Home / Economia / La startup 6Sense ha annunciato di aver chiuso un round di finanziamento di serie D da 125 milioni di dollari

La startup 6Sense ha annunciato di aver chiuso un round di finanziamento di serie D da 125 milioni di dollari

6Sense, che utilizza l’intelligenza artificiale per potenziare il coinvolgimento dell’account, raccoglie $ 125 milioni

La startup 6Sense ha annunciato oggi di aver chiuso un round di finanziamento di serie D da 125 milioni di dollari guidato da D1 Capital Partners, valutando la società a 2,1 miliardi di dollari post-money. 6Sense afferma che l’investimento rafforzerà la sua crescita e le iniziative sui prodotti, in particolare nelle aree della previsione della migliore azione successiva per le macchine, delle informazioni sui dati e delle capacità di orchestrazione basate sull’intelligenza artificiale.

Gli acquirenti business-to-business sono in genere il 57% del percorso verso una decisione di acquisto prima di interagire con i reparti di vendita. Inoltre, solo il 23% dei dirigenti è fiducioso nella velocità con cui acquisisce informazioni accurate.

Motivati ​​dall’idea che l’intelligenza artificiale potrebbe avere un ruolo da svolgere nell’aiutare a concludere l’accordo, cinque imprenditori – Amanda Kahlow, Dustin Chang, Premal Shah, Shane Moriah e Viral Bajaria – hanno cofondato 6Sense nel 2013.

Il prodotto di 6Sense cattura segnali di intenti da fonti note e anonime, incluso il Web, creando segmenti di clienti per account, intento comportamentale o una combinazione di questi due fattori. 6Sense identifica i contatti e crea elenchi di acquirenti mirati, aiutando a dare la priorità agli sforzi di vendita di sensibilizzazione e ad aumentare le conversioni con punteggi di adattamento basati sull’apprendimento automatico. La piattaforma attiva anche comunicazioni di marketing tramite app come Marketo ed Eloqua in risposta alle richieste dei potenziali clienti. Inoltre, consente ai venditori di interagire con i team di acquisto tramite campagne multicanale e multitouch.

L’automazione è ora considerata essenziale tra i professionisti del marketing per rafforzare la diffusione delle campagne, in parte a causa della sua capacità di indirizzare meglio le comunicazioni con i clienti. Secondo un recente sondaggio HubSpot , le campagne di automazione della posta elettronica sono tra le prime tre tattiche utilizzate dai professionisti del marketing per migliorare le prestazioni. E nel 2017, Salesforce ha riferito che il 67% dei responsabili delle vendite ha utilizzato una piattaforma di automazione del marketing.

Sotto il cofano della piattaforma 6Sense c’è un grafico della domanda che cattura i segnali e li collega automaticamente ai potenziali clienti. Gli algoritmi acquisiscono dati storici sull’intenzione per ricostruire i percorsi dell’acquirente basati sull’account per una determinata attività, monitorando il grafico della domanda e analizzando i cambiamenti nell’intento per ottenere punteggi centinaia di milioni di account e persone ogni giorno.

6Sense ha recentemente lanciato i rapporti sul rendimento dei segmenti e i punti di discussione personalizzati, due funzionalità che consentono agli operatori di marketing di analizzare i cambiamenti nel coinvolgimento e nella progressione dell’account attraverso le fasi di acquisto e forniscono punti di conversazione guidati basati sull’intenzione, il ruolo e l’adattamento dell’acquirente. Febbraio 2020 ha visto l’introduzione di Next Best Actions, che sfrutta l’intelligenza artificiale per presentare ai rappresentanti dello sviluppo aziendale un elenco di azioni prioritarie per coinvolgere i team di acquisto all’interno di un account di destinazione.

6Sense compete fino a un certo punto con ZoomInfo. Altre startup che operano nel segmento includono Demandbase , che ha raccolto oltre $ 150 milioni con il sostegno di investitori di alto profilo, oltre a Lattice Engines e Leadspace .

Ma i sostenitori di 6Sense non sono preoccupati e hanno qualche motivo per essere ottimisti. Il 2020 è stato il terzo anno consecutivo della società con una crescita del fatturato del 100%, afferma 6Sense, trainata da “aumenti significativi” di pipeline, ricavi, prezzo medio di vendita e velocità delle trattative e un duplice aumento delle dimensioni della base clienti. (Brightcove e Cognizant sono tra i clienti di 6Sense.) Mentre si prevedeva che la spesa pubblicitaria globale sarebbe diminuita del 10,2% anno su anno nel 2020, le agenzie pubblicitarie, tra cui Magna, affermano di aspettarsi un aumento della spesa pubblicitaria di oltre il 7% nel 2021 a circa $ 612 miliardi in totale, con i media digitali che vedono una crescita superiore al 10%.

“Siamo grati per il nostro successo alla guida della categoria di vendita e marketing basata su account – e onorati dalla fiducia che i nostri clienti e investitori ripongono in 6Sense – ma la nostra visione è sempre stata più ampia e audace”, ha affermato il CEO Jason Zintak. “C’è un’enorme opportunità per ridisegnare il modo in cui le aziende business-to-business entrano nel mercato. Riteniamo di avere la piattaforma, i dati, il team e i partner di investimento per costituire la base per la tecnologia dei ricavi business-to-business “.

Forrester prevede che la spesa per gli strumenti di automazione del marketing crescerà “vigorosamente” nei prossimi anni, raggiungendo i 25,1 miliardi di dollari all’anno entro il 2023 da 11,4 miliardi di dollari nel 2017. Si stima che il 55% dei responsabili delle decisioni di marketing prevede di aumentare la propria spesa per la tecnologia di marketing, inclusi AI e machine learning, con un quinto degli intervistati che prevede di aumentare del 10% o più.

“Investiamo molto in tecnologia di vendita e marketing e 6Sense è davvero unico nel suo genere”, ha dichiarato a VentureBeat il partner di Sapphire Ventures Rajeev Dham, un investitore di 6Sense. “Abbiamo sempre considerato 6Sense come un leader di mercato con la capacità di realizzare la sua audace visione di trasformazione delle vendite e del marketing con intuizioni basate sui dati e capacità di orchestrazione. 6Sense è già la principale piattaforma di vendita e marketing basata su account e sono pronti a definire e fornire il futuro della tecnologia di guadagno di cui ogni organizzazione B2B ha bisogno “.

Oltre a D1 Capital Partners e Sapphire Ventures, Insight Partners e Tiger Global hanno partecipato all’ultimo round di finanziamento di 6Sense. Porta i 300 dipendenti della società con sede a San Francisco, in California, aumentati fino ad oggi a oltre $ 225 milioni.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi