La piattaforma di intelligence delle vendite Apollo.io ottiene $ 32 milioni
 
Apollo.io , che gestisce una piattaforma di accelerazione delle vendite per le aziende B2B, ha annunciato oggi di aver raccolto 32 milioni di dollari in un round di finanziamenti di serie B. L’investimento, guidato da Tribe Capital con la partecipazione di NewView Capital e dell’investitore esistente Nexus Venture Partners, sarà utilizzato dalla startup con sede a San Francisco per espandere il proprio team e la base di clienti, nonché per rafforzare la propria piattaforma tecnologica.

Per qualsiasi organizzazione, una strategia di immissione sul mercato ben congegnata e la sua esecuzione sono la chiave del successo. I leader aziendali attribuiscono molta importanza al go-to-market (GTM) per ottenere un vantaggio competitivo. Tuttavia, i professionisti delle vendite spesso finiscono per lottare con la parte di esecuzione a causa del fatto che il processo GTM è troppo manuale, noioso e complesso per loro. Anche se i rappresentanti scelgono strumenti di automazione di sensibilizzazione, lottano per indirizzare le giuste prospettive poiché le soluzioni sono soffocate da flussi di lavoro contorti e da una guida minima.

 Fondato nel 2015, Apollo.io risolve la sfida sopra menzionata con una piattaforma SaaS (software-as-a-service) self-service che i professionisti delle vendite possono utilizzare per trovare e indirizzare le prospettive di business adatte. La soluzione viene fornita con una serie di filtri che è possibile utilizzare per trovare informazioni su chi indirizzare in base alle proprie esigenze aziendali. Quindi, utilizzando la stessa piattaforma, possono impostare e-mail automatizzate e campagne di chiamata per raggiungere i potenziali clienti in modo rapido e su larga scala.

 
“Ti forniamo molte best practice su come scrivere queste e-mail e su come rendere la messaggistica più efficace”, ha detto a VentureBeat Tim Zheng, fondatore e CEO di Apollo.io.

“Dopodiché, ti forniamo tonnellate di analisi su cosa funziona, cosa non funziona e perché. Impariamo anche da questo per darti consigli su cosa fare meglio la prossima volta. È come un ciclo per aiutarti a migliorare sempre di più nel tuo go-to-market”, ha aggiunto.

Zheng ha sviluppato la piattaforma quando non è riuscito a trovare un efficace strumento di accelerazione del go-to-market per la sua prima startup, Braingenie. Ha curato un database iniziale di clienti e uno strumento di campagna e-mail per l’azienda ed-tech ed è stato in grado di guidare una crescita significativa utilizzandolo. Quindi, dopo aver ricevuto interesse da altre aziende, ha costruito su quel prodotto e lo ha trasformato in un’azienda separata.

Attualmente, Apollo.io ospita un database di oltre 220 milioni di contatti di 29 milioni di aziende, a cui accedono oltre 9.000 clienti paganti, che include startup come Lyft, Peloton e Gympass, nonché giganti di Fortune 500. La società ha raccolto finora 41,3 milioni di dollari (incluso questo round) e afferma di aver mantenuto la redditività per oltre 18 mesi.

L’intelligenza artificiale garantisce la precisione, trova i futuri clienti
La piattaforma di Apollo può anche integrarsi direttamente con le piattaforme CRM , in modo che i professionisti delle vendite B2B possano trovare gli acquirenti giusti al momento giusto. La società afferma di utilizzare algoritmi avanzati e metodi di acquisizione dati per fornire attributi aziendali e informazioni di contatto sui potenziali clienti; visualizzare automaticamente queste informazioni quando si visitano i profili LinkedIn; arricchisci i database CRM con oltre 200 attributi aziendali univoci e segnala nuove informazioni di contatto in tempo reale se i potenziali clienti cambiano lavoro o vengono promossi.

 
“Effettuiamo la scansione del Web pubblico e indicizziamo e sintetizziamo tonnellate di informazioni come tecnologie utilizzate, diverse parole chiave, siti Web, ecc. Inoltre, abbiamo anche una rete di contributori di utenti che scelgono di condividere i propri dati in cambio dell’utilizzo del nostro prodotto gratuito”, Zheng ha affermato che utilizzano l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per assicurarsi che le informazioni raccolte siano pulite e accurate.

Oltre a verificare le informazioni, l’azienda utilizza l’intelligenza artificiale come parte del suo motore di raccomandazione, che aiuta gli utenti a identificare e dare priorità ai loro prossimi clienti.

“Una volta che un utente si connette tramite il proprio CRM, siamo in grado di capire chi sono i suoi clienti attuali e chi nell’intero universo dei nostri 200 milioni di contatti è più simile a quei clienti. Quindi, li aiutiamo a stabilire le priorità per raggiungere tali potenziali clienti”, ha aggiunto il CEO.

Mentre ci sono piattaforme che offrono dati di contatto e informazioni sulle vendite , inclusi giocatori come ZoomInfo (che ha acquisito Chorus per $ 575 milioni), Uplead e Outreach, Apollo afferma di essersi distinto offrendo una piattaforma unificata con dati e flussi di lavoro migliori. La società afferma che la sua soluzione è supportata dai migliori dati, sia in termini di ampiezza, precisione e profondità, sia dalla copertura di numeri di cellulare e indirizzi e-mail, e flussi di lavoro semplificati, in cui un utente può configurare la piattaforma in pochi minuti e iniziare a rivolgersi ai potenziali clienti , raccogliendo informazioni subito.

Strada da percorrere
Andando avanti, Apollo.io spenderà gran parte del suo capitale in ricerca e sviluppo. Zheng non ha condiviso dettagli specifici, ma ha osservato che l’obiettivo sarà migliorare la qualità dei dati, sviluppare funzionalità AI (incluso il motore di raccomandazione), funzionalità di livello aziendale e garantire che il prodotto sia più semplice e facile da usare.

 
L’azienda prevede di ottenere un coinvolgimento 4 volte maggiore per i rappresentanti di vendita, con un fatturato del 100% e una crescita degli utenti anno su anno.

Lo sviluppo arriva mentre lo spazio tecnologico di vendita continua a crescere con un aumento degli investimenti e delle attività di fusione e acquisizione. Secondo Gartner , le entrate nel mercato dell’abilitazione alle vendite hanno toccato 1,7 miliardi di dollari nel 2020, con un aumento del 12,1% rispetto all’anno precedente e il 93,6% dei leader delle vendite sta investendo o sta valutando di investire in qualche tipo di tecnologia di vendita.

 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi