L’intelligenza artificiale è vincente nel (gioco della) diplomazia
Pubblicazione sottoposta a revisione paritariaASSOCIAZIONE AMERICANA PER L’AVANZAMENTO DELLA SCIENZA (AAAS)

 
Un agente di intelligenza artificiale (AI) di nome CICERO ha padroneggiato il gioco da tavolo online di Diplomacy, secondo un nuovo studio del Meta Fundamental AI Research Diplomacy Team (FAIR). Sebbene l’intelligenza artificiale abbia avuto successo nel giocare a giochi competitivi come gli scacchi e il go che possono essere appresi utilizzando solo l’allenamento per il gioco autonomo, giochi come Diplomacy, che richiedono negoziazione in linguaggio naturale, cooperazione e competizione tra più giocatori, sono stati impegnativi. Il nuovo agente sviluppato da FAIR non solo è in grado di imitare il linguaggio naturale, ma, cosa ancora più importante, analizza anche alcuni obiettivi, convinzioni e intenzioni dei suoi partner umani nel gioco, utilizzando tali informazioni per elaborare un piano d’azione che tiene conto di interessi allineati e concorrenti e di comunicare quel piano in linguaggio naturale, affermano i ricercatori. Giocando in modo anonimo contro gli umani in 40 partite di velocità in un campionato Diplomacy online, CICERO ha segnato più del doppio del punteggio medio dei giocatori umani ed è stato nel 10% dei partecipanti che hanno giocato più di una partita. CICERO “è passato” come giocatore umano contro 82 giocatori unici, e i ricercatori non hanno visto messaggi all’interno del gioco che suggerissero che i giocatori umani credessero di giocare con un agente di intelligenza artificiale.

 
Gioco a livello umano nel gioco della diplomazia combinando modelli linguistici con ragionamento strategico

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi