Home / AI tecnologia / Sony AI Flagship Gastronomy : l’intelligenza artificiale in cucina

Sony AI Flagship Gastronomy : l’intelligenza artificiale in cucina

Sony AI lancia il progetto Flagship Gastronomy per applicare l’IA alla cucina

Sony ha lanciato Sony AI ad aprile per gestire la ricerca e lo sviluppo dell’IA con un focus su giochi, imaging, rilevamento e altro ancora. L’organizzazione ha uffici in Giappone, Stati Uniti ed Europa e lavora in collaborazione con le altre unità aziendali di Sony. Oggi, Sony AI ha presentato la sua prima importante iniziativa di ricerca nell’ambito del Gastronomy Flagship Project, che mira a migliorare la “creatività e le tecniche” degli chef di tutto il mondo.

Sony ha iniziato a investire nell’intelligenza artificiale con applicazioni di cucina nell’aprile 2018, quando la divisione statunitense dell’azienda – Sony Corporation of America – ha firmato un accordo con la Carnegie Mellon University per lavorare sull’intelligenza artificiale e sulla ricerca sulla robotica. A quel tempo, Sony ha affermato che la sua ricerca e sviluppo iniziale si sarebbero concentrati sull’ottimizzazione della preparazione, della cottura e della consegna del cibo perché la tecnologia necessaria a un robot per gestire “il compito complesso e vario della preparazione del cibo” potrebbe essere successivamente applicata a una gamma più ampia di industrie. Secondo un’analisi McKinsey & Company, il 73% delle attività svolte dai lavoratori della ristorazione ha il potenziale per l’automazione.

Il progetto Flagship Gastronomy comprende un’app basata sull’intelligenza artificiale per la creazione di ricette, un robot che può aiutare gli chef a cucinare e un piano di “co-creazione della comunità” che servirà come base per i primi due sforzi.

Per creare l’app, Sony AI afferma che farà leva su una serie di fonti di dati, comprese ricette e informazioni sugli ingredienti come gusto, aroma, sapore, struttura molecolare e nutrienti per addestrare “algoritmi di intelligenza artificiale proprietari” che assisteranno “i migliori chef del mondo” nell’abbinamento, nella progettazione di ricette e nella creazione di menu. L’azienda osserva che la creazione di ricette è un’area di ricerca impegnativa per l’IA a causa della combinazione infinita di ingredienti, nonché di vincoli quali posizione, clima, stagione e preferenze di salute e cibo che devono essere presi in considerazione. “Attraverso questa app, [miriamo] non solo ad aiutare a preparare cibi deliziosi, ma anche a contribuire alla salute delle persone e alla sostenibilità dell’ambiente”, ha scritto Sony.AI.
Un sistema di intelligenza artificiale in grado di creare abbinamenti e ricette di cibo potrebbe non essere così inverosimile come sembra. IBM ha recentemente annunciato che sta collaborando con McCormick & Company per creare nuovi sapori e cibi con l’apprendimento automatico. Lo Chef Watson di IBM , un progetto di ricerca che ha cercato di creare nuove ricette analizzando la composizione chimica di centinaia di ingredienti diversi, ha prodotto più di 10.000 nuovi piatti. E la piattaforma della startup di New York Analytical Flavor Systems – Gastrograph – utilizza i dati sensoriali e gli algoritmi di apprendimento automatico per scoprire i profili di gusto dei prodotti e identificare le aree di miglioramento. C’è anche la piattaforma I / O di Halla con sede a Los Angeles, che utilizza l’intelligenza artificiale per generare consigli simili a Netflix per app e siti Web di alimentari, ristoranti e consegne di cibo, in parte sfruttando un database di attributi di gusto e sapore di piatti, ricette, ingredienti e prodotti alimentari. Altri, come Foodpairing, Plant Jammer, Tastewise e Dishq, offrono sistemi di raccomandazione proprietari che tengono conto delle preferenze personali.

Per quanto riguarda l’imminente robot da cucina di Sony AI, provvisoriamente soprannominato Chef Assisting Cooking Robot, Sony afferma che aiuterà con l’intero processo di cottura dalla preparazione alla placcatura attraverso l’uso di sensori e approcci di apprendimento automatico come l’apprendimento dell’imitazione. L’obiettivo ambizioso è replicare e in alcuni casi superare le capacità e le tecniche degli chef con “alta precisione e velocità” e sviluppare robot che possano essere teleoperati per servire pasti a persone in luoghi remoti.

Sony AI afferma che sosterrà queste iniziative con partnership che coinvolgono università, istituti di ricerca e aziende “in prima linea” nella ricerca sull’apprendimento automatico. La divisione si impegna inoltre a “guidare il dialogo” con creatori ed esperti in una “vasta gamma” di settori legati al cibo. Gli esperti includono Eneko Atxa, chef proprietario del ristorante a tre stelle Michelin Azurmendi a Bilbao, in Spagna; il sommelier, chef, autore e specialista di aromi François Chartier; e il ristoratore Joan Roca. L’obiettivo è applicare qualsiasi apprendimento allo sviluppo di app e robot AI.

I robot in cucina non sono una novità. Al Consumer Electronics Show di gennaio, Samsung ha presentato Chef Bot, un robot collaborativo con braccia progettato per aiutare gli chef nella preparazione degli ingredienti. Startup come Chowbotics, Creator, Miso Robotics e Picnic hanno adottato il concetto commerciale con robot a servizio rapido che possono preparare rapidamente pizze, patatine fritte, hamburger e altro fresco su ordinazione. Ma alcuni concetti di chef robotici hanno faticato a decollare. A giugno, Zume, una startup di robotica focalizzata sulla produzione di pizza, ha chiuso la sua attività e si è concentrata sui sistemi di confezionamento, produzione e consegna degli alimenti. L’approccio poliedrico di Sony riflette forse la realtà che i robot progettati per la cucina non sono un investimento sicuro.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi