Un nuovo studio suggerisce una piccola tassa sui robot per ridurre la disparità di reddito
 

Un nuovo studio condotto dagli economisti del MIT suggerisce che una modesta tassa sui robot potrebbe essere una politica ottimale per ridurre la disparità di reddito negli Stati Uniti.

Il documento che descrive in dettaglio lo studio è intitolato ” Robots, Trade, and Luddism: A Sufficient Statistic Approach to Optimal Technology Regulation ” ed è stato pubblicato su The Review of Economic Studies .

Arnaud Costinot è un economista del MIT e coautore della ricerca pubblicata. È anche professore di economia e capo associato del Dipartimento di economia del MIT.

“La nostra scoperta suggerisce che le tasse sui robot o sulle merci importate dovrebbero essere piuttosto basse”, afferma Arnaud. “Sebbene i robot abbiano un effetto sulla disparità di reddito… portano comunque a tasse ottimali che sono modeste”.

Risultati dello studio sulle aliquote fiscali
Lo studio ha rilevato che una tassa sui robot dovrebbe variare dall’1% al 3,7% del loro valore. Allo stesso tempo, le tasse commerciali andrebbero dallo 0,03% allo 0,11% in base alle attuali imposte sul reddito statunitensi.

Iván Werning è un economista del MIT, l’altro coautore della ricerca, e Robert M. Slow Professor of Economics del dipartimento.

“Siamo arrivati ​​a questo senza sapere cosa sarebbe successo”, dice Werning. “Avevamo tutti i potenziali ingredienti perché questa fosse una grande tassa, in modo che fermando la tecnologia o il commercio si avrebbero meno disuguaglianze, ma… per ora, troviamo una tassa nell’intervallo di una cifra, e per il commercio, ancora più piccola le tasse.”

Gli studiosi sono entrati nello studio senza preconcetti sul fatto che le tasse sui robot e sul commercio fossero meritate. Invece, si sono basati su un approccio “statistico sufficiente” per esaminare le prove empiriche.

Una prova è arrivata dall’economista del MIT Daron Acemoglu e dall’economista della Boston University Pascual Restrepo. La coppia ha scoperto che negli Stati Uniti dal 1990 al 2007, un robot in più ogni 1.000 lavoratori ha ridotto il rapporto tra occupazione e popolazione di circa lo 0,2%. Ogni robot aggiunto al processo di produzione ha anche sostituito circa 3,3 lavoratori e l’aumento dei robot sul posto di lavoro ha ridotto i salari di circa lo 0,4%.

Costruire un nuovo modello per i robot e le tasse commerciali
Costinot e Werning hanno tratto spunto da questo studio e da vari altri per costruire un modello per valutare diversi scenari includendo le leve come le tasse sul reddito come altri modi per affrontare la disuguaglianza di reddito.

“Abbiamo questi altri strumenti, anche se non sono perfetti, per affrontare la disuguaglianza”, ha detto Werning. “Pensiamo che non sia corretto discutere di queste tasse sui robot e commerciare come se fossero i nostri unici strumenti per la ridistribuzione”.

Esaminando la distribuzione dei salari in tutti e cinque i quintili di reddito negli Stati Uniti, Costinot e Werning hanno proposto tasse sui robot e sul commercio per affrontare il panorama in evoluzione dell’automazione. Utilizzando dati empirici che indicavano uno spostamento dei salari determinato dalla tecnologia e dal commercio, hanno creato un modello efficiente con meno presupposti, il tutto rimanendo fedele ai numeri salariali complessivi rispetto al tempo.

“Penso che dove stiamo metodologicamente aprendo la strada, siamo in grado di stabilire quel collegamento tra salari e tasse senza fare ipotesi super-particolari sulla tecnologia e sul modo in cui funziona la produzione”. dice Werning. “È tutto codificato in quell’effetto distributivo. Chiediamo molto da quel lavoro empirico. Ma non stiamo facendo supposizioni che non possiamo verificare sul resto dell’azienda”.

“Se sei in pace con alcune ipotesi di alto livello sul modo in cui operano i mercati, possiamo dirti che gli unici oggetti di interesse che guidano la politica ottimale sui robot o sui beni cinesi dovrebbero essere queste risposte dei salari attraverso i quantili della distribuzione del reddito, che, fortunatamente per noi, le persone hanno cercato di stimare”, continua Costinot.

La ricerca ha anche scoperto che dopo l’aggiunta di molti altri robot all’economia, l’impatto di ogni ulteriore robot sui salari potrebbe effettivamente diminuire. Ciò significa che le tasse sui robot potrebbero essere ridotte nel tempo.

“Potremmo avere una situazione in cui ci preoccupiamo profondamente della ridistribuzione, abbiamo più robot, abbiamo più scambi, ma le tasse stanno effettivamente diminuendo”, afferma Cositnot. “Il robot marginale che stai ottenendo nell’economia conta sempre meno per la disuguaglianza”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi