Home / Hardware AI / Tesla, ha presentato il quinto supercomputer più potente al mondo alla Computer Vision and Pattern Recognition Conference 2021

Tesla, ha presentato il quinto supercomputer più potente al mondo alla Computer Vision and Pattern Recognition Conference 2021

Tesla svela il quinto supercomputer più potente al mondo

A maggio, Tesla ha deciso di abbandonare del tutto il sensore radar e passare completamente a un sistema basato su telecamere nelle sue auto Model 3 e Model Y.

Andrej Karpathy , Senior Director of AI di Tesla, ha presentato un supercomputer alla Computer Vision and Pattern Recognition Conference 2021. È il quinto supercomputer più potente al mondo in termini di operazioni in virgola mobile al secondo (FLOPS). 

All’interno delle auto, Tesla ha bisogno di computer potenti per eseguire il suo software di guida autonoma. All’esterno, richiede supercomputer per addestrare il software di guida autonoma.

Il supercomputer lanciato di recente verrà utilizzato per addestrare il pilota automatico di Tesla e la sua intelligenza artificiale Full Self Driving (FSD). “Per noi, la visione artificiale è il pane e burro di ciò che facciamo e ciò che consente all’Autopilot di funzionare davvero bene, è necessario un enorme set di dati, lo otteniamo dalla flotta e devi anche addestrare enormi reti e sperimentate molto. Quindi abbiamo investito molto nel calcolo”, ha detto Andrej. 

Il software di guida autonoma di Tesla è alimentato da reti neurali alimentate da enormi quantità di dati, circa 1,5 petabyte, provenienti dalle sue auto. Tesla utilizza le reti neurali per etichettare i dati 4D che riceve tramite video dalle telecamere installate nei suoi veicoli. I dati vengono quindi utilizzati per addestrare il software a consentire la navigazione autonoma utilizzando radar e telecamere.

A maggio, Tesla ha deciso di abbandonare del tutto il sensore radar e passare completamente a un sistema basato su telecamera nelle sue auto Model 3 e Model Y. La stella polare della Tesla Vision è costruire auto autonome con capacità di navigazione migliori di un essere umano medio.

Cosa c’è in serbo? 
Da qualche tempo Tesla sta lavorando a un supercomputer. “Tesla sta sviluppando un training computer NN chiamato Dojo per elaborare grandi quantità di dati video. È una bestia! Per favore, considera di unirti ai nostri team di intelligenza artificiale o computer/chip se questo sembra interessante”, ha twittato Musk l’anno scorso.

Tesla vuole costruire il supercomputer più veloce del mondo. Attualmente, il supercomputer giapponese Fugaka è il più veloce con 415 petaflop. A quanto pare, il supercomputer lanciato di recente da Tesla sembra essere un antecedente a Dojo.


 

Dojo è stato progettato per acquisire dati video ed eseguire livelli massicci di addestramento non supervisionato su dati visivi, con una capacità prevista di un exaFLOP (un quintilione o 1018 operazioni in virgola mobile al secondo) o 1.000 petaFLOP. Servirà come sistema centrale per Tesla per addestrare la sua intelligenza artificiale a guida autonoma. 

Il supercomputer appena rilasciato vanta: 

720 nodi di 8x A100 80GB (5760 GPU in totale)
1.8 EFLOPS (720 nodi * 312 TFLOPS-FP16-A100 * 8 GPU/nodi) 
10 PB di storage NVME a 1,6 TBps
640 Tbps di capacità di switching totale 

Riassumendo 
Alla riunione degli utili del quarto trimestre di Tesla a gennaio, Elon Musk ha affermato che Tesla avrebbe consentito a terze parti di utilizzare le capacità di Dojo per addestrare le reti neurali. “Non stiamo cercando di tenerlo per noi. Penso che potrebbe esserci un’intera linea di business in sé e per sé. E poi, naturalmente, per addestrare grandi quantità di dati video e ottenere l’affidabilità dal 100% al 200% migliore dell’essere umano medio al 2.000% migliore dell’essere umano medio. Quindi sarà molto utile in questo senso”, aveva detto.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi