Home / Economia / 75F, una startup di gestione HVAC basata sull’intelligenza artificiale, ottiene 4,75 milioni di dollari

75F, una startup di gestione HVAC basata sull’intelligenza artificiale, ottiene 4,75 milioni di dollari

75F, una startup con sede a Burnsville, nel Minnesota, che fornisce tecnologie di gestione degli edifici basate sull’intelligenza artificiale, ha annunciato oggi di aver raccolto un’estensione di 4,75 milioni di dollari alla sua serie A da 18 milioni di dollari, portando il totale raccolto a 29,2 milioni di dollari. L’azienda prevede di utilizzare i fondi per espandere ulteriormente le innovazioni in materia di risparmio energetico e copertura del mercato.

Gli edifici commerciali sono il quarto principale contributore alle emissioni di gas serra a livello globale, con il 20% delle emissioni in tutto il mondo. Circa la metà delle loro emissioni proviene dal riscaldamento e dal raffreddamento, con HVAC e illuminazione che rappresentano il 65%. L’inefficienza degli edifici rimarrà un obiettivo importante per le emissioni: si prevede che l’impronta degli edifici del mondo crescerà di 2,5 trilioni di piedi quadrati entro il 2060, il che equivale a costruire un’altra New York City ogni mese per i prossimi 40 anni. Ecco perché almeno 31 metropolitane statunitensi hanno approvato leggi che stabiliscono benchmark di potenza o mandati di rendicontazione, con 15 che richiedono obiettivi di prestazione energetica.

75F, fondata nel 2012, offre una piattaforma di costruzione basata su Internet delle cose basata sull’intelligenza artificiale che include sensori wireless, controller di apparecchiature e app mobili e web basate su cloud che forniscono analisi e automazione degli edifici predittiva e proattiva. Il sistema dell’azienda mira a ridurre i costi energetici sfruttando l’aria esterna per fornire raffreddamento gratuito, fattori di monitoraggio come il tempo e l’occupazione della stanza per apprendere il comportamento degli occupanti dell’edificio.

Secondo 75F, il suo sistema supporta edifici vecchi e nuovi, con controlli autonomi che funzionano con una gamma di apparecchiature di riscaldamento e raffreddamento come unità a tetto, caldaie e apparecchiature monostadio. Quando è attiva, 75F afferma che la piattaforma può anticipare cose come l’ora di punta del ristorante e iniziare a raffreddare la cucina o abbassare le luci dell’ufficio quando c’è il sole. Inoltre, consente ai manager di regolare, monitorare o programmare in remoto i cambiamenti di temperatura e aggiungere zone alle apparecchiature HVAC esistenti, che inquilini e dipendenti possono controllare tramite i loro telefoni.

“La soluzione di automazione degli edifici completa, semplice ma a basso costo di 75F è la prossima generazione di sistemi di automazione degli edifici. Oggi, la maggior parte delle soluzioni di automazione degli edifici esistenti sono convenienti solo per gli edifici più grandi e sofisticati, che rappresentano una percentuale molto piccola di tutti gli edifici a livello globale “, ha affermato Brian Walsh, capo di Wind Ventures, l’investitore principale nell’estensione del finanziamento di 75F. in un comunicato stampa. “Per le regioni emergenti come l’America Latina, l’adattamento del mercato del prodotto 75F rappresenta un’opportunità di balzo per la maggior parte del mercato, dal piccolo al molto grande, quindi siamo entusiasti di lavorare con il team per portare la soluzione 75F nella regione”.

L’intelligenza artificiale per l’ottimizzazione dell’utilità è un business in espansione, con molta concorrenza da fare. Ci sono BrainBox e Aquicore , i cui algoritmi apportano modifiche dettagliate ai sistemi HVAC al volo. Augury , una startup che sviluppa sensori che si collegano alle macchine e registrano dati che vengono poi analizzati nel cloud, lavora con società di servizi per diagnosticare e ottimizzare sistemi come l’HVAC industriale. Predix di GE Digital e la startup Petasense offrono sensori di monitoraggio simili abilitati per Wi-Fi, basati su cloud e AI. E Sidewalk Labs e Carbon Relay vantano prodotti che sfruttano i dati dei sensori per fare previsioni sull’utilizzo del raffreddamento dei data center.

Ma 75F di 117 dipendenti, che in precedenza aveva raccolto 2 milioni di dollari in un round seed di giugno 2018, afferma in modo univoco che il suo sistema può ridurre i costi energetici del 50%. Costi di installazione inferiori, tecnologia “digital twin” che porta a una più rapida acquisizione dei dati e sensori progettati internamente si traducono in un periodo di ammortamento inferiore a 2 anni per la maggior parte dei clienti, secondo 75F.

“Dall’inizio della pandemia lo scorso anno, l’occupazione negli edifici commerciali è stata bassa o inesistente. Mentre l’industria degli edifici commerciali lotta con la pandemia in modi ovvi, COVID-19 ha evidenziato come la tecnologia degli edifici esistenti può aiutare a rendere gli spazi più sani e risparmiare energia che altrimenti sarebbe stata sprecata “, ha detto un portavoce a VentureBeat via e-mail. “Poiché le capacità di controllo di 75F sono così agili, siamo stati in grado di sviluppare e distribuire una sequenza di controllo personalizzata chiamata Modalità epidemica che automatizza le raccomandazioni di ventilazione degli esperti”.

Sebbene 75F affermi che solo il 10% dei ricavi dei suoi clienti è ricorrente oggi, spera di ricoprire 45 posizioni nei prossimi mesi nei suoi uffici a Minneapolis, Singapore e India. La società afferma che una parte dei finanziamenti sarà accantonata per una relazione OEM non ancora divulgata pubblicamente.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi