Home / AI tecnologia / Ripensare l’uso e la gestione dello spazio fisico del lavoro con l’intelligenza artificiale

Ripensare l’uso e la gestione dello spazio fisico del lavoro con l’intelligenza artificiale

2021 e oltre: creazione di spazi di lavoro migliori con la visione artificiale

L’anno 2020 è stato definito tanto da ciò che non è accaduto quanto da ciò che è accaduto: praticamente niente scuola di persona, niente incontri con amici o colleghi per l’happy hour, niente feste di laurea e niente convegni di lavoro.

Ma nascosti in questa massiccia privazione sociale c’erano alcuni lati positivi. Lavorare da remoto significava orari flessibili, più tempo con la famiglia e meno auto sulla strada, il che portava a cieli più blu e minori emissioni di carbonio e, forse, cosa più importante, la possibilità di fare un passo indietro dallo status quo e pensare a un futuro che non lo è. solo diverso, ma migliore.

Man mano che le aziende riesaminano le proprie politiche di lavoro dei dipendenti alla luce della pandemia, hanno l’opportunità di reimmaginare i propri spazi fisici. Ad esempio, Dropbox ha sviluppato un modello “Virtual First”, completo di un campus rinominato (“Dropbox Studios”) che sarà dedicato a progetti di lavoro collaborativo e cooperativo. Non ci sarà una scrivania o uno spazio ufficio assegnato perché tutto il “lavoro concentrato da solo” dovrebbe avvenire a casa o in un ambiente di lavoro.

Il CEO di Dropbox, Drew Houston, afferma che il modello Virtual First è attualmente a livello di policy o di linee guida. Una volta che l’azienda tornerà in un ambiente di lavoro ibrido (previsto per un po ‘di tempo nel giugno di quest’anno), adotteranno un approccio iterativo e sperimentale per applicare queste linee guida e creare quello che lui chiama un “modo di lavorare più illuminato”.

Un recente sondaggio condotto da Upwork sui responsabili delle assunzioni suggerisce che in cinque anni oltre il 60% delle aziende tornerà a lavorare in ufficio e Dropbox è solo uno dei tanti che stanno reinventando come sarà.

Ripensare l’uso e la gestione dello spazio fisico
Ma reinventare il modo in cui usiamo lo spazio fisico non finisce con l’essere più intelligenti e più attenti a come usiamo lo spazio stesso o quanto spesso lo usiamo. Deve anche includere un approccio più responsabile alla gestione delle strutture. Dopo tutto, perché pulire una stanza ogni singola notte, se non ci si abitua alla capacità? E perché mettere il riscaldamento e il raffreddamento su un timer ogni giorno quando ci sono modi più efficienti che potrebbero diminuire la bolletta energetica e ridurre le emissioni di carbonio?

Nonostante una riduzione di quasi il 9% delle emissioni di carbonio lo scorso anno a causa della pandemia, le letture dell’inquinamento atmosferico di settembre nelle stazioni di misurazione alle Hawaii e in Tasmania erano ancora in aumento su base annua.

In risposta, una delle priorità chiave dell’amministrazione Biden è intraprendere “un’azione rapida per affrontare l’emergenza climatica”, aderendo nuovamente all’Accordo sul clima di Parigi e impegnandosi a ridurre l’impronta di carbonio degli edifici statunitensi del 50% entro il 2035 attraverso l’ammodernamento di circa quattro milioni di edifici in tutto il paese.

È un piano ambizioso e molte altre persone stanno mostrando un simile senso di urgenza, forse in particolare essendo Bill Gates, con la recente pubblicazione del suo libro “Come evitare un disastro climatico”, che fornisce un “piano pratico” per arrivare a emissioni nette zero. La scorsa estate, Gates ha delineato tre suggerimenti sull’argomento su Gates Notes, il suo blog personale: 1) Lascia che la scienza e l’innovazione guidino la strada, 2) Assicurati che le soluzioni funzionino per i paesi poveri e 3) Agisci subito.

Sforzarsi di essere digitali e resilienti dal punto di vista operativo
Il settore degli immobili commerciali (CRE) ha un’enorme opportunità per portare a termine due di questi punti, in particolare agendo e innovando attraverso un migliore utilizzo della tecnologia. In un sondaggio tra i dirigenti del settore immobiliare commerciale, Deloitte ha rilevato che il 56% aveva scoperto carenze nelle proprie capacità digitali durante la pandemia e solo il 40% aveva una tabella di marcia definita per la trasformazione digitale ”.

Non dovrebbe sorprendere, quindi, che le raccomandazioni di Deloitte per il 2021 includano “sforzarsi di essere digitali … Sarà probabilmente necessaria una rapida trasformazione digitale per costruire la resilienza operativa, mantenere una forte posizione finanziaria, sviluppare e trattenere i talenti e creare una cultura abilitante. “

Ciò significa che i giocatori CRE devono concentrarsi tanto sul funzionamento dell’impianto fisico – HVAC, impianti idraulici e altre utilità – quanto sull’uso dello spazio fisico.

Fino a poco tempo, non avevano modo di generare il tipo di dati e approfondimenti necessari per guidare decisioni informate sul loro spazio fisico. Ma ora, con la disponibilità di machine learning , analisi dei dati on-the-edge e basate su cloud, processori grafici ad alte prestazioni e telecamere e dispositivi intelligenti, le aziende possono facilmente aggiornare i propri edifici con soluzioni di visione artificiale (CV). Queste soluzioni possono aiutare a generare informazioni sullo spazio di un inquilino e sulle persone che lo utilizzano, da quante persone entrano dalla porta principale e quando, alla densità della popolazione e al flusso di persone durante il giorno e quando l’ultima persona lascia l’edificio .

Innovare lo spazio fisico con la visione artificiale
Utilizzando CV, i gestori degli edifici e i pianificatori dello spazio possono apportare aggiornamenti critici agli spazi fisici di un edificio, installando funzionalità di edifici intelligenti come maschere e soluzioni di rilevamento dell’occupazione e soluzioni di illuminazione e controllo del clima che potrebbero generare un risparmio medio del 18%, secondo l’ americano Consiglio per un’economia efficiente dal punto di vista energetico . La maggior parte degli edifici commerciali utilizza ancora un approccio programmato o basato su regole per i propri controlli ambientali, oppure si affida a sensori con un tempo di ritardo integrato, che porta a prestazioni di risparmio energetico non ottimali.

Le soluzioni basate su CV generano dati in tempo reale, consentendoti di adattarti più rapidamente ai cambiamenti nel flusso di traffico e nella densità della popolazione. E integrando tali dati con le soluzioni esistenti per edifici intelligenti è possibile creare una comprensione più completa delle attività dei locatari e gestire in modo più efficiente gli spazi fisici. (Ovviamente, gli stessi vantaggi si applicano praticamente a qualsiasi altra azienda che lavora in un ambiente costruito.)

Chiaramente, la pandemia deve ancora fare il suo corso e gli impatti, a breve e lungo termine, devono ancora essere avvertiti o pienamente realizzati. Ma ciò non significa che non possiamo trarre vantaggio da questa tregua nella vita d’ufficio, iniziare a pensare a come potrebbe essere uno spazio ufficio migliore e, cosa più importante, come possiamo gestire in modo più responsabile il nostro spazio fisico.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi