Sense raccoglie 50 milioni di dollari per sostenere gli sforzi di reclutamento con l’IA 

Il reclutamento è una delle principali preoccupazioni per le imprese nel 2021. In un sondaggio di XpertHR, circa la metà dei datori di lavoro intervistati prevede di aumentare la propria forza lavoro nel 2021, ma si aspetta che gli ostacoli si frappongano. Un volume elevato di candidati di bassa qualità sta ostacolando la ricerca dei candidati ideali, con una fonte che fissa il numero medio di candidati non qualificati al 75%. Anche tra quelli che fanno fare attraverso l’imbuto di reclutamento, una parte significativa in ultima analisi, cambiare le loro menti – aggravando la sfida di reclutamento.

In questo contesto, Sense , una piattaforma di comunicazione e coinvolgimento dei talenti “guidata dall’intelligenza artificiale “, ha annunciato oggi di aver raccolto $ 50 milioni in finanziamenti di serie D guidati da SoftBank. Il CEO Anil Dharni afferma che i proventi, che portano il capitale totale di Sense a $ 90 milioni, saranno destinati all’assunzione e al reclutamento, nonché allo sviluppo del prodotto.

 
Sense, con sede a San Francisco, in California, è stato lanciato nel 2016 da Dharni, Alex Rosen, Pankaj Jindal e Ram Gudavalli. Dharni è un imprenditore attivo, avendo co-fondato AnswerU e le reti di social gaming Storm8 e Funzio prima di fondare Sense. Jindal è stato in precedenza il CEO di Akraya, un’agenzia di consulenza IT e marketing con sede a Bengaluru. Quanto a Gudavalli, ha cofondato Funzio con Dharni e ha lavorato al suo fianco in Hi5, social network la cui casa madre è stata acquisita da MeetMe nel 2017 per 60 milioni di dollari.

ANNUNCIO

“Negli ultimi dieci anni, abbiamo assistito a un cambiamento nella dinamica della forza lavoro. I candidati hanno più opzioni e, di conseguenza, più potere che mai… Eppure, i reclutatori e i team di assunzione sono ancora bloccati nei secoli bui quando si tratta di creare la migliore esperienza per i candidati”, ha detto Dharni a VentureBeat via e-mail. “Voglio creare un mondo in cui reclutatori e leader nell’acquisizione di talenti siano amati dai candidati che servono. La linea di fondo è che le aziende stanno lottando in modo massiccio per trattenere e coinvolgere i dipendenti”.

 

Sense offre una serie di servizi di selezione e abbinamento dei candidati al lavoro oltre a uno strumento di creazione di campagne di reclutamento drag-and-drop. Con i servizi della piattaforma, che si sincronizzano con Workday, Greenhouse e altri sistemi di tracciamento dei candidati esistenti, le aziende possono deduplicare pool di nuovi candidati rispetto ai database esistenti e inviare messaggi di follow-up mirati, tra le altre attività.

 
Sense fornisce anche una casella di posta condivisa attraverso la quale i team delle risorse umane possono gestire e dare priorità alle conversazioni dei candidati, ordinare e visualizzare le chat ed eseguire ricerche per nome, nome e tag. Per le aziende che offrono programmi di referral, Sense può ospitare una dashboard che mostra le posizioni aperte e consente ai dipendenti di inviare referral e tenere traccia della loro posizione nel processo di assunzione. I manager possono utilizzare la dashboard sul back-end per gestire invii, approvazioni, premi e pagamenti.

Sense afferma di aver sviluppato algoritmi in grado di attivare automaticamente messaggi e flussi di lavoro in base ai dati del profilo di un candidato o al completamento di una determinata azione in un viaggio. La funzione di posta elettronica e messaggi di testo dei candidati della piattaforma, che può inviare messaggi a un massimo di centinaia di candidati contemporaneamente, può facoltativamente automatizzare i messaggi con testi personalizzati che rispondono alle domande, spiegano i vantaggi e forniscono aggiornamenti sullo stato delle assunzioni.

A settembre, Sense ha lanciato un chatbot che seleziona e seleziona i candidati rispondendo alle domande quando i reclutatori sono offline. Parte della piattaforma più ampia dell’azienda, il chatbot può programmare interviste e supportare la “riattivazione del database” attraverso la divulgazione proattiva dei candidati.

 

Sense afferma che il design del chatbot è stato ispirato dalla propria ricerca, incluso un recente sondaggio condotto sulle strategie per il successo del reclutamento. Il sondaggio, che ha esaminato 600 leader presso agenzie di personale, ha rilevato che i reclutatori trascorrono fino al 50% del loro tempo in attività manuali e ripetitive e impiegano in media più di 6 ore per rispondere a nuovi lead.

Un mercato in crescita
Non mancano le piattaforme che affermano di sfruttare l’intelligenza artificiale per accelerare il processo di assunzione e reclutamento. Ad esempio, Xor sta sviluppando un chatbot che gestisce i processi di selezione e reclutamento dei candidati e Celential.ai , che si concentra specificamente sull’industria del software, utilizza modelli per abbinare i candidati con ruoli aperti.

 
Altri concorrenti di Sense includono Wade & Wendy , Workey e Phenom People , ma Dharni crede che ci siano molti affari da fare nel mercato delle soluzioni HR da 19,38 miliardi di dollari . I clienti di Sense includono team di Amazon, Volt, PrideStaff e Sears.

“Abbiamo oltre 350 milioni di profili di candidati in oltre 600 clienti. Decine di migliaia di reclutatori usano Sense ogni giorno per interagire e conversare con milioni di candidati ogni mese”, ha affermato Dharni. “La pandemia ha accelerato gli investimenti nella tecnologia di reclutamento e l’adozione di Sense. Ha spinto le aziende a pulsare [e] sondare i dipendenti più frequentemente per comprendere in modo proattivo le sfide dei dipendenti e risolverle. Ha [anche] alimentato l’assunzione competitiva e l’assunzione contingente. A seguito della pandemia, la comunicazione in uscita e il coinvolgimento attraverso la nostra piattaforma sono cresciuti del 500%”.

Secondo Alexander Mann Solutions, il 96% dei professionisti senior delle risorse umane ritiene che l’intelligenza artificiale abbia il potenziale per “migliorare notevolmente” l’acquisizione di talenti, nonostante le affermazioni di alcuni sostenitori che questi strumenti possono perpetuare i pregiudizi nei processi di assunzione. Un certo numero di rapporti , tra cui il  Workers nascosti: non sfruttate Talent  studio, hanno sollevato preoccupazioni circa il potenziale pregiudizio derivante dall’utilizzo di AI nelle assunzioni.

Via e-mail, Helen Poitevin, vicepresidente della ricerca di Gartner, ha dichiarato a VentureBeat che c’è un rischio intrinsecamente inferiore di bias dell’intelligenza artificiale nell’attività di reclutamento “top of the funnel” come il tipo orchestrato da Sense. Ciò non significa che non ci siano rischi: Poitevin ha sottolineato la necessità per aziende come Sense (e i loro clienti) di prestare attenzione ai dati utilizzati e alle ipotesi integrate negli algoritmi di abbinamento candidato-lavoro. Ma è più probabile che i pregiudizi umani entrino in gioco con questo tipo di soluzioni, ha affermato, come i pregiudizi nel linguaggio usato per descrivere le posizioni o il tono nella divulgazione.

 
“Guardando il sito Web di Sense, vedo che vengono utilizzati per interagire, inviare messaggi, gestire i referral e interagire con i candidati tramite un chatbot. Questo è simile ad altre soluzioni sul mercato più orientate alla gestione delle relazioni con i candidati e al marketing del reclutamento, coinvolgendo i candidati”, ha affermato Poitevin. “Il rischio non è così alto come quando l’intelligenza artificiale viene utilizzata per classificare l’idoneità di un candidato a una data opportunità di lavoro… Ad esempio, un reclutatore semplicemente interessato a un profilo non è considerato un presupposto robusto in un algoritmo che determina ciò che rende un buona corrispondenza tra un candidato e un lavoro. Questi tipi di dati e ipotesi incorporati negli algoritmi hanno molte più probabilità di portare a un processo decisionale distorto nel processo di assunzione”.

Sense ha 185 dipendenti, un numero che si prevede raddoppierà entro la fine del 2022.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi