Home / Economia / Si misura l’importanza crescente della Intelligenza Artificiale anche solo valutando quanto gli uffici della AI sono vicini ai leader di Google e Facebook

Si misura l’importanza crescente della Intelligenza Artificiale anche solo valutando quanto gli uffici della AI sono vicini ai leader di Google e Facebook

Se vuoi capire le priorità di un’azienda tecnologica, guarda prima come divide gli uffici.

Al quartier generale nella Silicon Valley di Google, l’amministratore delegato, Sundar Pichai, condivide ora un piano con Google Brain, un laboratorio di ricerca dedicato all’intelligenza artificiale.

Quando Facebook ha creato il suo laboratorio di intelligenza artificiale nei suoi uffici a circa sette miglia di distanza, ha temporaneamente dato ai banchi dei ricercatori di IA un postoaccanto all’acquario in una sala conferenze dove il suo amministratore delegato e fondatore, Mark Zuckerberg, tiene le sue riunioni.

“Sono in grado di raggiungere  Mark e Sheryl dalla mia scrivania, e il team AI è proprio accanto a noi”, ha detto il responsabile della tecnologia principale di Facebook, Mike Schroepfer, riferendosi a Zuckerberg e Sheryl Sandberg, chief operating officer.

Anche Overstock.com, il rivenditore online con sede nella zona di Salt Lake City, gestisce ora una mini ricerca chiamata OLabs. Si trova direttamente fuori dall’ufficio del direttore esecutivo della compagnia, Patrick Byrne .

Un numero crescente di aziende tecnologiche sta spingendo i laboratori di ricerca e altri sforzi ingegneristici di vasta portata più vicini ai capi. Il punto è inconfondibile: quello che stanno facendo è importante per l’amministratore delegato. Potrebbe anche essere il futuro dell’azienda.

“Il mondo si muove sempre più velocemente. È guidato dalla tecnologia e dall’innovazione “, ha dichiarato John Kotter, professore emerito presso la Harvard Business School che ha scritto diversi libri sulla leadership aziendale. “E molte di queste aziende stanno concludendo che la velocità dell’innovazione tecnologica dovrebbe essere il cuore di tutto”.

Un anno fa, il team di matematici, codificatori e ingegneri hardware di Google Brain si trovava in un piccolo ufficio nell’altro lato del campus aziendale. Ma negli ultimi mesi, ha cambiato edifici e ora lavora proprio accanto alla zona lounge dove lavorano Mr. Pichai e altri top manager.

Jeffrey Dean, il celebre ingegnere di Google che supervisiona il laboratorio Brain, è a pochi passi da Mr. Pichai. Così sono Ian Goodfellow, il ricercatore dietro una nuova tecnica AI che genera immagini realistiche da solo, e Norm Jouppi, che esplora i metodi per accelerare la ricerca di intelligenza artificiale attraverso una nuova generazione di chip per computer .

“Ogni amministratore delegato pensa molto a dove sono sedute le persone – con chi possono camminare e conversare in modo casuale”, ha detto Diane Greene, che supervisiona il team di cloud computing di Google e fa parte del consiglio di amministrazione di Alphabet, la casa madre di Google. “È una dichiarazione molto significativa che ha spostato il gruppo proprio accanto a lui.”

Google sta piazzando grandi scommesse sull’IA esplorate da ricercatori come Mr. Goodfellow. Molte domande dipendono ancora dai progressi di questa ricerca. Ma Mr. Pichai e il resto della leadership di Google sperano che accelererà l’evoluzione di tutto, dagli smartphone agli elettrodomestici, dai servizi Internet alla robotica.

Per Mr. Byrne, scuotere la classifica dei posti a Overstock era un po ‘come una tattica di gestione comune nelle forze armate, quando un ufficiale lavorerà a stretto contatto con un piccolo “gruppo di iniziative di comando” che è molto più agile rispetto al resto dell’organizzazione.

“Stavamo diventando burocratici”, ha detto Byrne. “E questo era un modo per creare ulteriore competizione al di fuori della burocrazia”.

Queste grandi aziende stanno cercando di duplicare l’atmosfera di una start-up della Silicon Valley, dove il capo è accanto a tutti. Man mano che le start-up crescono, spesso mettono i team tecnologici chiave accanto all’amministratore delegato. La Sig.ra Greene, che era l’amministratore delegato della società di software VMware, ha affermato di aver sempre preso atto di sedere accanto ai migliori ingegneri perché vedevano il futuro dell’azienda.

Ci sono limiti a questi accordi. Quando Facebook ha costruito un team per esplorare il futuro della realtà virtuale sul suo vasto social network, ha fatto una mossa simile. Il gruppo non è più seduto accanto al signor Zuckerberg. Facebook ha detto che questo avviene perché il gruppo era diventato troppo grande. Ma attraverso la Silicon Valley, la realtà virtuale non è più il più importante fra gli argomenti. Questo onore appartiene all’intelligenza artificiale.

Dove ti siedi ha importato per anni dalle parti di Facebook. Il gruppo di annunci della compagnia era tradizionalmente seduto lontano dal signor Zuckerberg. Ma dopo che Facebook è diventato pubblico e ha iniziato una grande spinta per le entrate, membri importanti del team pubblicitario si sono trasferiti accanto al capo, ha detto Antonio García Martínez, che ha scritto un libro sulle sue esperienze in Facebook .

A Overstock, il signor Byrne supera il suo piccolo gruppo di ricerca ogni volta che lascia il suo ufficio. Come la signora Greene, vede questa come un’opportunità di interazione spontanea. I membri del team possono discutere del loro lavoro con lui, e Mr. Byrne, un dottore in filosofia con una lunga storia di scelte commerciali non ortodosse, condividerà con loro le sue idee di vasta portata. E lui arriva a sentire, senza la pressione di una presentazione formale, ciò di cui gli ingegneri sono entusiasti.

“Era innegabile che la vicinanza innescasse una conversazione”, ha detto Judd Bagley, una sorta di tecnologo itinerante e stratega che un tempo lavorava in questo gruppo. “Patrick si vanta di essere in grado di avvicinarsi a chiunque in compagnia, dire” buongiorno “, e di tanto in tanto anche mangiare patatine fritte dal piatto sulla scrivania.”

Attraverso OLabs, Overstock divenne il primo grande rivenditore ad accettare pagamenti nella valuta digitale Bitcoin , e il laboratorio alla fine produsse uno spinoff aziendale che cerca di applicare l’ethos di Bitcoin al trading finanziario . Ora, in un’eco dei laboratori di intelligenza artificiale di Google e Facebook, l’operazione si concentra sull’apprendimento automatico, che coinvolge sistemi in grado di apprendere le attività da soli analizzando grandi quantità di dati.

Se un amministratore delegato è vicino a questi ricercatori, lui o lei sta imparando da loro. Ma il capo sta anche dimostrando quanto siano importanti per l’azienda. Questo è enormemente prezioso per ingegneri e matematici che non generano necessariamente entrate immediate, ha affermato Kevin Quennesson, un dirigente di start-up che gestiva un team di IA su Twitter.

Ha inoltre avvertito che le aziende rischiano di esercitare troppa pressione sui ricercatori per produrre risultati da un lavoro che è stato, per definizione, un viaggio nell’ignoto. Tra tante conversazioni spontanee con l’amministratore delegato, ha affermato Bagley, a volte è difficile capire la differenza tra “la direzione formale e il brainstorming informale”.

Lo stato di Facebook è definito dalla vicinanza del tuo ufficio al signor Zuckerberg, ha affermato Martínez. E se eri vicino al capo, altri gruppi erano invidiosi.

Anche le priorità tendono a diminuire e fluire. A Overstock, un nuovo progetto Bitcoin si infilerà accanto a OLabs. E su Facebook, il laboratorio di intelligenza artificiale non è più al fianco del signor Zuckerberg perché è cresciuto troppo.

Eppure, questo lavoro è particolarmente importante per l’azienda in quanto opera per garantire “la sicurezza e l’integrità della nostra comunità” – che è diventato il codice di Facebook per proteggersi da attività false, fuorvianti o pericolose sul suo social network, ha affermato Schroepfer. E il team AI è ancora a pochi passi dal signor Zuckerberg.

Cade Metz New York Times

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi