La violenza domestica (DV) è un grave problema di salute pubblica, con 1 donna su 3 e 1 uomo su 4 che subiscono ogni anno una qualche forma di violenza legata al partner. La ricerca esistente ha mostrato una forte associazione tra consumo di alcol e la violenza domestica a livello individuale. Di conseguenza, il consumo di alcol potrebbe anche essere un predittore di DV a livello di quartiere, aiutando a identificare i quartieri in cui è più probabile che si verifichi DV. Tuttavia, è difficile e costoso raccogliere dati che possano rappresentare il consumo di alcol a livello di quartiere, soprattutto per una vasta area geografica. In questo studio, proponiamo di derivare informazioni sulle visite ai negozi di alcolici dei residenti di diversi quartieri da dati anonimi sulla posizione dei telefoni cellulari e di indagare se le visite derivate possono aiutare a prevedere meglio il DV a livello di quartiere. Utilizziamo i dati dei telefoni cellulari dell’azienda SafeGraph, che sono disponibili gratuitamente per i ricercatori e che contengono informazioni su come le persone visitano i vari punti di interesse, compresi i punti vendita di alcolici. In tali dati, una visita a un punto vendita di alcolici viene identificata in base alla posizione del punto GPS del telefono cellulare e all’impronta dell’edificio (un poligono) del punto vendita di alcolici. Presentiamo il nostro metodo per derivare le visite ai punti vendita di alcolici a livello di quartiere e sperimentiamo quattro diversi modelli statistici e di apprendimento automatico per studiare il ruolo delle visite derivate nel migliorare la previsione del DV sulla base di un set di dati empirico sul DV a Chicago. I nostri risultati rivelano l’efficacia delle visite derivate ai punti vendita di alcolici nell’aiutare a identificare i quartieri che hanno maggiori probabilità di soffrire di DV.

Un nuovo documento di ricerca dell’Università di Buffalo studia la relazione tra i punti vendita di alcolici e la violenza domestica (DV) in vari quartieri di una città degli Stati Uniti, sulla base di dati di posizione GPS anonimizzati da una rete di telefoni cellulari.

Il documento conclude che l’attività dei negozi di alcolici è più fortemente associata alla violenza domestica rispetto a qualsiasi altro luogo in cui è possibile acquistare alcolici, indicando che la correlazione tra punti vendita di alcolici e violenza domestica potrebbe essere più sfumata di quanto suggerito da studi recenti:

‘Sorprendentemente, la variabile dei tassi di visita dei negozi di liquori mostra il più alto contributo positivo al tasso di DV rispetto ad altre variabili. Questo risultato suggerisce che la visita al negozio di liquori è un importante fattore predittivo per il tasso di DV a livello di quartiere.

‘È interessante notare che le visite ad altri due tipi di punti vendita di alcolici (vale a dire, locali per bere e birrifici) hanno coefficienti negativi, che sono coerenti con l’analisi di correlazione.

‘Questo risultato indica che le visite a questi punti vendita sono, di fatto, associate a tariffe DV inferiori. Questo risultato è sorprendente, poiché si pensava spesso che una maggiore densità di locali per bere in un quartiere fosse correlata a un DV [tasso] più alto’

Dal documento, una visualizzazione mappata che descrive le visite tra negozi di liquori e quartieri domestici nell’arco di una settimana nel 2019, prima dell’avvento del COVID che ha interrotto i dati. Fonte: https://arxiv.org/ftp/arxiv/papers/2203/2203.04088.pdf
Gli autori teorizzano una possibile relazione quasi inversa tra la frequentazione di luoghi più prestigiosi legati all’alcol e la violenza domestica, ritenendo che i visitatori di luoghi come birrerie e bar potrebbero avere uno status socioeconomico più elevato, il che riduce la loro probabilità di essere coinvolti negli episodi di violenza domestica.

L’ articolo è intitolato Il ruolo delle visite ai negozi di alcolici derivato dai dati sulla posizione dei telefoni cellulari nel migliorare la previsione della violenza domestica a livello di quartiere e proviene da tre ricercatori dei dipartimenti di matematica, medicina e geografia di Buffalo.

Dati e Delineazione
L’obiettivo dei ricercatori era determinare se i dati anonimi sulla posizione mobile potessero essere utilizzati, insieme alle statistiche sulla criminalità disponibili, per prevedere incidenti e frequenze di violenza domestica a livello di quartiere, nella misura in cui questi potessero essere correlati alla disponibilità di acquistare alcolici nella località.

Il primo compito è stato quello di definire i quartieri, cosa che è stata realizzata mediante l’uso dei Census Block Groups (CBGs), le più piccole unità geografiche disponibili che conservano ancora dati demografici e socioeconomici completi, come fornito dall’American Community Survey ( ACS ).

I dati sulla posizione mobile resi anonimi provenivano da SafeGraph, una società commerciale che offriva gratuitamente ai ricercatori dati relativi a tutti gli Stati Uniti. Il set di dati copre 3,6 milioni di punti di interesse negli Stati Uniti, compresi quelli che vendono alcolici, come negozi di liquori, bar, cantine e birrifici.

Lo studio copre un periodo che precede, ma non include, lo scoppio statisticamente dirompente di COVID, e SafeGraph ha dedotto le posizioni di casa dei visitatori dei punti vendita di alcolici sulla base di posizioni notturne nelle sei settimane precedenti. Né le traiettorie esatte delle visite né l’esatta posizione di residenza degli utenti sono rivelate nei dati, un campionamento che corrisponde ai confini “generalizzati” dei quartieri identificati nei dati ACS.

Le traiettorie indagate nel lavoro non sono necessariamente correlate a visite a domicilio>negozio di liquori>visite a domicilio, ma possono rappresentare percorsi verso un altro ambiente domestico, con una sosta in un negozio di liquori lungo il percorso.
Sebbene i dati GPS disponibili comprendano l’intera nazione come potenziale area di indagine, i ricercatori hanno scelto Chicago, a causa delle informazioni relativamente ben etichettate disponibili tramite il sistema di analisi e segnalazione delle forze dell’ordine ( CLEAR ) del dipartimento di polizia di Chicago .

Il set di dati CLEAR include i tipi di reato (come incendio doloso o aggressione), nonché l’ora, la posizione e le coppie latitudine/longitudine dell’incidente, tra gli altri punti dati. Contiene anche un valore binario per “Domestic”, che indica se gli agenti di polizia in visita hanno attribuito l’incidente come correlato all’Illinois Domestic Violence Act del 1986.

I ricercatori osservano che un certo numero di crimini non legati alla “violenza domestica” (incluso l’incendio doloso) è stato erroneamente attribuito a questa categoria e ha filtrato queste incidenze.

A sinistra, i confini della città di Chicago, insieme ai suoi Census Block Groups (CBGs), a destra, hanno estratto episodi di violenza domestica.
Sono state contate solo le occasioni in cui una visita a un negozio di liquori è durata quattro o più minuti. Inoltre, i ricercatori ammettono che non c’è modo di sapere se la visita ha comportato un acquisto o l’entità o il tipo di acquisto. Inoltre, rilevano che la violenza domestica è considerata tra i reati meno denunciati, contribuendo alla natura approssimativa dei risultati ottenuti nello studio.

Quattro approcci
I dati sono stati studiati con l’uso di quattro approcci: Random Forest (RF), Ordinary Least Squares (OLS), Deep Neural Network (DNN) e Geographically Weighted Regression (GWR). OLS e GWR sono metodi statistici piuttosto che di apprendimento automatico .

Panoramica generale degli esperimenti, che abbraccia quattro metodi e quattro categorie di punti di interesse per l’alcol nei dati di SafeGuard, con riferimenti incrociati agli episodi di violenza domestica nei dati CLEAR.
I risultati dei quattro metodi indicano che la relazione tra negozi di liquori e violenza domestica varia notevolmente tra i quartieri, anche se i ricercatori alla fine concludono che “l’aumento delle visite ai negozi di liquori è associato all’aumento dei tassi di DV nella maggior parte dei quartieri di Chicago”.

Correlazione con incidenti DV, sulla base dei quattro tipi di punti vendita di alcol studiati nel documento: a) negozi di liquori, b) luogo in cui si beve (es. bar), c) fabbrica di birra e d) azienda vinicola.
Il documento contiene uno schema più dettagliato degli indicatori socioeconomici e demografici relativi alle analisi.

Gli autori affermano*:

‘I nostri risultati forniscono ulteriori approfondimenti sulla relazione tra consumo di alcol e DV. Tra i quattro tipi di visite ai negozi di alcolici, le visite ai negozi di liquori hanno l’associazione più forte con l’aumento del DV nei quartieri di origine dei visitatori dei negozi di liquori.

“La teoria dell’attività di routine del crimine suggerisce tre condizioni necessarie affinché un crimine si verifichi, che sono: un delinquente motivato, un potenziale bersaglio e la mancanza di qualsiasi cosa per inibire il comportamento del delinquente. Le visite ai negozi di liquori suggeriscono che l’alcol acquistato verrà consumato a casa dove tutte e tre le condizioni sono soddisfatte: l’autore del reato e il potenziale bersaglio sono molto vicini l’uno all’altro e l’alcol fornisce il [disinibitore]’.

Gli autori suggeriscono inoltre che i risultati di studi come questi potrebbero contribuire a future decisioni politiche in merito alla regolamentazione dei negozi di liquori nelle aree in cui la loro relazione con la violenza domestica sembra manifesta dai dati, con possibili interventi tra cui la limitazione degli orari di vendita consentiti e la limitazione del numero di licenze per alcolici.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi