Il sistema di intelligenza artificiale identifica i pazienti COVID-19 che necessitano di terapia intensiva

L’intelligenza artificiale potrebbe aiutare a prevedere la necessità di ricovero in terapia intensiva durante la pandemia di COVID-19
 
La nuova tecnologia potrebbe aiutare i medici a sfruttare al meglio le risorse limitate durante la pandemia di COVID-19 identificando i pazienti che richiedono un trattamento in unità di terapia intensiva (ICU).

Il sistema, sviluppato da ricercatori dell’Università di Waterloo e DarwinAI, una startup fondata da ex studenti, utilizza l’intelligenza artificiale (AI) per prevedere la necessità di ricovero in terapia intensiva sulla base di oltre 200 punti di dati clinici, inclusi segni vitali, risultati degli esami del sangue e anamnesi.

Questo è un passo molto importante nel processo di supporto alle decisioni cliniche per il triage dei pazienti e lo sviluppo di piani di trattamento “.

Alexander Wong, Professore di Systems Design Engineering e Canada Research Chair in AI e Medical Imaging, Università di Waterloo
 
Il nuovo software di intelligenza artificiale è stato addestrato utilizzando i dati di quasi 400 casi presso l’ospedale Sirio-Libanes di San Paolo, in Brasile, in cui i medici avevano deciso se i pazienti COVID dovevano essere ricoverati in terapia intensiva.

Sulla base delle lezioni apprese da quei dati noti, la rete neurale sviluppata dai ricercatori può prevedere la necessità di ricovero in terapia intensiva nei nuovi casi di COVID con una precisione superiore al 95%. Identifica inoltre i fattori chiave che guidano le sue previsioni per aiutare a dare ai medici fiducia in esse.

Piuttosto che sostituire i medici, la tecnologia ha lo scopo di dotarli di un nuovo strumento per prendere decisioni più rapide e informate e garantire che i pazienti più bisognosi di cure intensive lo ricevano.

“L’obiettivo è aiutare i medici a prendere decisioni più rapide e coerenti in base ai casi e agli esiti dei pazienti passati”, ha affermato Wong, direttore del Vision and Image Processing (VIP) Lab di Waterloo. “Si tratta di aumentare le loro competenze per ottimizzare l’uso delle risorse mediche e personalizzare l’assistenza ai pazienti”.

I ricercatori hanno reso la tecnologia disponibile gratuitamente in modo che ingegneri e scienziati di tutto il mondo possano lavorare per migliorarla.

Ora lo stanno incorporando in un più ampio sistema di supporto alle decisioni cliniche, sviluppato nella loro iniziativa open source COVID-Net in corso, che aiuta anche i medici a rilevare COVID e determinarne la gravità utilizzando l’analisi AI delle immagini mediche.

Wong ha collaborato al lavoro di ammissione in terapia intensiva con i ricercatori DarwinAI Audrey Chung e Mahmoud Famouri e Andrew Hryniowski, uno studente di dottorato in ingegneria nel VIP Lab.

Un documento sulla ricerca, COVID-Net Clinical ICU: Enhanced Prediction of ICU Admission for COVID-19 Patients tramite Explainability and Trust Quantification, è prevista per la presentazione il 10 dicembre durante un workshop alla Conferenza 2021 sui sistemi di elaborazione delle informazioni neurali, il più grande Conferenza sull’intelligenza artificiale nel mondo.

La tecnologia è disponibile gratuitamente per ingegneri e scienziati in modo che possa continuare a essere migliorata. Ora viene incorporato in un più ampio sistema di supporto alle decisioni cliniche, che è stato sviluppato attraverso l’ iniziativa open source COVID-Net . Questo sistema di supporto aiuta i medici a determinare la gravità dei casi di COVID attraverso l’analisi dell’IA e le immagini mediche.

La ricerca intitolata ” COVID-Net Clinical ICU: Enhanced Prediction of ICU Admission for COVID-19 Patients via Explainability and Trust CQuantification ” sarà presentata durante un workshop del 10 dicembre alla Conferenza 2021 sui sistemi di elaborazione delle informazioni neurali. Il lavoro ha coinvolto anche i ricercatori di DarwinAI Audrey Chung e Mahmoud Famouri, nonché lo studente di dottorato in ingegneria Andrew Hryniowski.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi