Home / AI tecnologia / AI Guardman la videocamera di sicurezza giapponese con intelligenza artificiale

AI Guardman la videocamera di sicurezza giapponese con intelligenza artificiale

Una videocamera di sicurezza IA giapponese mostra che il futuro della sorveglianza sarà automatizzato

Il mondo della sorveglianza automatica è in piena espansione , con nuove tecniche di apprendimento automatico che consentono alle telecamere TVCC di individuare comportamenti problematici senza la supervisione umana. E prima o poi, questa tecnologia arriverà in un negozio vicino a te – come illustrato da una nuova videocamera di sicurezza AI costruita dal gigante giapponese delle telecomunicazioni NTT East e dalla startup Earth Eyes Corp.

La telecamera di sicurezza è chiamata “AI Guardman” ed è progettata per aiutare i negozianti in Giappone a individuare potenziali rivenditori di taccheggiatori. Utilizza la tecnologia open source sviluppata dalla Carnegie Mellon University per eseguire la scansione di flussi video in diretta e stimare le posizioni di qualsiasi corpo che può vedere. (Pensa a una telecamera Kinect, ma usando dati 2D anziché 3D per tenere traccia delle persone.) Il sistema cerca quindi di abbinare questi dati di posa a comportamenti “sospetti” predefiniti. Se vede qualcosa di degno di nota, avvisa i negozianti tramite un’app connessa.

AI Guardman è in sviluppo da almeno alcuni anni, ma il mese scorso NTT East e Earth Eyes hanno condiviso i risultati di alcune prove iniziali con la fotocamera. Come ci si potrebbe aspettare per un’esplosione di pubbliche relazioni, il feedback era luminoso; e secondo un rapporto dell’IT Media giapponese , NTT East e Earth Eyes affermano che AI ​​Guardman ha ridotto il numero di tacche nei negozi di circa il 40%.

Senza una verifica indipendente, queste affermazioni dovrebbero essere prese con un pizzico di sale, ma la tecnologia di base è sicuramente solida. Nuove tecniche di deep learning ci hanno permesso di analizzare le riprese video in modo più rapido ed economico che mai, e un numero maggiore di aziende in Giappone, America e Cina sta sviluppando prodotti con capacità simili. Funzionalità simili si stanno facendo strada anche nelle telecamere per la sicurezza domestica , con aziende come Amazon e Nest che offrono analisi IA rudimentali, come individuare la differenza tra animali e persone.

Al contrario, AI Guardman è degno di nota come prodotto con funzionalità avanzate che i clienti saranno in grado di acquistare, collegare e avviare senza troppo ritardo. Un portavoce di NTT East ha dichiarato a The Verge che la fotocamera sarebbe stata in vendita alla fine di luglio, con un prezzo up-front di circa $ 2,150 e una quota di abbonamento mensile di $ 40 per il supporto cloud. NTT dice che spera di presentare la fotocamera a 10.000 negozi nei prossimi tre anni. “Il nostro obiettivo principale sono le grandi imprese, anche se non abbiamo l’intenzione di omettere quelle piccole”, ha detto un portavoce.

Ma ci sono molti potenziali problemi con la sorveglianza automatica, inclusa la privacy, l’accuratezza e la discriminazione. Sebbene l’intelligenza artificiale possa guardare in modo affidabile una persona e mappare dove sono le loro parti del corpo, è una sfida mettere le informazioni in relazione a un comportamento “sospetto”, che tende ad essere dipendente dal contesto. La NTT East ha ammesso di averlo ammesso e ha affermato che “errori comuni” da parte di AI Guardman includevano l’identificazione errata di entrambi i clienti indecisi (che potevano prendere un oggetto, rimetterlo in ordine, riprenderlo di nuovo) e gli addetti alla vendita che rifornivano gli scaffali come potenziali taccheggiatori.

È difficile conoscere la portata di questo problema, poiché NTT East ha dichiarato di non aver pubblicato studi sull’accuratezza della tecnologia e di non poter condividere alcuna informazione su statistiche come il suo tasso di falsi positivi (cioè, quanto spesso identifica comportamenti innocenti come qualcosa sospette).

È anche possibile che i dati di addestramento siano distorti verso determinati gruppi o che la tecnologia possa essere utilizzata come pretesto per discriminazioni. (Cioè, una guardia di sicurezza segue qualcuno nel negozio perché “il computer dice che sono sospettosi.”) NTT East ha negato che la tecnologia potrebbe essere discriminatoria in quanto “non trova individui pre-registrati”.

Valutare una tecnologia come questa è difficile a distanza, ma è chiaro che questo tipo di sorveglianza automatizzata diventerà sempre più comune in futuro, con i ricercatori che lavorano su analisi avanzate come individuare comportamenti violenti nelle folle e aziende tecnologiche che vendono strumenti come il viso riconoscimento alle forze dell’ordine . La prossima volta che passi davanti a una telecamera CCTV, la tua preoccupazione non sarà chi sta guardando, ma cosa.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi