In che modo Apple utilizzerà la startup di generazione musicale AI
Apple potrebbe utilizzarlo per produrre colonne sonore personalizzate per gli abbonati Apple Fitness+ o persino creare rumori ambientali in tempo reale con HomePod, secondo 9to5Mac.
 
L’ultima acquisizione di Apple è un’azienda con sede a Londra che utilizza l’intelligenza artificiale per generare musica personalizzata e dinamica. Apple potrebbe utilizzare la tecnologia per migliorare i suoi attuali servizi audio, come Apple Music, HomePod mini o persino Apple Fitness+ . Non vi è alcuna conferma formale o rifiuto della transazione, come è consuetudine per le acquisizioni di Apple. Secondo Bloomberg, AI Music ha completato l’accordo nelle ultime settimane e la società aveva circa due dozzine di dipendenti prima dell’accordo. Dall’inizio di gennaio, le reti di social media e il sito Web personale dell’azienda sono stati rimossi da Internet, lasciando solo il suo handle LinkedIn.

Cos’è AI Music 
Secondo una copia del sito Web ormai defunto dell’azienda, la tecnologia di AI Music può creare colonne sonore utilizzando musica esente da diritti d’autore e intelligenza artificiale. L’idea è quella di costruire colonne sonore dinamiche che cambiano in base all’interazione umana. Ad esempio, la musica in un videogioco può reagire all’umore dell’utente o la musica durante un allenamento può adattarsi all’intensità dell’utente. Secondo un record del sito Web AI Music su Internet Archive, la società si è pubblicizzata come “musica che ti ascolta”. 

La missione di AI Music
La missione di AI Music, secondo la sua pagina LinkedIn , è “fornire ai consumatori il potere di scegliere la musica che desiderano, modificarla perfettamente per soddisfare le loro esigenze o creare soluzioni dinamiche che si adattano al loro pubblico”. AI Music presenta “soluzioni di musica adattiva senza royalty per escursioni sonore uniche che si preoccupano di come suonano”, secondo l’azienda, che utilizza l’IA. Secondo AI Music, la sua tecnologia unica consente alla musica di preservare i sentimenti umani tra generi e stili, pur essendo personalizzata per soddisfare le esigenze dell’utente. La società aveva precedentemente collaborato con agenzie pubblicitarie per creare annunci più coinvolgenti che cambiassero la musica a seconda dello spettatore.

Tecnologia all’avanguardia
La tecnologia dell’azienda consente alla co-creazione degli utenti di produrre soluzioni musicali con licenza completa che soddisfano queste mutevoli esigenze. AI Music afferma di disporre di “tecnologia che funziona come per magia” per consentire musica all’avanguardia e dinamica tramite interfacce di programmazione delle applicazioni velocissime che possono essere prontamente integrate in qualsiasi applicazione. Sul suo sito Web ormai defunto, l’azienda ha dichiarato che “AI Music consente a chiunque di creare musica esente da royalty su richiesta che può essere utilizzata e condivisa ovunque”. “Il modello di licenza Music As A Service è semplice, senza attriti e offre prezzi trasparenti e scalabili indipendentemente da dove e come i clienti scelgono di utilizzarlo”. 

Il track record di AI Music
Prima dell’acquisizione, Ad Swiss Net AG, BIMA, Universal Music Group NV, Made Music Studio, Hornet Networks Ltd., Abbey Road Red e Publicis Groupe SA erano tra i partner dell’azienda. Secondo Pitchbook, AI Music ha raccolto l’ultima volta a marzo 4,98 milioni di dollari in finanziamenti di capitale di rischio in fase iniziale. Alpha Intelligence Capital Fund e Abbey Road Red erano tra gli investitori. Quello che Apple ha in serbo per l’azienda è ancora un mistero. Ad esempio, Apple potrebbe utilizzarlo per produrre colonne sonore personalizzate per gli abbonati Apple Fitness+ o persino creare rumori ambientali in tempo reale con HomePod, secondo 9to5Mac. Cupertino di Apple, il portavoce con sede in California, ha rifiutato di commentare l’acquisizione.

Quali sono le prospettive per Apple? 
Nonostante le sue piccole dimensioni, l’acquisizione è una delle poche che il colosso IT ha fatto negli ultimi anni. L’acquisizione più recente di Apple è stata Primephonic, una startup musicale. Quest’anno, Apple prevede di integrare il servizio di streaming di musica classica di quella startup in un’app correlata ad Apple Music. Secondo un rapporto di ottobre, Apple ha sostanzialmente ridotto la sua spesa di acquisizione nel 2021, stanziando solo 33 milioni di dollari per gestire i pagamenti per l’anno fiscale. Ciò si confronta con 1,5 miliardi di dollari nel 2020 e 624 milioni di dollari l’anno scorso.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi