Home / chatbot / “Siri, trovami un sottomarino russo”, chiede la Marina degli Stati Uniti

“Siri, trovami un sottomarino russo”, chiede la Marina degli Stati Uniti

Assistenti virtuali come Siri di Apple o Amazon AMZN -0,6% Alexa è diventata popolare aiutante tecnologico. Chiedi a un assistente virtuale di trovare un ristorante o di dirti il ​​tempo di oggi, una voce rassicurante dell’IA risponde cortesemente.

Allora perché non un assistente virtuale per aiutare la Marina degli Stati Uniti a trovare sottomarini russi e cinesi?

La Marina vuole un assistente virtuale, come quelli che si trovano sugli smartphone dei consumatori, per aiutare gli operatori di sonar sovraccarichi a gestire più sistemi di guerra anti-sottomarino (ASW). In particolare, il sonar attivo sugli incrociatori e sui cacciatorpediniere della Marina ha una varietà di impostazioni. “Ciò include le decisioni relative all’impiego come la modifica della modalità operativa tra il sonar attivo pulsato (PAS) e il sonar attivo continuo (CAS), nonché la modifica della forma d’onda e varie altre impostazioni del sistema”, secondo la richiesta di ricerca della Marina . “Gli operatori devono condurre analisi sonar dei risultati sonar risultanti e interpretarli in base alle impostazioni del sonar e all’ambiente.”

È qui che un assistente simile a Siri tornerebbe utile. L’intelligenza artificiale utilizzerebbe i dati dei sensori e il monitoraggio delle condizioni ambientali per raccomandare un impiego ottimale del sonar e per valutare le potenziali mosse del sottomarino nemico. Il sistema fornirebbe agli operatori del sonar “la consapevolezza della situazione riguardo a parametri chiave come i percorsi di propagazione primari, le complicazioni dipendenti dal cuscinetto (come i monti marini che potrebbero oscurare le minacce), le caratteristiche topologiche significative in cui una minaccia potrebbe ritirarsi per ridurre al minimo il rilevamento, migliori forme d’onda tattiche e migliori pratiche situazionali per consentire agli operatori di massimizzare il potenziale della suite sonar tattico per le condizioni specifiche presenti in quel momento e in quel luogo. “

La fase I del progetto prevede lo sviluppo di un’architettura e di algoritmi AI. La Fase II richiede di testare l’assistente virtuale sul sonar montato sullo scafo montato su incrociatori e cacciatorpediniere della Marina, nonché sul sonar a profondità variabile sulle navi da combattimento Littoral.

I sottomarini sono stati a lungo la nemesi della Marina degli Stati Uniti, i cui gruppi tattici di portaerei possono dominare la superficie, ma sono vulnerabili ai sottomarini armati di missili e siluri sofisticati. Oltre ai sottomarini d’attacco a propulsione nucleare russi e cinesi, anche potenze più piccole come l’Iran e la Corea del Nord potrebbero eventualmente mettere in campo una nuova generazione di sottomarini d’attacco a diesel ultra silenziosi. Ciò metterà a dura prova le capacità ASW di una flotta di superficie della Marina degli Stati Uniti già indebolita e sovraccarica di lavoro.

La domanda più profonda è se la tecnologia militare stia diventando così complessa che un assistente virtuale è diventato una necessità. L’agenzia di ricerca del Pentagono DARPA, ad esempio, sta lavorando agli assistenti del comando di battaglia dell’IA per aiutare i comandanti umani.

Come sempre, i vantaggi della tecnologia avanzata devono essere valutati rispetto alle sfide che gli esseri umani devono affrontare per padroneggiarla. Un assistente AI simile a Siri può aiutare.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi