Una parola d’ordine tra gli appassionati di tecnologia, il metaverso può essere riassunto come una naturale evoluzione di Internet in cui una rete di spazi digitali persistenti sarà popolata da persone (come avatar digitali) che escono, si guadagnano da vivere e rivendicano la proprietà dei propri beni digitali. 

Si prevede che prenda forma nel prossimo decennio con tecnologie come AR, VR, IoT, 5G, blockchain e cloud computing che si uniscono e interagiscono tra loro. Alcune aziende stanno già contribuendo all’emergere di questo spazio virtuale e sono grandi e piccole e variegate in quello che fanno. 

Da un lato, ad esempio, giganti della tecnologia come Facebook (ora Meta ) e Microsoft stanno pompando denaro in vari aspetti del metaverso, a partire dai visori AR/VR alle piattaforme di comunicazione. Nel frattempo, d’altra parte, ci sono giocatori più piccoli che stanno lavorando su alcuni elementi specifici, come VirBELA per la collaborazione virtuale negli ambienti di lavoro e Second Life per giocare come avatar in un mondo virtuale. 


A lungo termine, questi (e molti altri) sistemi e tecnologie collaborative verrebbero implementati per casi d’uso consumer o aziendali , consentendo alle persone di interagire in un modo molto più personale e coinvolgente rispetto alle chiamate Zoom.

L’esatto impatto sulle imprese richiederà del tempo per svilupparsi. Dai un’occhiata alla rivoluzione degli smartphone iniziata 15 anni fa. All’inizio, le app per le scoregge dei consumatori erano per breve tempo l’app più popolare su iPhone. Le persone non avevano la minima idea di cosa stessero costruendo, ma erano sicure che qualcosa di grosso fosse in gioco. All’inizio lo smartphone non aveva un app store. Le reti 3G erano terribili. E le batterie erano orribili. Un’evoluzione simile accadrà con il metaverso.

Ecco alcune aree funzionali all’interno dell’impresa che potrebbero essere trasformate con il metaverso.

Assistenza clienti ed esperienza
Le organizzazioni che si affidano alle telefonate e ai canali digital-first (chat automatizzate) per il servizio clienti saranno in grado di sfruttare il metaverso per passare a un’esperienza virtuale assoluta, ha affermato Nancy Pekala, VP per il marketing dei contenuti e la strategia di HGS Digital, in un post sul blog . In questa esperienza, i gemelli digitali degli agenti del servizio clienti potrebbero assistere i clienti in uno spazio digitale coinvolgente e condiviso, aiutandoli a assemblare, riparare o scambiare i loro prodotti. 

 
Ciò non solo consentirebbe agli agenti del servizio clienti di svolgere il proprio lavoro meglio che mai, ma creerebbe anche una fiducia a lungo termine tra l’organizzazione/il marchio e il cliente. Ad esempio, se un cliente rimane bloccato durante l’assemblaggio di un mobile, un help desk virtuale potrebbe letteralmente istruire il consumatore sull’utilizzo di una versione virtuale e manipolabile dei mobili per fornire loro un percorso chiaro per risolvere e assemblare il proprio acquisto.

Dal lato dei clienti, sarebbe molto simile a ricevere aiuto da un agente di servizio di persona. 

Vendite e marketing
Proprio come gli agenti del servizio clienti, i dirigenti delle vendite e del marketing all’interno delle organizzazioni possono sfruttare la capacità del metaverso di ricreare la fedeltà della comunicazione e delle visualizzazioni della vita reale e presentare i propri prodotti/servizi a potenziali obiettivi, ha dichiarato a VentureBeat Michael Pryor, capo di Trello presso Atlassian. 

Secondo Pryor, piattaforme come Zoom aiutano con le vendite, ma il metaverse renderà l’intero processo più realistico, garantendo una comunicazione efficace con sfumature di linguaggio del corpo, tono e segnali visivi, consentendo anche un certo livello di scelta con l’anonimato allo stesso tempo . Ciò consentirebbe ai clienti di trovarsi nel punto vendita virtuale e vedere/vivere il prodotto, senza essere effettivamente lì. 

Un buon esempio di ciò può essere il negozio di sci virtuale di Ralph Lauren e Drest , un gioco interattivo che consente alle persone di provare diversi abiti per decidere cosa sta meglio su di loro e quindi si collega a una piattaforma di e-commerce per acquistare quei look nel mondo reale . Diverse case automobilistiche, tra cui Nissan e Mercedes, hanno anche creato showroom virtuali per offrire ai potenziali acquirenti una buona occhiata ai loro veicoli al rovescio e aumentare le vendite.

Pubblicità
Le organizzazioni, in particolare quelle del settore della vendita al dettaglio, saranno anche in grado di sfruttare il metaverso per il posizionamento di prodotti e la pubblicità. È difficile immaginare come sarebbero queste pubblicità in futuro, ma un certo numero di etichette di moda stanno già lavorando in questo spazio, dando un’idea giusta. Il gigante della moda Balenciaga, ad esempio, ha promosso le sue collezioni del mondo reale come skin digitali in Fortnite di Epic Game e ha lanciato il proprio gioco su Unreal Engine per mostrare la sua collezione Autunno 2021. Allo stesso modo, Burberry ha lanciato abiti in-game per il gioco di strategia cinese Honor of Kings e la startup fashion-tech BigThinx ha organizzato una sfilata di moda virtualecon design di Rebecca Minkoff, Alivia e molti altri marchi. Anche molti operatori al dettaglio, tra cui Gucci e OTB Group (madre di Diesel), hanno creato la loro divisione metaverse per sfruttare al meglio questa opportunità.

Grandi eventi e conferenze
Dalle conferenze stampa alle grandi fiere, il metaverse giocherà un ruolo cruciale nel rendere i grandi eventi davvero coinvolgenti e virtuali per le imprese. Questo perché, quando la tecnologia matura, decine di migliaia di persone – forse anche milioni – potrebbero essere in grado di vedersi e interagire tra loro nel mondo virtuale. Immagina il concerto di Travis Scott che Epic Games ha tenuto all’interno di Fortnite, solo più grande e migliore.

Inoltre, il metaverso non sarà vincolato dai vincoli fisici del mondo reale. Le aziende potrebbero facilmente avere una sede per eventi con tutte le sale riunioni e i palchi che desiderano, senza fare domande.

Ingegneria e architettura
Le aziende potrebbero anche sfruttare il metaverso per creare gemelli digitali che potrebbero aiutare con gli sforzi di ingegneria e sviluppo. Ad esempio, Boeing prevede di sfruttare Microsoft Hololens e avatar digitali 3D per rafforzare l’ingegneria aeronautica e prevenire difetti di produzione. Anche Airbus ha collaborato con Microsoft per utilizzare Azure Mixed Reality e Hololens per ridurre i tempi di convalida del progetto dell’80% e accelerare le complesse attività di assemblaggio degli aeromobili del 30%.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Oltre a ciò, le aziende potrebbero anche creare simulazioni digitali immersive della loro linea di produzione e identificare i colli di bottiglia che potrebbero potenzialmente influenzare la qualità o la consegna del loro prodotto. In questo modo, potrebbero affrontare i problemi, che si tratti di un guasto del macchinario o di un errore umano, ben prima che influiscano sul vero processo di produzione. La casa automobilistica BMW sta utilizzando Omniverse di Nvidia per simulare ogni aspetto delle sue operazioni di produzione. Secondo TrendForce , il metaverso potrebbe spingere i ricavi della produzione “intelligente” globale a $ 540 miliardi entro il 2025.

Formazione della forza lavoro
Un’altra importante applicazione del metaverso sarà nell’area dello sviluppo delle abilità. Invece di radunare dipendenti e formarli su macchinari reali, che potrebbero invece essere utilizzati per la produzione, le organizzazioni potrebbero creare impianti virtuali in cui i tirocinanti potrebbero imparare a eseguire tutte le operazioni essenziali dall’avvio allo spegnimento. Potrebbero anche utilizzare l’ambiente virtuale per simulare incidenti/emergenze e formare i lavoratori sulle misure di risposta alla sicurezza in modo più efficace. Attualmente, le organizzazioni devono fare affidamento su manuali o video di formazione monotoni per tali attività.

“L’apprendimento e la formazione immersivi sono stati casi d’uso comuni per il metaverso aziendale”, ha detto a Venturebeat un portavoce di Deloitte. “Durante la pandemia, abbiamo virtualizzato la Deloitte University e costruito uno spazio immersivo in cui colleghi di tutto il mondo si sono incontrati e hanno collaborato in modo naturale: abbiamo organizzato oltre 50 eventi solo nei primi tre mesi. Abbiamo creato un’esperienza Hololens 2 che dà vita a William Deloitte e un’esperienza AR che mostra l’arte 3D e 2D su una parete dedicata nella nuova Deloitte University in India. 

“Inoltre, tramite Deloitte Studio, abbiamo creato esperienze di onboarding coinvolgenti per i nostri nuovi assunti”, ha affermato il portavoce.

Pianificazione dello scenario
Poiché non ci sono vincoli fisici nel mondo virtuale, le aziende potrebbero anche utilizzare il metaverse come un modo per garantire un’efficace pianificazione degli scenari e una gestione dei problemi. Ad esempio, un’azienda di scooter elettrici potrebbe simulare problemi operativi derivanti da colli di bottiglia lato fornitore (come la carenza di un particolare componente) e sviluppare strategie per affrontare tali problemi con largo anticipo. 

 
“La risoluzione di sfide di miglioramento operativo altamente complesse e mission-critical sono aree in cui i metaverses possono offrire soluzioni superiori. La convergenza di intelligenza artificiale, digital twin e design 3D crea casi d’uso rivoluzionari”, ha affermato il portavoce di Deloitte.

“Deloitte ha aiutato alcuni degli aeroporti più trafficati del mondo a ottimizzare l’atterraggio e il decollo delle compagnie aeree attraverso applicazioni di gemelli digitali 3D”, hanno osservato. È stato inoltre creato un gemello digitale per l’aeroporto internazionale di Hong Kong per aiutare le autorità a semplificare la revisione del design per i nuovi progetti di costruzione e distribuire le risorse in modo efficace per la manutenzione. 

Altro metaverso in arrivo
Non sappiamo come sarebbe esattamente il metaverso nei prossimi cinque o sei anni, ma queste applicazioni potrebbero essere un buon punto di partenza. Con l’evolversi dei sistemi, anche i casi d’uso e le applicazioni all’interno dell’azienda potrebbero diventare più completi.

Tuong Huy Ngyuen, analista principale senior di Gartner, osserva che queste applicazioni si basano su ciò che sappiamo oggi, ma in futuro tutto dipenderà dal modo in cui le aziende saranno in grado di utilizzare le funzionalità chiave del metaverso.

“In che modo i dati persistenti sarebbero utili per un’azienda? Ad esempio, forse un gemello digitale sovrapposto a una macchina per consentire ai dipendenti di visualizzare e interagire (ad esempio per la riparazione e la manutenzione). O come verrebbero utilizzati i contenuti collaborativi e interoperabili? Forse per consentire a più parti (dipendenti, clienti, fornitori, ecc.) di raccogliere informazioni e conoscenze e interagire con il gemello digitale o altri dati disponibili per l’azienda. O come sarebbe utile il decentramento? Ad esempio, avere le informazioni archiviate ed elaborate localmente per migliorare la velocità e la latenza”, ha affermato.

“Questo è il modo in cui le organizzazioni dovrebbero valutare il metaverso, in termini di questi aspetti (persistenti, decentralizzati, collaborativi, interoperabili) e di come influiscono sul loro business”, ha affermato.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi