Home / Hardware AI / Xnor la fotocamera wireless ad intelligenza artificiale funziona a energia solare

Xnor la fotocamera wireless ad intelligenza artificiale funziona a energia solare

Questa fotocamera AI wireless funziona interamente a energia solare

Attaccalo alla luce del sole e può trasmettere dati praticamente all’infinito

Il dispositivo prototipo costruito dall’avvio Xnor può funzionare indefinitamente solo alla luce del sole.
Una grande tendenza nell’IA è la transizione dal cloud al computing edge. Invece che i dispositivi AI eseguono il loro calcolo da remoto tramite una connessione Internet, gestiscono sempre più le cose a livello locale, con algoritmi che funzionano direttamente sul dispositivo. I vantaggi di questo approccio possono includere risultati più rapidi, maggiore sicurezza e maggiore flessibilità. Ma fino a che punto puoi spingere questo modello?

La startup di Seattle, Xnor, è certamente all’avanguardia. Questa settimana la società ha presentato un prototipo di fotocamera AI che funziona interamente a energia solare, senza bisogno di batteria o fonte di alimentazione esterna. La fotocamera ha una risoluzione di 320 x 320 , un chip FGPA per gestire l’elaborazione e viene caricata con un algoritmo di riconoscimento degli oggetti allo stato dell’arte.

In teoria, potresti attaccare un dispositivo come questo ovunque all’aperto e farlo trasmettere a te in modo indefinito. È compatibile con un paio di diversi protocolli di comunicazione wireless a bassa energia (perché scarichi Wi-Fi troppa batteria) che lasciarlo inviare informazioni per decine di chilometri. E, dice Xnor, se lo si adatta con una batteria, può immagazzinare energia sufficiente durante il giorno per tenerlo in funzione durante le ore di bassa luminosità e di notte.

“Stiamo esaminando diversi casi d’uso per questi dispositivi in ​​questo momento”, dice Mohammad Rastegari, CTO di Xnor, a The Verge . “Dai progetti civili su larga scala, al monitoraggio all’interno delle cabine di automobili autonome, al collegamento di telecamere ai droni”.

Xnor ha un forte background in questa sorta di miniaturizzazione dell’IA. È stato scorporato dall’Allen Institute for Artificial Intelligence nel 2017 sulla base di un metodo proprietario per la creazione di sistemi di apprendimento macchina super-efficienti. (La chiave di questa tecnologia è un tipo di circuito logico noto come porta XNOR , da cui il nome.) Ha anche dimostrato l’utilità del suo software eseguendoli su dispositivi a bassa potenza e basso consumo come il Raspberry Pi Zero .

Questa fotocamera AI ad energia solare non è ancora pronta per essere venduta. Sebbene sia interamente autosufficiente, ci sono alcuni vincoli sul suo funzionamento. Ad esempio, la quantità di fotogrammi che può elaborare ogni secondo dipende da quanta luce riceve. Xnor dice che in un giorno di sole funziona a 32 fps, ma questo può essere compensato con celle solari più grandi.

Ciò che è chiaro è che dispositivi come questo diventeranno sempre più comuni in futuro. Sono relativamente economici (il modello di Xnor costa $ 10) e sono più convenienti per gli operatori. E, poiché le foto e i video che prendono non lasciano mai il dispositivo, sono potenzialmente più privati.

Ma rimane una domanda: siamo a nostro agio con un mondo pieno di occhi IA che guardano sempre? È un problema che stiamo già affrontando nel contesto della CCTV intelligente , e come mostra il lavoro di Xnor, la tecnologia diventerà sempre più piccola e discreta.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi