BrainChip lancia il processo neuromorfico per l’IA ai margini

BrainChip ha annunciato oggi la commercializzazione del suo processore di rete neurale Akida. Destinato a una varietà di applicazioni edge e Internet of Things (IoT), BrainChip afferma di essere il primo produttore commerciale di chip di intelligenza artificiale neuromorfi , che potrebbero offrire vantaggi in termini di potenza e prestazioni ultrabasse rispetto agli approcci convenzionali.

Poiché l’IA ha continuato a crescere negli ultimi anni, si prevede che l’IA ai margini diventerà una porzione più ampia del mercato. Questa è conosciuta come l’intelligenza artificiale delle cose. Vari fornitori di processori convenzionali come Intel e Nvidia hanno lanciato chip AI per questi ambienti a basso consumo, rispettivamente, attraverso le loro linee di prodotti Movidius e Jetson . L’elaborazione all’edge comporta inoltre una latenza inferiore rispetto all’invio di informazioni al cloud.


Calcolo neuromorfico e intelligenza artificiale
BrainChip sta adottando un approccio diverso con il suo processore neuromorfico. Il calcolo neuromorfico differisce dagli approcci classici all’IA, che si basano sulle reti neurali convoluzionali (CNN), imitando il cervello molto più da vicino attraverso le reti neurali spiking (SNN). Sebbene i chip neuromorfici siano generalmente ancora digitali, tendono a funzionare sulla base di circuiti asincroni, il che significa che non esiste un clock globale. A seconda dell’applicazione specifica, il neuromorfico può essere di ordini di grandezza più veloce e richiede meno energia.


L’architettura Akida di BrainChip presenta un’architettura basata su eventi di questo tipo. Può supportare l’addestramento e l’inferenza su chip e supporta vari input di sensori come applicazioni visive, audio, olfattive e trasduttori intelligenti. BrainChip punta ad applicazioni come casa intelligente, salute intelligente, città intelligente e trasporto intelligente. Con un totale di 1,2 milioni di neuroni e 10 miliardi di sinapsi, il chip scala da microwatt a milliwatt in termini di consumo energetico. Akida è programmato attraverso l’ambiente di sviluppo MetaTF.

Con l’annuncio di oggi, BrainChip sta iniziando a ricevere ordini per la sua prima scheda mini PCIe disponibile in commercio dotata del chip Akida AKD1000, con un prezzo a partire da $ 500. Può essere utilizzato come acceleratore o coprocessore incorporato. BrainChip osserva che questo completa la sua famiglia di prodotti AKD1000, seguendo i kit di sviluppo introdotti in ottobre per i sistemi basati su x86 e Arm.

Akida a bordo con Mercedes
Akida è già presente in un prodotto degno di nota: la concept car Mercedes EQXX mostrata al CES all’inizio di questo mese, dove è stata utilizzata per il controllo vocale per ridurre il consumo energetico fino a 10 volte.

BrainChip non è l’unica azienda che lavora sull’informatica neuromorfica, anche se potrebbe essere la più avanti nella sua commercializzazione. Tra le aziende più grandi, Intel è la più nota per il suo lavoro sui chip neuromorfici Loihi 1 e 2. Sebbene Intel intenda commercializzare il suo silicio neuromorfico a un certo punto, attualmente è ancora in fase di ricerca attraverso quella che Intel chiama la sua Comunità di ricerca neuromorfica.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi