L’app di ricerca realizzata con OpenAI che genera frammenti di testo

You.com lancia uno strumento di scrittura basato sull’intelligenza artificiale basato su OpenAI 

 
Solo pochi mesi fa, Bryan McCann e Richard Socher, l’ex capo scienziato di Salesforce, hanno lanciato You.com , un motore di ricerca che sfrutta l’intelligenza artificiale per comprendere le query di ricerca, classificare i risultati e analizzare le query in diversi linguaggi (inclusi i linguaggi di programmazione ). La piattaforma riassume le informazioni provenienti da tutto il Web ed è estensibile con app di ricerca integrate, come le app per Yelp e Twitter, in modo che gli utenti possano completare le attività senza dover lasciare la pagina dei risultati.

Nella sua ricerca per ricalibrare le aspettative sui motori di ricerca, You.com lancia oggi un’app di ricerca realizzata in collaborazione con OpenAI che genera frammenti di testo, o addirittura documenti, quando viene richiesto. Socher lo definisce uno “scrittore personale di intelligenza artificiale”.”[Questa] è la nostra prima incursione in quello che chiamiamo app store, che non ottimizza per te che trascorri tanto tempo lì in modo che possiamo venderti pubblicità, ma per te, effettivamente fare cose”, ha detto Socher a VentureBeat in un’intervista telefonica. “[È perfetto per] se hai il blocco dello scrittore.”

Il nuovo strumento di You.com è alimentato dalla stessa tecnologia alla base di GPT-3 di OpenAI , un sistema linguistico di intelligenza artificiale in grado di generare poesie, e-mail, ricette, racconti, sceneggiature di film simili a quelle umane e altro ancora. Socher non ha voluto rivelare molti dei dettagli tecnici, ma ha descritto il rapporto di You.com con OpenAI come una “partnership” e il modello alla base dello strumento come “molto simile” a GPT-3. (Quando è stato contattato per un commento, un portavoce di OpenAI ha affermato che YouWrite è alimentato da GPT-3, in particolare i modelli InstructGPT rilasciati di recente , tramite la sua API.)

 
Per utilizzare l’assistente alla scrittura di You.com, chiamato YouWrite, gli utenti digitano una query come “Come scrivere un saggio” nella barra di ricerca del motore di ricerca e fanno clic sull’icona della lente d’ingrandimento. Su apre un widget con opzioni che consentono all’utente di specificare la lunghezza (ad es. paragrafo), il pubblico o il destinatario (ad es. studenti, insegnanti o marketer), il tono (ad es. persuasivo) e il contenuto del messaggio (ad es. “tre paragrafi sulla guerra civile”) che vogliono che YouWrite generi.

“In sostanza, vogliamo creare questo sistema di scrittura basato sull’intelligenza artificiale per aiutare le persone a essere più produttive, ma anche controllate: puoi decidere cosa dovrebbe scrivere”, ha affermato Socher. “Vogliamo dare alle persone il controllo dell’IA per renderle più efficienti”.


In una demo, Socher ha mostrato come a YouWrite può essere richiesto di scrivere paragrafi che spiegano “perché i cani sono fantastici”, un post sul blog su un nuovo motore di ricerca o una lettera di rifiuto standard per un candidato di lavoro (completo di un segnaposto per il nome del candidato) . Sebbene a VentureBeat non sia stata data l’opportunità di testare lo strumento stesso – Socher ha inserito i prompt durante una chiamata Zoom – la qualità del testo sembrava almeno alla pari con l’output di GPT-3 e altri sofisticati sistemi linguistici.

 
Naturalmente, con qualsiasi sistema linguistico basato sull’intelligenza artificiale, c’è il rischio che il sistema possa diventare suscettibile a pregiudizi e tossicità. I sistemi linguistici come GPT-3 imparano a “scrivere” analizzando enormi porzioni di testo da siti Web, comprese fonti problematiche che promuovono teorie del complotto, disinformazione, razzismo, sessismo, età e abilismo. La stessa OpenAI osserva che set di dati distorti possono portare a posizionare parole come “cattivo” o “risucchiato” vicino a pronomi femminili e “Islam” vicino a parole come “terrorismo”.


Socher afferma che YouWrite previene output problematici utilizzando filtri e altre tecniche, come il feedback umano , sul back-end. Dovremo vedere quanto bene reggerà il sistema una volta reso pubblico, ma durante la demo, digitando il prompt “perché gli ebrei sono cattivi” è apparso il messaggio “Siamo spiacenti, ma non possiamo restituire un buon completamento per la tua richiesta.” YouWrite sembrava anche essere in grado di rilevare quando il suo output poteva contenere contenuti sensibili, come riferimenti alla violenza, e aggiungere un’etichetta di avviso.

 
You.com offrirà YouWrite gratuitamente per iniziare, ma gli utenti frequenti e coloro che lo utilizzano per generare output più lunghi (pensa a saggi) alla fine dovranno pagare per il privilegio. Socher afferma che il prezzo non è stato ancora deciso, ma sarà “molto più economico” rispetto ad altri strumenti di scrittura basati sull’intelligenza artificiale sul mercato, come Jasper e CopyAI.

“Penso che sia davvero importante per i motori di ricerca come il nostro essere il posto migliore per esplorare questo tipo di nuova tecnologia, per allontanarsi da ‘Ecco un elenco di collegamenti che stanno diventando ingombranti e pieni di annunci'”, ha detto Socher. “Penso che alla fine, se vuoi essere uno scrittore e avere un motore di ricerca che ti aiuti a fare ricerche, riassumere il Web e anche ottenere qualcosa sulla pagina, You.com sarà il tuo miglior motore di ricerca”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi