Home / Economia / Relativity acquisisce Text IQ

Relativity acquisisce Text IQ

Relativity acquisisce Text IQ per aumentare la piattaforma di intelligenza artificiale per gli avvocati
 


Relativity , fornitore di una piattaforma che consente ai team legali di aggregare grandi volumi di dati non strutturati, ha annunciato ieri di aver acquisito Text IQ come parte di uno sforzo per incorporare le tecnologie di intelligenza artificiale più a fondo nella sua piattaforma principale. I termini dell’accordo non sono stati resi noti.

Le società hanno una partnership esistente, ma l’acquisizione consentirà a Relativity di espandere ulteriormente la propria portata nei regni della conformità e della privacy dei dati, ha dichiarato il CEO di Relativity Mike Gamson a VentureBeat.

 
Come funziona
Text IQ utilizza l’apprendimento automatico (ML) non supervisionato , la modellazione grafica, l’analisi dei social network (SNA), l’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) e gli algoritmi di deep learning per identificare i dati più rilevanti per un caso legale. Ciò include i dati che sono privilegiati o che potrebbero contenere informazioni di identificazione personale (PII) che sarebbero rilevanti per un caso che coinvolge, ad esempio, il Regolamento globale sulla protezione dei dati (GDPR) emanato dall’Unione Europea.

Text IQ identifica anche i social network da dati non strutturati utilizzando un ipergrafo socio-linguistico che stabilisce relazioni tra gli individui, come comunicano e come comunicano in modo diverso con diversi gruppi di persone. La società afferma di trovare ogni traccia di una persona in un set di dati, cosa che nessun essere umano può ottenere da solo.

La piattaforma di Relativity aggrega tutti i dati in un modo che semplifica l’applicazione delle tecnologie AI di Text IQ. In combinazione, queste piattaforme riducono il costo totale di un procedimento legale mentre apparentemente accelerano la velocità con cui i casi possono essere risolti, ha aggiunto Gamson. In effetti, Text IQ afferma che la sua piattaforma riduce i tempi e i costi per condurre revisioni dei privilegi fino al 75%, riducendo anche il rischio che le informazioni privilegiate possano essere condivise inavvertitamente.

La piattaforma Text IQ impiega un approccio non supervisionato che consente di addestrare i modelli di intelligenza artificiale utilizzando tutti i dati grezzi disponibili, piuttosto che impiegare un sottoinsieme di dati selezionati dall’uomo. Un approccio supervisionato alla formazione rende molto più probabile che i pregiudizi inconsci vengano iniettati in un modello di intelligenza artificiale, ha spiegato Gamson.

Panorama giuridico
Relativity afferma che la sua piattaforma è già impiegata da centinaia di studi legali mentre i giudici continuano a incoraggiare gli avvocati ad abbracciare le tecnologie di intelligenza artificiale per accelerare il ritmo delle controversie. “Ci piace dire che abbiamo ridotto il tempo necessario per arrivare alla verità”, ha detto Gamson.

La piattaforma Text IQ continuerà a essere venduta come offerta autonoma, ma nel tempo più funzionalità AI sviluppate da Text IQ saranno integrate nella piattaforma Relativity, ha aggiunto Gamson. La società afferma che la sua piattaforma ha più di 300.000 utenti.

Non è chiaro quale impatto avrà l’IA sulla professione legale. Molte delle attività di ricerca che un tempo venivano svolte da stagisti e partner junior vengono chiaramente automatizzate. Tuttavia, l’automazione delle attività di routine consentirà agli avvocati di liberare tempo per avviare ulteriori azioni legali. Il carico di lavoro che ogni avvocato gestisce può semplicemente espandersi, con il risultato di molte più cause legali.

In un modo o nell’altro, il proverbiale genio dell’intelligenza artificiale è ora fuori dal sacco. Gli studi legali che non sono in grado di sfruttare l’intelligenza artificiale per cambiare il modo in cui operano saranno nel tempo costretti a limitare il numero di casi che possono gestire o chiudere definitivamente. Ma non tutti gli studi legali sono in grado di assorbire i costi iniziali sostenuti dalle iniziative di intelligenza artificiale.

Tuttavia, la tecnologia continua ad avanzare. I modelli di intelligenza artificiale che utilizzano interfacce vocali potrebbero anche un giorno aiutare a discutere un caso in tribunale. Tuttavia, la priorità immediata è ridurre l’attuale arretrato di casi che spesso richiedono molto tempo per essere risolti semplicemente perché il processo di individuazione è troppo lento.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi