Home / Economia / Rapporto Scientifico Unesco 2021

Rapporto Scientifico Unesco 2021

L’intelligenza artificiale “ha dominato la produzione scientifica” negli ultimi anni, mostra il rapporto dell’UNESCO
 L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura ( UNESCO ) ha presentato oggi il suo ultimo Rapporto Scientifico . L’enorme impresa – il rapporto di quest’anno ammonta a 762 pagine, compilato da 70 autori provenienti da 52 paesi in 18 mesi – viene pubblicato ogni cinque anni per esaminare le tendenze attuali nella governance della scienza. Quest’ultima edizione include una discussione sui rapidi progressi verso l’Industria 4.0 e, per la prima volta, un’analisi approfondita della ricerca sull’intelligenza artificiale e sulla robotica in tutto il mondo. Andando oltre i soli leader globali, offre una panoramica di quasi due dozzine di paesi e regioni globali, esaminando la ricerca sull’IA, i finanziamenti, le strategie e altro ancora. Nel complesso, il rapporto determina che “è il campo dell’intelligenza artificiale e della robotica che ha dominato la produzione scientifica” negli ultimi anni.

“Diamo un’occhiata all’ampio campo delle tecnologie strategiche trasversali e lo scomponiamo in modo completo nei 10 sottocampi. L’intelligenza artificiale e la robotica sono uno di questi sottocampi, ed è il più grande in base al numero di pubblicazioni”, ha detto a VentureBeat Tiffany Straza, vicedirettore del report team. “A livello globale, c’è stata una sorta di allentamento dell’interesse intorno al 2015, e poi è tornato a crescere. Per me, rappresenta che questo è un argomento prioritario in tutto il mondo”.In effetti, il rapporto, che aggrega dati su spesa, personale, pubblicazioni scientifiche e brevetti, mostra che l’intelligenza artificiale e la robotica hanno dominato la produzione scientifica dal 2018 al 2019 nei paesi di tutti i livelli di reddito. Nel solo 2019 sono stati pubblicati quasi 150.000 articoli su questi argomenti, con un aumento del 44% rispetto al 2015. Per fare un confronto, solo 18.000 sono stati pubblicati sulla biotecnologia nel 2019.

Il rapporto mostra anche che l’aumento della pubblicazione di AI da parte dei paesi a basso reddito dal 2015 ha ridotto meccanicamente la quota di produzione del G20. I paesi a reddito medio-basso complessivamente hanno contribuito al 25,3% delle pubblicazioni nel settore nel 2019, rispetto a solo il 12,8% nel 2015. Ciò dimostra chiaramente che l’interesse per l’IA è globale. In tutto il mondo, i ricercatori hanno scoperto che più di 30 paesi hanno adottato specifiche strategie di intelligenza artificiale negli ultimi cinque anni, tra cui Cina, Russia, Stati Uniti, India, Mauritius e Vietnam.

Per saperne di più, abbiamo parlato con Straza del rapporto e di ciò che ha imparato sull’intelligenza artificiale e sulla robotica mentre ci lavorava.

Questa intervista è stata modificata per brevità e chiarezza.

L’ Industria 4.0 e la trasformazione digitale delle fabbriche con intelligenza artificiale e robotica emergono spesso in tutto il rapporto. Qual è lo stato di questo attualmente?

tiffany straza: Parlerò dell’India e degli Stati Uniti perché hanno approcci molto diversi a questo. Negli Stati Uniti, c’è questa grande preoccupazione per la produzione e il “made in USA” rispetto al prodotto in altri paesi. E c’è questa paura che la robotica possa sostituire gli operai e togliere posti di lavoro. Al contrario, in India, il settore manifatturiero automobilistico ha la più grande rappresentanza di robotica e c’è stato un enorme aumento nel loro utilizzo. E penso che sia favoloso perché vedono meno infortuni e incidenti in fabbrica. Ora, non puoi semplicemente portare i robot. Deve essere accompagnato da una transizione in cui si migliorano le competenze dei lavoratori. Quindi, ancora una volta, i robot stessi non sono il nemico. È come li usiamo e come noi come governo prendiamo le decisioni per interagire con la tecnologia. Di quale supporto abbiamo bisogno per far funzionare questa transizione per tutti? Non si tratta solo di spendere soldi in tecnologia; sta mettendo insieme il sistema.

 Una scoperta interessante è che la collaborazione scientifica internazionale è in aumento, specialmente tra i paesi ad alto reddito. Il rapporto non ha analizzato questo in termini di tecnologie specifiche: hai un’idea di quanto questo si applichi all’IA? Considerata la competitività sul campo, sarebbe interessante saperlo.

Straza: Posso dirti in generale che la tecnologia strategica trasversale ha meno collaborazioni straniere rispetto ad altri campi. I campi più intensamente collaborativi sono le scienze ambientali e le geoscienze, il che ha un po’ senso perché sono relativamente neutrali. Considerando che nell’intersecare tecnologia strategica e ingegneria, penso che sia importante notare che questo include il sottocampo degli studi di sicurezza e difesa strategica, quindi la ricerca militare. Quindi parte di ciò potrebbe essere dovuto alla sicurezza e al non voler condividere tutte le nostre, sai, cose all’avanguardia che potrebbero essere utilizzate per la difesa. Ma anche qualcosa che sarebbe stato brevettato e utilizzato a scopo di lucro. Penso che ci sia una certa pressione per mantenere questi gruppi di ricerca piccoli e locali.

Il rapporto approfondisce le strategie dedicate degli Stati Uniti e l’aumento dei finanziamenti per l’IA. Il governo federale degli Stati Uniti ha dato la priorità alle iniziative strategiche nell’AIdal 2016 e nel 2020, la richiesta di budget della Casa Bianca includeva persino l’IA come categoria separata. Quest’anno, la Casa Bianca ha proposto un aumento ancora più significativo per l’IA non per la difesa, incluso un aumento di oltre il 70% rispetto all’anno precedente per la National Science Foundation (NSF). Il Congresso si è persino riunito per proporre un’importante proposta bipartisan per rafforzare la leadership tecnologica degli Stati Uniti nell’IA, tra le altre tecnologie digitali.

Ti immergi anche in profondità nel panorama della Cina e della Russia, che sono, ovviamente, considerati gli altri paesi leader nel settore. Cosa c’è di simile e cosa c’è di diverso negli approcci di questi paesi all’IA? Come riassumeresti i loro sforzi? 

Straza: Gli Stati Uniti si stanno concentrando sullo sviluppo dell’intelligenza artificiale per i posti di lavoro e per buone condizioni di lavoro per i professionisti dell’intelligenza artificiale per assicurarsi che siano pagati bene e rimangano nel paese. La Russia si concentra allo stesso modo su posti di lavoro e retribuzione, o retribuzione e condizioni di lavoro per tutti coloro che lavorano nel campo dell’IA. Questo è un argomento importante per la Russia in generale perché la popolazione di scienziati tecnici del paese sta invecchiando. I giovani sono andati in altri campi, e c’è anche la “fuga di cervelli”, nel senso che stanno andando altrove in Europa o nel mondo. Quindi la Russia sta compiendo alcuni sforzi significativi nella scienza in generale, e lo vediamo riflesso nell’intelligenza artificiale. Stanno anche esaminando programmi educativi e competenze per sensibilizzare e coinvolgere maggiormente il pubblico nell’IA.

La Cina si sta concentrando sulla crescita e sul perfezionamento delle competenze e dell’innovazione locali nell’IA, nonché sulla capacità di produzione locale delle tecnologie. Entro il 2030, secondo il piano di sviluppo dell’intelligenza artificiale di nuova generazione, il paese mira a diventare “il principale centro mondiale per l’innovazione nell’intelligenza artificiale”. La Cina è già il più grande proprietario al mondo di brevetti sull’intelligenza artificiale.

Il Canada, anche lui un leader, sta cercando di prendere questa posizione dell’IA per il mondo, e che non è solo qualcosa che sarà, sai, usato specificamente per i militari o qualcosa in cui la conoscenza è più privata. Stanno esaminando l’intelligenza artificiale e la scienza dei dati per i settori manifatturiero e delle infrastrutture, cercando di creare un collegamento con il business. Il Canada sta anche cercando di mantenere l’IA in prima linea nelle conversazioni del G7 e nella partnership globale per esaminare lo sviluppo e l’applicazione responsabili dell’IA.

Oltre a questi leader, il rapporto rivela un significativo aumento delle attività di intelligenza artificiale in tutto il mondo. Ad esempio, menziona che il Camerun ha 28 centri tecnologici attivi e ha avuto la più alta densità di pubblicazione in intelligenza artificiale e robotica nel subcontinente nel 2019. Inoltre, la produzione dell’Ecuador su intelligenza artificiale e robotica è cresciuta di nove volte nel doppio periodo dal 2012 al 2015 e dal 2016 al 2019 , uno dei tassi più alti al mondo. Cosa dovrebbero sapere le persone sull’intelligenza artificiale e sulla robotica come campo di ricerca particolarmente dinamico nei paesi a reddito medio-basso?

Strazza: Penso che sia importante notare che i paesi con la crescita più rapida non sono i paesi con la produzione più alta. È l’Uzbekistan, l’Ecuador, il Nepal, l’Ucraina, l’Indonesia e alcuni altri. E penso che dobbiamo vedere e rispettare la priorità che questi argomenti stanno ricevendo in tutto il mondo. Guardare gli attori globali ci dice chi sta dando la priorità a questi argomenti e ci dà un indizio sulle voci di chi sono coinvolte in questa ricerca. Ci sono lacune chiave? Questi paesi o questi ricercatori sono coinvolti nelle nostre conversazioni e nelle nostre migliori pratiche per la ricerca collaborativa? Quali sono le loro priorità nell’utilizzo di queste tecnologie? È davvero emozionante vedere questa crescita in questi paesi e vorrei assicurarmi che sia sostenuta.creare posti di lavoro e opportunità per le persone . Può anche includere la scienza che potrebbe essere dannosa in qualche modo. Assicuriamoci di unirci anche a quella conversazione sui quadri etici e le applicazioni inclusive per questa ricerca.

Parlando di inclusione, è risaputo che le donne sono sottorappresentate nella scienza, nell’ingegneria e nella tecnologia. E mentre il tuo rapporto contiene alcune buone notizie (come quella parità è stata quasi raggiunta nelle scienze della vita), è preoccupante leggere che è ancora molto lontano in molti settori di crescente importanza. Nello specifico nell’IA, le donne rappresentano solo il 22% della forza lavoro. Nel complesso, in che modo il rapporto sottolinea l’importanza della diversità nel settore?

Straza: Alcune di queste cose sono davvero ovvie, altre sono un po’ difficili da quantificare. Abbiamo un numero crescente di ricerche che affermano che la diversità e l’inclusione hanno senso per gli affari. Prendiamo decisioni migliori e intratteniamo migliori relazioni con i nostri utenti quando abbiamo questa diversità in termini di processo decisionale. E vediamo che ci sono azioni intraprese in risposta a questi schemi. Ad esempio, l’Unione Europea e altri affermano che devi raggiungere obiettivi di genere o che non hai diritto a determinati tipi di finanziamento. Quindi vediamo questo bel cambiamento.

Dopo la tua esperienza di lavoro su questo rapporto, quali aspetti dell’IA pensi che richiedano maggiore attenzione?

Straza: Come vengono utilizzati l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico e, ancora, chi è coinvolto nella conversazione . Poiché si basa su big data, dati che provengono da individui, voglio parlare dell’accesso all’uso corretto dei permessi dei dati per ottenere i dati  e di chi può decidere come applicarli. Penso che l’intelligenza artificiale possa essere piuttosto potente, anche per aiutarci ad affrontare le sfide di oggi, sia che si tratti della nostra relazione con il pianeta o tra di noi. Ma dobbiamo prestare attenzione alla rappresentazione all’interno del campo, che sta conducendo la ricerca, che sta definendo le nostre priorità di ricerca. E poi nelle applicazioni, chi sta definendo le nostre priorità applicative e chi ci garantisce di comprendere l’impatto dell’AI oggi e sulle generazioni future.

Sulla base della tua ricerca, hai delle previsioni per il futuro dell’IA?

Straza: In termini di discussione sulla politica globale, penso che l’uso dell’intelligenza artificiale nelle applicazioni di sicurezza sarà particolarmente controverso nei prossimi anni. In termini di applicazioni aziendali , abbiamo già visto come questo possa essere tremendamente potente in termini di plasmare ciò che le persone conoscono e come si connettono con il mondo. Influisce sul modo in cui i prodotti ci vengono commercializzati e molto altro ancora. Quindi mi aspetto che ci sia un continuo interesse per l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico da parte della comunità aziendale. Ma vorrei vedere, allineeremo questo strumento con il nostro impegno per la transizione verde e gli obiettivi di sviluppo sostenibile?

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi