questo tipo di dati, indipendentemente dal fatto che si trattasse di determinare la folla nei siti di test o vaccinazione, o perché l’economia in cambiamento stava accelerando gli accordi immobiliari o qualcos’altro. Ciò significava che i nuovi clienti utilizzavano, ad esempio, gli strumenti di Placer per la due diligence di M&A o per determinare interessanti opportunità di investimento.

È interessante notare che un punto saliente che Placer ha determinato è che anche con l’ascesa delle esperienze virtuali, il fisico non è ancora del tutto morto. “Ovunque il rimbalzo è straordinariamente veloce”, ha osservato. Ciò è in netto contrasto con quando la pandemia è scesa per la prima volta nel mondo all’inizio del 2020. “Quando il COVID ha colpito eravamo preoccupati. Abbiamo bloccato le nostre assunzioni e abbiamo aspettato che alcuni dei nostri clienti non aprissero nemmeno più”.

Molti dei dati che Placer è in grado di trasmettere ai clienti, che essenzialmente costruiscono i propri parametri per la ricerca utilizzando uno strumento self-service, sono stati tradizionalmente fuori dalla loro portata nonostante i loro migliori sforzi. Il precedente lavoro di Katzenberg nell’industria dell’intrattenimento gli ha dato un’esperienza diretta di quei buchi neri nel comportamento e nei sentimenti dei consumatori, motivo per cui ha gravitato su un’azienda che costruisce tecnologia per risolverlo ora.

“Placer fornisce informazioni immediate, semplici e fruibili alle domande che ci poniamo come operatori da oltre 30 anni. Il ritmo dell’innovazione, la fiducia unica che l’azienda ha sviluppato e la massiccia domanda del mercato indicano l’entità e la portata di ciò che questo team può ottenere”, ha affermato Katzenberg in una nota.

“Ci sentiamo da tempo come se l’interruzione che Placer può portare fosse enorme, ma la domanda del mercato ha superato di gran lunga le nostre aspettative iniziali”, ha aggiunto Josh Buckley. “Vediamo una potente opportunità per continuare a collaborare con Placer per migliorare il modo in cui vengono prese le decisioni nel mondo fisico, migliorando fondamentalmente il modo in cui operano queste aziende e organizzazioni”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi