Suki, una piattaforma vocale simile a Siri per medici, raccoglie 55 milioni di dollari 

 Suki , una piattaforma vocale basata sull’intelligenza artificiale che gli operatori sanitari utilizzano per generare note mediche e ridurre l’amministrazione, ha raccolto 55 milioni di dollari in una serie di finanziamenti di serie C.

L’aumento arriva nel mezzo di un grande boom di trasformazione digitale in tutta la sfera dell’assistenza sanitaria, con tecnologie come la telemedicina e i chatbot al centro della scena.

 
Fondata nel 2016, Suki con sede a Redwood City, in California, ha impostato la sua tecnologia per essere utilizzata in due modi. Medici e altri operatori sanitari possono utilizzare Suki Assistant su Android, iOS, Windows e sul Web, che si integra con il loro sistema di cartelle cliniche elettroniche (EHR) per portare azioni controllabili dalla voce nei loro flussi di lavoro quotidiani. Ad esempio, questo potrebbe essere quello di recuperare i dati su un paziente utilizzando semplici comandi vocali, aggiornare i record e le note del paziente o persino richiedere di visualizzare il loro programma imminente.

Sopra: Suki: Visualizza il mio programma
Ci sono, ovviamente, molti altri assistenti vocali sul mercato di tutte le grandi aziende tecnologiche, ma il grande punto di forza di Suki è il suo focus specifico del settore: il gergo tecnico che potrebbe inciampare su Siri, Alexa o Google Assistant dovrebbe in teoria essere no problema per Suki, che si tratti di cardiologia, pediatria, ortopedia o oftalmologia.

 
Altrove, Suki offre anche una suite di API che consentono agli sviluppatori di integrare Suki nei propri dispositivi e sistemi, comprese le cartelle cliniche elettroniche (EMR) e qualsiasi applicazione relativa all’assistenza sanitaria. Gli sviluppatori ottengono immediatamente l’accesso a un agente vocale e al riconoscimento vocale automatico (ASR) addestrato su set di dati specifici per l’assistenza sanitaria e che comprende il parlato in linguaggio naturale senza che l’utente debba memorizzare comandi specifici.

Risolvere il burnout
Con clienti tra cui l’American Academy of Family Physicians ( AAFP ), l’American Academy of Orthopaedic Surgeons ( AAOS ) e Privia Health , Suki afferma che le sue entrate sono quadruplicate nell’ultimo anno grazie alla promessa, almeno in parte, di poter ridurre il tempo dedicato alla documentazione del 76%. E questo è il fulcro dell’essenza di Suki: ridurre l’onere amministrativo, eliminare l’immissione manuale dei dati che richiede tempo e, in definitiva, salvare i professionisti medici dall’esaurimento .

“Siamo a un punto di svolta nel settore sanitario, dove ora è imperativo offrire una tecnologia che migliori il burnout dei medici causato dalla documentazione e dagli oneri amministrativi”, ha osservato in una nota Punit Soni, CEO di Suki.

Prima d’ora, Suki aveva raccolto circa 40 milioni di dollari da importanti sostenitori, tra cui il CEO di Salesforce Marc Benioff. Con altri 55 milioni di dollari in banca, la società ha affermato che prevede di effettuare investimenti strategici per far crescere la propria piattaforma e la base di utenti attraverso partnership con organizzazioni sanitarie e mediche. L’iniezione di liquidità di serie C della società è stata guidata da March Capital, con la partecipazione di Philips Ventures, Venrock, Flare Capital, Breyer Capital, InHealth Ventures e una sfilza di angel investor.

 

 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi