Home / Economia / Zebra Medical Vision venduta a Naxos per 200 milioni di dollari

Zebra Medical Vision venduta a Naxos per 200 milioni di dollari

Zebra Medical Vision, startup di computer vision, venduta per 200 milioni di dollari 

Zebra Medical Vision , una startup di computer vision focalizzata sull’assistenza sanitaria, ha annunciato oggi di aver stipulato un accordo per l’acquisizione da parte dell’azienda sanitaria quotata in borsa Nanox . I termini dell’accordo non sono stati resi noti, ma un portavoce di Zebra ha affermato che dovrebbe essere valutato intorno ai 200 milioni di dollari – 100 milioni di dollari in anticipo e altri 100 milioni legati a traguardi specifici, tutti in stock.

La visione artificiale, che si occupa di algoritmi in grado di acquisire una comprensione di alto livello di immagini e video, viene applicata in una vasta gamma di domini medici. Sebbene alcune ricerche abbiano sollevato preoccupazioni sui pregiudizi , le startup e gli operatori storici stanno inseguendo un mercato che dovrebbe valere $ 5,31 miliardi entro il 2026, secondo Verified Market Research. Sostengono che una carenza di professionisti – il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti prevede solo un aumento del 9% del numero di tecnici radiologici e di risonanza magnetica entro il 2028 – richiederà tecnologie di visione artificiale scalabili. Inoltre, affermano le aziende, la visione artificiale ha il potenziale per ridurre i costi di manodopera, nonché i carichi di lavoro di imaging medico.

 
Zebra Medical è stata fondata nel 2014 da Elad Benjamin, Eyal Gura ed Eyal Toledano per aiutare pazienti, medici e operatori sanitari a utilizzare strumenti di visione artificiale per diagnosticare malattie ossee, epatiche, polmonari e cardiovascolari. La startup offre quella che definisce una delle più grandi piattaforme di ricerca clinica aperta a livello globale, consentendo ai ricercatori di accedere a milioni di cartelle cliniche indicizzate e anonime per la scoperta scientifica. Zebra ha inoltre sviluppato una soluzione di analisi che fornisce algoritmi e strumenti di supporto decisionale per informazioni cliniche alle istituzioni sanitarie tramite un modello basato su software-as-a-service.

Sopra: uno screenshot di uno degli strumenti di diagnostica per immagini di Zebra Medical Vision.
Oltre a ciò, Zebra ospita un archivio di dati con oltre 2 milioni di immagini mediche e dispone di soluzioni approvate dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitensi e con marchio CE, tra cui sette soluzioni AI approvate dalla FDA e 10 con marchio CE per l’imaging medico: le più recente è un prodotto di modellazione 3D per immagini a raggi X utilizzato per la pianificazione di chirurgia ortopedica preoperatoria. In collaborazione con diverse associazioni del settore radiologico, Zebra a luglio ha fatto pressioni sull’American Medical Association per consentire agli assicuratori di rimborsare i medici che utilizzano l’intelligenza artificiale dell’azienda negli screening di rilevamento delle fratture da compressione vertebrale (VCF).

Zebra, che ha raccolto 57,4 milioni di dollari in capitale di rischio, conta oltre 1.100 ospedali, istituzioni accademiche e fornitori di assistenza tra i suoi clienti, tra cui InterMountain Healthcare, Johnson & Johnson, Nuance, Nvidia e l’Università di Oxford.

Messa a fuoco girevole
Prima dell’acquisizione, Zebra è passata dal concentrarsi sulla diagnosi e sul triage all’utilizzo dei propri dati per aiutare i sistemi sanitari a valutare grandi volumi di pazienti affetti da patologie croniche. Se l’acquisizione dovesse essere completata, il CEO Zohar Elhanani afferma che Zebra unirà le sue capacità con la strategia dell’azienda acquirente per “accelerare la visione della salute della popolazione” e rendere l’imaging medico “più efficiente”.

“Zebra Medical Vision ha sempre operato con l’obiettivo di espandere l’uso dell’intelligenza artificiale nell’imaging medico per migliorare i risultati sulla salute dei pazienti in tutto il mondo”, ha affermato Elhanani. “In questo momento, comprendiamo che quella visione è meglio servita unendo le forze con un partner fidato con i mezzi per aumentare le nostre capacità e spingere la salute della popolazione, alimentata dall’intelligenza artificiale, al livello successivo. Lo screening delle popolazioni per rilevare e trattare precocemente le malattie croniche ha dimostrato di migliorare i risultati e siamo entusiasti di assumere il timone della trasformazione della salute della popolazione nell’assistenza sanitaria”.

Nanox ha anche annunciato oggi di aver stipulato una lettera di intenti vincolante per acquisire USARAD e la sua società collegata, Medical Diagnostics Web, per 30 milioni di dollari in contanti e azioni. USARAD gestisce una rete di 300 radiologi tra centri sanitari, strutture di assistenza urgente e altri fornitori, che secondo Nanox fornirà l’accesso a radiologi formati, abbassando la barriera all’ingresso nel mercato statunitense e in altri paesi in tutto il mondo.

Nanox, fondata nel 2016 dal magnate del venture capital giapponese Hitoshi Masuya, spera di reinventare i raggi X con hardware ispirato al bioletto di Star Trek . Il suo prodotto, chiamato Arc , è progettato per promuovere la diagnosi precoce delle condizioni rilevabili mediante tomografia computerizzata (TC), mammografia, fluoroscopia, angiogramma e altre modalità di imaging. Un software basato su cloud denominato Nanox.Cloud integra l’Arc con servizi a valore aggiunto, tra cui un archivio di scansioni, abbinamento radiologo, revisione e annotazione diagnostica online e offline, connettività a sistemi di intelligenza artificiale assistiva, fatturazione e reportistica.

“Espandere l’accesso all’imaging medico tramite l’ampia diffusione del Nanox Arc risolve uno degli ostacoli al raggiungimento di una vera gestione della salute della popolazione”, ha affermato il CEO di Nanox Ran Poliakine in un comunicato stampa. “Eppure la carenza globale di radiologi qualificati rappresenta un collo di bottiglia significativo nel processo di imaging. Il Nanox ARC, insieme alle acquisizioni di Zebra Medical Vision e USARAD, se portato a termine, ci sposterebbe verso la nostra visione di implementare i nostri sistemi e avrebbe il supporto di una vasta rete di radiologi dotati di algoritmi di intelligenza artificiale altamente avanzati che consentiranno il rapido interpretazione delle immagini mediche in interventi medici attuabili, che rappresenterebbero una soluzione di imaging medico end-to-end connessa a livello globale.

La pandemia ha stimolato gli investimenti  nell’IA in quasi tutti i settori. Secondo il rapporto Q2 2021 di CB Insights , le startup di intelligenza artificiale hanno attirato finanziamenti record, oltre 20 miliardi di dollari, nonostante un calo del volume delle operazioni. L’intelligenza artificiale per l’assistenza sanitaria ha continuato ad avere la quota maggiore di operazioni di intelligenza artificiale, rappresentando il 17% di tutte le operazioni di intelligenza artificiale (2,36 miliardi di dollari).

 

 

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi